Vagando alla ricerca di notizie storiche

VERITÀ SUL FONDO

Come l’uranio delle prime bombe atomiche USA e la tecnologia dei proiettili all’uranio impoverito furono ceduti dai gerarchi nazisti agli Americani. In cambio dell’immunità.

di Roberto De Bortoli e Marco Saba
Osservatorio Etico Ambientale

Leggere http://www.edicolaweb.net/st000847.htm

23 Comments

  1. bourbaki

    Bisqui, le loro indagini e valutazioni penso vengano da una serata pizza e videocassetta.

    Guarda qua.

    Un resoconto più sobrio della storia, senza scomdare mistiche tedesche affette da difficoltà di digestione, la trovi qui.

    Per quanto riguarda eventuali patti faustiani tra USA e Nazisti per ottenere tecnologie nucleari, l’insinuazione dei signori dell’osservatorio etico ambientale è decisamente ridicola, visto che i nazisti non arrivarono nemmeno a sfiorare la realizzazione della Bomba per eccellenza, come più che ampiamente documentato.

    La perla dell’insinuazione è questa:

    La consegna era stata negoziata in cambio dell’immunità per Martin Bormann…

    E perchè mai, allora, Bormann si sarebbe suicidato nel Bunker con Hitler?

    (i suoi resti sono stati rinvenuti a Berlino nel ‘72 ed identificati nel ‘99 con il test sul DNA, per chi volesse fugare dubbi su fantasiose fughe in sudamerica).

  2. utente anonimo

    personalmente, credo sia una vera ciofeca…

    a parte che gli americani hanno speso due bilioni (cioè due milioni di milioni) di dollari nel progetto manhattan (nella ricerca che ha portato alla bomba atomica) e i nazisti bollavano come “menzogna giudea” tutto il lavoro di Einstain…

    a parte questo, se i nazisti avesserero avuto un’arma atomica utilizzabile, c’è da dubitare che non l’avrebbero usata?

    un mau storico

  3. Bisqui

    Ei! non prendetevela con me! L’ho trovata e visto che mi sembrava “molto articolata” l’ho postata per sentirne le opinioni.

  4. utente anonimo

    infatti, non me la prendo mica con te…

    però da un punto di vista storico e scientifico, sembra piuttosto campata per aria…

    un mau storico-scientifico!

  5. Bisqui

    Cacchio, ma bisogna sempre postare cose realmente corrette?

    Lo so che è una favola, chiunque con un attimo di buon senso ci farebbe un sorriso, ma mica tutti quelli che girano internet hanno la preparazione culturale necessaria per capire che un articolo è vero o falso!

    L’ho postato per mettere il dito nella piaga.

    Voglio dimostrare che non tutto quello che si trova su internet è verità assoluta e questo per una maggiore tutela dei minori!

    Il minorenne che ha letto questo articolo prima di me ha tirato queste conclusioni : i responsabili dei disastri ecologici (proiettili ad uranio impoverito) e le malattie dovutie al nucleare sono i Tedeschi e gli Americani.

    E’ chiaro ‘u concetto?

  6. Bisqui

    Avete notato che i disastri atomici nucleari riportati sono tutti USA? Come se Francesi, Russi, Cinesi, Inglesi e tutti gli altri non avessere mai avuto “incidenti”.

  7. utente anonimo

    per il #5

    Bisquì, non posso che essere d’accordo con te.

    del resto sono le persone ignoranti (come il minorenne di cui parli) le vittime predestinate di questa “disinformakia” (in russo , ahimè)

    un mau constatante

  8. bourbaki

    Bisqui, non volevo assolutamente dire che tu prendessi ste ose per oro colato!

    E’ che quando senti ste storiacce, da appassionato di storia e di storia della scienza, ti inizia a prudere la tastiera…;-)

  9. bourbaki

    evvabè, ho mandato in vacanza la grammatica…

  10. Bisqui

    si hai dimenticato l’acca davanti a H-ose

  11. LongJohnSmith

    Quando Little Boy cadde in testa ai giapponesi, l’elite degli scienziati tedeschi che lavoravano sull’atomica piangeva incredula in un carcere inglese.

