Uranio, un'altra bufala

Una delegazione della Commissione d’inchiesta sulle patologie che hanno colpito i soldati italiani impegnati all’estero si è recata in Bosnia e in Kosovo per visitare i contingenti militari italiani della Forza di pace europea in Bosnia (Eufor) e della Forza Nato in Kosovo (Kfor), oltre che per incontrare autorità e rappresentanti della sanità locale. Guidati dal presidente della Commissione, senatore Paolo Franco (Lp), i senatori Aventino Frau (aut.), Luigi Malabarba (Rc) e Tana De Zulueta (Verdi), accompagnati dai consulenti della Commissione, il 28 novembre hanno incontrato i militari italiani nella base ‘Tito Barracks’ di Sarajevo, “per verificare anche sul posto – ha detto Franco – le condizioni della protezione e il modo d’impiego dei nostri soldati”.

Nel corso del briefing, il comandante, colonnello Francesco Diella e gli ufficiali dello staff hanno illustrato alla delegazione i compiti, la struttura e le attività del contingente, con particolare riferimento a quelle svolte dal plotone per la difesa Nbc (nucleare, biologico, chimico), come il controllo dei siti del contingente, delle aree di impiego dei soldati italiani e dei materiali, residuati di guerra che, in possesso della popolazione, vengono consegnati all’Eufor nell’ambito delle operazioni Harvest (Raccolta). La delegazione ha anche visitato una delle località bombardate dalla Nato anche con proietti all’uranio impoverito nella tarda estate del 1995, nei pressi di Pale, 16 chilometri a est di Sarajevo.”Probabilmente non è l’uranio impoverito la causa diretta delle neoplasie – ha detto ancora il presidente della commissione – lo studio, per esempio, sulle nanoparticelle della dottoressa Antonietta Gatti fa pensare ad altre cause”.

Per febbraio prossimo, ha aggiunto, la Commissione spera di poter approvare “un documento con tutti i limiti di soli otto mesi di lavoro, e che qualcun altro potrà proseguire”. Nel pomeriggio del 28 la delegazione ha avuto un incontro con la Commissione d’inchiesta sulle radiazioni del parlamento bosniaco per uno scambio di esperienze e anche per chiedere “documentazione sulle conseguenze (dei bombardamenti), se ce ne sono, sulla popolazione in Bosnia”, ha detto la senatrice De Zulueta aggiungendo che l’impegno dei soldati italiani nel paese balcanico “sono dieci anni di storia”. “Volevamo conoscere le loro attività – ha aggiunto – ma anche gli accorgimenti intrapresi man mano che cresceva la consapevolezza dei rischi”. Dalla Bosnia la Commissione ha proseguito per il Kosovo, dove ha incontrato i responsabili militari italiani e medici e ricercatori locali.

Intanto è iniziato l’avvicendamento in Bosnia del 17° reggimento artiglieria Sforzesca di Sabaudia che verrà rilevato dal 7° reggimento bersaglieri di Bari, comandato dal colonnello Antonio Randine e inquadrato nella brigata corazzata Pinerolo. Il reggimento costituirà una task force di circa 300 militari, inquadrata nella missione ‘Althea’ di Eufor, con il compito di contribuire al processo di stabilizzazione dell’area. Il generale di brigata Attilio Claudio Borrella, comandante della ‘Pinerolo’, durante la cerimonia di saluto che si è svolta nella caserma ‘Milani’ di Bari, ha detto di essere “fiducioso dei risultati che il contingente saprà ottenere”. Il contingente, oltre ai bersaglieri del 7° comprende anche anche i carristi del 31° reggimento di Altamura e si appresta a realizzare la normalita’ “in un Paese martoriato – ha affermato il colonnello Randine – da quella pulizia etnica che mai dovrebbe esistere”.

40 Commenti

  1. ephrem

    Guarda caso nel comitato che ha lanciato la battaglia contro l’uranio impoverito ritroviamo quel Domenico Leggiero che in un documento affermava a supporto del servizio di RaiNews24 ha affermava: “Il filmato pubblicato in questo speciale di Rainews24 mostra la micidiale pioggia di fosforo bianco scatenata da elicotteri da combattimento su Fallujah; intorno alle aree colpite, per un raggio di circa 150-200 metri, si è innescata una reazione incendiaria a catena, colpendo i tessuti vivi e ricchi di ossigeno delle persone presenti e provocando un “effetto microonde” paragonabile agli ordigni a “effetto neutronico” (che lasciano integri gli edifici e uccidono gli esseri viventi).

    OSSERVATORIO

    Il Comparto Difesa

    Isp. CFE Dct. Domenico Leggiero”

    Strana coincidenza?

    Eph…

  2. Bisqui

    Bè mica tutti sono perfetti, qualcuno lo è di più di altri

  3. ephrem

    Convieni che, aver fatto ricorso a questo personaggio, sia di per sé pernicioso? Credo che, in un certo senso, nascondesse la volontà di collegare i due avvenimenti…

  4. Bisqui

    Hai ragione. Ma loro sono molto bravi a costruire le notizie, il fatto che una volta date poi è difficile anche smentendo che diventini luoghi comuni. Ci vorrebbe una massiccia controinformazione che noi per un motivo o per un’altro non facciamo.

  5. Bisqui

    Guardati le foto del post precedente e dimmi se non è palese che i “civili” non esistono. Adesso ficcalo in testa agli zucconi pacifinti che sono convinti che i cattivi sono gli occidentali. Non si sono neanche commossi davanti alle bambole al tritolo!

  6. ephrem

    Se l’informazione fosse realmente in mano al regime di cui cianciano, non sarebbe difficile fare controinformazione su queste informazioni, il problema é che il peso “politico” dei giornalisti del centro destra é pari a zero: Masotti, Socci ed altri sono stati “fatti fuori” dal palinsesto della Rai senza che schiere si inalberasserro denunciando l’attacco alla libertà d’informazione. Ora é possibile che a Santoro venga riconosciuto un DIRITTO alla visibilità mediatica (”voglio il mio microfono” ha tuonato) che viene negato ad altri?

  7. utente anonimo

    Al peggio non c’è mai fine… adesso ritirano fuori la storia dell’uranio non impoverito, ma esaurito, depleted (è la traduzione italiana che fa difetto), la cui radioattività è minore di quella del suolo allo stato naturale, e che sicuramente è tossico, ma non più del benzene che ci respiriamo tutti i giorni quando facciamo benzina…

    Se in un paese ex-comunista vogliamo cercare la causa di un livello insolito di neoplasie, non bisogna andare a cercare complotti, ma la fabbrica più vicina, visti gli standard ambientali degli ex-”paradisi dei lavoratori”…

    Per i militari, è molto più probabile che un livello anormale di malattie sia dovuto agli altri composti che si utilizzano in teatro di guerra (solventi, componenti di esplosivo, etc.).

    Quella dell’uranio è la abituale prova che certi politici pensano solo all’effetto mediatico delle parole (uranio=male) per poterle cavalcare e ottenere consenso. E giù dietro orde di pacifinti dai pochi neuroni a innaffiarli di voti…

    à la guerre…

    Hermes

  8. robinik

    Complimenti per le tue ricostruzioni sempre precise.

    Buona Vita!

  9. grendel00

    http://www.iaea.org/NewsCenter/Features/DU/faq_depleted_uranium.shtml

    Based on credible scientific evidence, there is no proven link between DU exposure and increases in human cancers or other significant health or environmental impacts.

    According to the World Health Organization (WHO), very large amounts of DU dust would have to be inhaled to cause lung cancer from radio toxicity (ti devi chiamare Lapo per subire danni, ndG). Risks of other radiation-induced cancers, including leukemia, are considered to be very much lower still.

    Lo dicono la IAEA e la WHO (OMS, in italiano), non George “double-U”…

  10. ephrem

    A Grendel pé loro lo deve dire l’ONU, solo se l’ONu dice qualcosa vale… cioé vale se gli conviene, perché in genere le risoluzioni non valgono, cioé non valgono come prove così quanto non valgono le bustarelle e le corruzioni della stessa….

  11. utente anonimo

    [OT] Bisquì, Johnny Winter mi ha lasciato questo link:

    http://switch3.castup.net/cunet/gm.asp?ClipMediaID=93258&ak=null

    è un video sulla battaglia di Falluja, magari ti può interessare.

    Wellington

  12. utente anonimo

    veramente l’ONU ha anche detto che “tutti i paesi membri devono fornire assistenza, anche militare, allo stato iracheno”.

    A chi è in malafede non basta che lo dica l’ONU…

    Hermes

  13. Otimaster69

    Questo post mi tocca di commentarlo in privato, ti mando una mail giovedì visto che avrò tempo di scrivere con calma.

  14. Lisistrata

    Ciao, ha ragione Ermes, che al peggio non c’è mai fine, con questa gente potrebbe stupire solo il venire a sapere che ragionano in senso razionale e non come pecore al pascolo spinte dai cani che le mordono ai polpacci eppure sono convinti di usare il cervello.

    Ma se ne hanno solo uno in condominio in 500.000….

    Ciaooooo

    P.S. stai preparando il dossier vero?

  15. EugenioCazzidui

    Mah, questa non la sapevo.

    Comunque il video è fighissimo! Stima e rispetto.

  16. utente anonimo

    pssss…le sentite queste voci….

    Sono i sostenitori del ritiro delle truppe italiane dall’iraq perchè esercito occupante per il petrolio dell’eni e non in missione di pace, che tornano a ricordarsi di:

    1) le guerre che hanno promosso loro sotto la costituzione di Scalfaro (come disse lui: “la mia costituzione”… quella con l’articolo 11 ora acclamato a quel tempo accantonato)

    2) Sono le voci di chi richiede il ritiro dall’afganistan {…esistono truppe anche in afganistan?! e peggio ancora…esiste qualcuno che se ne ricorda?!}

    3)sono le voci di chi protesta per l’occupazione con eserciti (cinese indiano e francese)del Sudan senza che sia stata risolta la questione darfur (però la Cina oggi può importare ben il 50% del petrolio sudanese).

    Ahhh voi non sentite nulla e nessuna voce….può darsi….è perchè non sapete ascoltare bene….indubbiamente 😉

    Viva la coerenza umana.

  17. utente anonimo

    “…innescata una reazione incendiaria a catena, colpendo i tessuti vivi e ricchi di ossigeno delle persone presenti e provocando un “effetto microonde” paragonabile agli ordigni a “effetto neutronico” (che lasciano integri gli edifici e uccidono gli esseri viventi).”

    Ragazzi….ma siamo ancora vivi?!…non si è distrutto il mondo?! o forse è successo un nuovo big bang e non ce ne siamo accorti finendo in una dimensione parallela?!

    Altro che uranio nelle centrali nucleari…altro che idrogeno nei tocamak….bisogna metterci un uomo con un po’ di fosforo bianco e risaniamo la richiesta energetica interplanetaria fornendo tra l’altro energia pulita.

    :((

    Tralasciando che il video di rainews mostrava gli effetti devastanti sugli edifici di fallujah (abbattute il 95% delle case…ehhh..) con una rimirabile foto satellitare a bassissimisssssssima definizione, faccio ironia nera….perchè a sentir certe idee meglio l’ironia noir che credere a certe frasi.

  18. utente anonimo

    Beh, non e’ che questa roba faccia benissimo… ma e’ paragonabile allo smog cittadino: chi ha piu’ anticorpi non sviluppa nulla anche se dirige il traffico. Chiaramente la girano e la rigirano come vogliono perche’ hanno il coltello dalla parte giusta.

    Gli eserciti non servono a niente…

    Chi ha un esercito e’ un guerrafondaio…

    Le armi sono brutte…

    La pace senza se e senza ma…

    Insomma: sono la bonta’ allo stato puro, pero’ quando vanno al governo prendono a cannonate le navi cariche di clandestini. Il loro motto e’ “coerenza”.

    Senti un po’: i “Diavoli neri” non erano una compagnia del V BTG Par.?

    Mi sembrava di ricordare qualcosa del genere quand’ero a Livorno.

    Lo PseudoSauro

  19. anonimaus

    Meno male, ora tutti i veterani della prima guerra del golfo, che tornati a casa hanno avuto figli deformi o con rare malattie genetiche, e quelli che si sono ammalati di tumori e leucemia con un’incidenza 1000 volte maggiore della popolazione normale saranno sollevati dal sapere che il DU combusto non fa male.

    Sarà stata la sfiga.

  20. utente anonimo

    Anonimaus,

    sai leggere o ti devo insegnare io come fare? Torniamo all’asilo, e ricominciamo con i cubetti? Leggi bene i nomi dei parlamentari e scrivi incazzato a loro e a tutta l’area prodi, non acassare il caxxo a me. Se non siete capaci di raccontare le bugie, non raccontatele che fate più bella figura. Visto che sai tutto dammi le fonti dove vengono riportate le statistiche dei “figli deformi”. Beata ignoranza!”

  21. utente anonimo

    “tumori e leucemia con 1000 volte l’incidenza della popolazione normale”? interessante queste statistiche dai numeri così belli tondi, nevvero? La fonte quale sarebbe? Rainews?

    rimane il fatto che l’uranio impoverito NON E’ RADIOATTIVO, vacca boia.

    Tossico lo sarà pure magari, non lo so, ma io personalmente avrei più paura ad annusarmi i residui dei propellenti dei missili, ad esempio.

    O magari i fumi dei pozzi incendiati da quel brav uomo di Saddam (a quando il nobel per la pace dagli storditi di stoccolma, a proposito?).

    Poi, volendo possiamo fare il discorso di esattamente -quanto- DU c’è nei munizionamenti, in quanto sono armi APFSDS. ossia che hanno solo un “penetratore” piccolissimo in uranio, da cui buona parte della loro efficaci…

    Insomma, proprio non ci riescono i pacifinti a capire quando una cazzata è una cazzata e basta…

    Hermes

  22. utente anonimo

    Tra l’altro, anche se fosse stato colpito da un proiettile HEAT e non da un APFSDS io un giretto su una carcassa di T55 non me lo farei. Quei vecchi carri sovietici anni’50 avevano l’interno rivestito in piombo per proteggere l’equipaggio dal fallout di esplosioni nucleari. Immaginate che succede quando bruciano.

    Il fatto è che chissà quanti elementi tossici ci sono su un campo di battaglia odierno, ma putacaso si protesta solo per il DU.

    Wellington

  23. utente anonimo

    una volta da qualche parte poi avevo letto gli effetti della respirazione dei vapori di combustione dell’esplosivo al plastico (tipo C4 o semtex) non mi ricordo esattamente, ma mi ricordo che erano “interessanti”…

    Hermes

  24. utente anonimo

    Per chi possa interessare, quanto segue è estratto da un lungo thread apparso in un forum piuttosto lontano dall’argomento in questione. Non ne conosco l’autore, che comunque mi pare persona seria, preparata e documentata, oltre che testimone diretto dei fatti, come si evince dalla chiusa. Non ho idea delle norme che regolano l’inoltro o la pubblicazione di materiale tra forum, blogs eccetera, per cui lascio al proprietario del blog la decisione se pubblicare o meno. Il testo risponde alle accuse lanciate in un sito di animazioni antiamericane http://www.bushflash.com/pl_lo.html

    ed è ospitato insieme a tutto il thread in http-//www.toronews.net/forum/viewtopic.php?t=42610&postdays=0&postorder=asc&start=0

    buona lettura

    Baron Litron (mi spiace ma io non ho blog)

    Vedi,****, con I numeri si può fare ciò che si vuole. Il problema degli scienziati, specialmente quelli intellettualmente disonesti, è di credere di essere gli unici abili a manipolarli a loro piacimento, nonché di ritenere il cittadino medio un bruto che beve acriticamente tutta la scienza che loro si pregiano di versare nella sua bocca assetata.

    Anche prendendo per buone le cifre riportate nello studio che ci hai gentilmente riportato (e non sono cifre oneste: i proiettili DU sparati nei Balcani sono 31.000, come riscontrabile dal registro di carico e scarico degli arsenali USA, sottoposti a controlli molto severi. Il tuo ‘studio’ invece accetta le tesi iugoslave di 50.000 proiettili. Anche fossero 50.000, i tuoi scienziati hanno dato per scontato che fossero tutti 30 mm sparati dalle Gatling dei Thunderbolt e dalle M230 degli AH-64 Apache, proiettili che contengono circa 300 g di DU, per arrivare al peso totale di 15 ton. Ma la maggior parte di quei proiettili erano cal 20 (le Vulcan di Tomcat e Hornets) o 25, con quantità inferiori. Per cui la cifra di 15 ton non è obiettiva), quello che ne esce non è il quadro apocalittico che si vuol far credere.

    L’ipotesi è che in 1000 mq siano stati sparati proiettili con un contenuto complessivo di 10 kg di DU. Seguendo questa ipotesi, le 15 ton di DU che dicono siano state riversate sulla Jugoslavia sarebbero concentrate in UN KM QUADRATO E MEZZO. Quando si dice la concentrazione di potenza, nevvero?

    Ma andiamo avanti. L’ipotesi prevede che TUTTI i 10 kg di DU vengano polverizzati in frammenti grandi tra i 5 e i 0.5 micron. Ora, ritengo che gli estensori di tale dotto trattato non siano matematici puri, ma fisici o ingegneri. Gente, cioè, che dovrebbe essere un tantino pratica, non esasperatamente teorica. Io ho visto infinite volte i resti di proiettili e proietti DU. La maggior parte dei frammenti del “DU rod” è visibilissima a occhio nudo, anche quelli che si incendiano perché il DU è notoriamente piroforico. Se visibile ad occhio nudo, empiricamente mi sento di poter escludere che la loro grandezza sia nell’ordine del micron o di sue frazioni.

    Ma ammettiamo che tale ipotetica teoria, per assurdo, si realizzi.

    Ebbene, questo DU aerosolizzato viene contato ben otto volte: quando ci si espone, quando viene inalato (PER UN MINUTO INTERO), quando viene ingerita un po’ di terra (prassi forse comune tra gli scienziati, un po’ di meno tra i comuni mortali), quando ci si espone temporaneamente, quando ci si espone a lungo, dopo il suo fall-out sull’insalata e le fragoline di bosco, sia subito che in futuro, quando penetra perfidamente le falde acquifere e viene poi bevuto.

    Ora, il DU assunto oralmente non è in alcun modo riconducibile a cancri o leucemie: un’eccedenza di casi di leucemia tra quelli esposti a radiazioni si ha solo quando è stata riscontrata una dose di radioattività di 100 rem (1 Sievert) o più nel midollo osseo. Qui si parla di 5-6 milliSievert, e nel corpo umano l’uranio si concentra sulla superficie delle ossa, non all’interno. La più alta esposizione radiologica possibile da parte del DU (penetrazione di grossi frammenti di DU) è di 5 rem (50mSv).

    Quello aspirato, secondo il dotto trattato, se addizionati di un una tantum non meglio specificata (‘Aumentando prudenzialmente la cifra annua includendovi i contributi “una tantum”, il cui effetto non è affatto trascurabile sull’insieme della popolazione, si può considerare un valore annuo di dose a persona intorno ai valori massimi della stima effettuata, ovvero sui 5-6 mSv/anno’), può arrivare a 5-6 mSv/a, e potrebbe provocare un tumore/anno in più su 10.000 persone esposte rispetto ad uno stesso campionew non irradiato (veramente la cifra esatta è di un cancro in più su 10.000 quando la dose è di 10 mSv/a, ma siamo di manica larga, noi). Ovviamente, se solo il 10% di queste 10.000 persone fumasse, solo i cancri al polmone in più sarebbero 16. Se fumassero tutte (come avviene in Jugoslavia), sarebbero 160. Ma altrettanto ovviamente il DU è più pericoloso, ed è addirittura un’arma di distruzione di massa.

    Uno su diecimila equivale a 250 su due milioni, continua drammaticamente l’erudita esposizione. Chiaro che questi due milioni di persone debbono essere ammassati in quel famoso km quadrato e mezzo ove 15 ton di DU vengono riversate da vulcan e gatling impazzite. E il DU aerosolizzato di ogni singolo proiettile deve essere voluttuosamente aspirato da 2.000.000/50.000= 40 persone. Velocemente, perché l’uranio è pesante, e tende a cadere subito a terra. Quindi, coordinazione perfetta, compagni, e annusate proprio quando il proiettile si aerosolve, perché ne avete solo uno a disposizione! E badate bene, continuate ad inalare per diversi minuti, assicurandovi che il DU non venga attirato a terra dalla forza di gravità, perché così vogliono i nostri scienziati, amici della pace ma nemici dell’obiettività!

    Inutile dire che, con un tale volume di fuoco concentrato su un così spaventoso ammassamento di gente, l’ultima preoccupazione dei poveretti sarà la notizia – gentilmente offertaci dai cinque saggi – che fra un po’di anni uno di loro su diecimila potrà prendersi un tumore.

    Quando poi il DU cade per terra, come ammette il trattato, è un po’ difficile da trovare. Soprattutto, è difficile distinguere quello che è stato disseminato dai cattivi americani dall’uranio (completo, isotopo 235 compreso) che esiste in natura. Che su un km e mezzo di terreno normale, in 30 cm di profondità, ammonta a circa 4 tonnellate, a cui su pari estensione di terreno agricolo trattato con fertilizzanti ai fosfati si possono aggiungere centinaia di chili all’anno.

    Con elucubrazioni condotte per assurdo, basate su dati non confermabili, forzate in più punti si è riusciti a ritenere possibile che il DU possa procurare un caso di tumore su 10.000 persone esposte.

    Ergo, il DU è un’arma di distruzione di massa, e deve a buon diritto essere paragonato ai gas nervini.

    Che in 10 secondi uccidono il 100% delle persone che li inalano. Morte rapida ma atroce, con tutti i muscoli contratti e non rilasciati per l’inibizione della colinesterasi.

    By the way: io sono arrivato in Kosovo nell’ultima decade del giugno 1999. In quella caserma distrutta che c’è sulla strada tra Pristina a Kosovo Polje, dopo la fabbrica della Jugoplastika, dopo il cavalcavia, sulla destra, durante la bonifica sono stati trovati 40 barili da 200 kg di benzene. Pieni. E ce n’erano almeno il doppio vuoti, parecchi rotti.

    Vediamo se puoi fare un’altra bella ricerca e riesci a scoprire se per caso il benzene (che pare fosse usato dagli iugoslavi anche e addirittura per pulire certe armi) ha qualche effetto nocivo sugli esseri umani…

  25. Bisqui

    Baron Litron,

    grazie di essere intervenuto. La nostra biologa stava già lavorando sul caso, la avverto di leggere immediatamente questo tuo esposto.

    Torna quando vuoi e a buon rendere

  26. squitto

    DU=gas nervini anticolinesterasici?

    danni del benzene? 😉

    arrivo… il motivo del mio ritardo è ben noto al padrone di casa. Ma questo è un invito a nozze!!

    a presto

  27. squitto

    oooops, ciao padrone di casa

  28. squitto

    mi sa che devo spezzettare i prossimi post, troppa roba

    ;))

  29. utente anonimo

    Hey Squitto non dimenticare il mio piombo! lol

    