    Su “Le Scienze” di questo mese, robba che i rossi e i cattolici manco sanno che sia, raccontano di come gli scienziati nazisti abbiano pianto nella loro prigionia inglese quando hanno saputo delle bombe atomiche americane in Giappone. Lavoravano da sei anni alla ricerca del modo di costruirle e erano increduli quando si resero conto che avevano perso la partita nucleare. Erano convinti che solo loro sarebbero riusciti a farlo. Poveri vermi nazisti. Lavoravano per dare le bombe atomiche al nazismo. Non solo bisogna ringraziare gli americani che hanno messo “Little Boy” in culo al nazismo Giapponese, ma pure gli inglesi per aver imprigionato i nazisti tedeschi che volevano la bomba atomica. E poi mi parlano di crimini contro l’umanità. Scometto che se l’avesse usata Stalin contro il nazismo giapponese non avrebbero avuto tanto da dire. Fessi. E ringraziate pure Fermi, che l’ha praticamente messa sulle mani degli americani l’atomica. Praticamente i nazisti si son dati la zappa ai piedi, due volte fessi non credevano che un italiano con moglie ebrea potesse arrivare all’atomica. Così Fermi è andato via dall’Italia per via delle leggi razziali. E si sono suicidati. Le ditature non vincono mai, per principio, e se un giorno gli USA saranno una ditaura, perderanno anche loro.

  12. intrattabile

    beh effettivamente alcuni nazisti si sono nasconsti in paesi dove c’era un regime controllato dall’america, no?

    e se se ne sono andati la’, un motivo ci sara’, no?

  13. bourbaki

    già già, intrattabile, gli amricani sono nazisti in incognito…. ma piantatela!

    La cosa ridicola di queste vostre basse insinuazioni è che poi vi date la zappa sui piedi quando in preda ad altre crisi convulsive dite che in america comandano gli ebrei sionisti, che, come è ovvio, sono tutti pappa e ciccia con i nazisti nascosti in sudamerica, eh?

    Storicamente, e con storicamente intendo cose documentate, non pizza birra e videocassette di stargatelineadiconfine, gli unici che hanno fatto ammuina con i nazisti sono i comunisti russi: sai che cos’è il patto Ribbentropp-Molotov?

    Long john cita correttamente Le Scienze del mese scorso (adesso siamo in ottobre, john) ma ci sono anche i resoconti lasciati da Niels Bohr, che disse chiaramente che il gruppo di scienziati tedeschi che lavorava per i nazisti non era mai riuscito a superare neanche gli studi preliminari pe la preparazione della bomba.

    Si dice che Fermi, quando ebbe notizia dello stadio a cui erano arrivati i crucchi, trasse un sospiro di sollievo.

  14. intrattabile

    gia’. hai ragione, bourbaki.

    (ti ringrazio per il plurale maiestatis)

  15. bourbaki

    Intrattabile, a corto di argomenti?

    Ti resta solo lo sfottò?

  16. grendel00

    Il concetto che stà dietro ai proiettili ad uranio impoverito è vecchio come il cucco: direi che il primo esempio sono i bolzoni delle balestre. In effetti il proiettile altro non è che un “dardo” sottocalibrato, con l’uranio impoverito a decuplicare l’energia cinetica (per l’altissima massa). Niente di diverso da un proiettile blindato, in fin dei conti.

    La cosa veramente innovativa sono gli “skeet” di cui parlavo a NinaLaFoue…

  17. EugenioCazzidui

    A parte che Long John Smith è divertentissimo da leggere, volevo dire che ti ho risposto sul topo dei bambini.

  18. utente anonimo

    Eugenio, a chi hai risposto? Senza soggetto è un attimino difficile capire a chi ti riferisci.

  19. EugenioCazzidui

    al proprietario del blos.

  20. LongJohnSmith

    Anche tu sei molto divertente e simpatico Eugenio. Fai pisciare dalle risate. :))

  21. musicisti

    long john parla della bomba atomica come se parlasse di noccioline.

    ma se la bomba l’avessero tirata sulla sua testa?

    dear long, è inutile parlare con i se..

    …se i comunisti

    …se i nazzisti

    …se se se

    la verità è che la bomba sui civili giapponesi inermi ed ignari l’hanno buttata gli americani.

    questo non è un se, è un fatto.

  22. Bisqui

    Allora, una volta per tutte, A Dresda non fù usata l’atomica e la distruzione in termini di vite e infrastrutture fu terrificante.

    Nessuno poteva immaginare che una sola bomba (l’atomica) potesse avere quell’effetto. Gli americani arrivarono primi ma se fossero stati i Russi o i Tedeschi o Qualcun altro sarebbe stata la stessa cosa.

    Lo dico non per giustificare gli americani, ma per sottolineare la crideltà umana quando si tratta di salvare la pelle.

    Tutti voi che scrivete qui se in pericolo di vita useresta qualsiasi cosa pur di salvarvi. L’uso delle armi è comprensibile anche se non giustificabile.

  23. musicisti

    intanto gli americani la bomba l’hanno tirata due volte, una non gli bastava.

    la cattiveria dell’uomo è ben conosciuta, comunque resta il crimini di tirare la bomba su civili inermi, senza preavviso e con il preciso intento di fare una strage.

    poi se vuoi possiamo fare una graduatoria dei crimini dell’umanità.

    comunque il crimine resta.

Comments are closed.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: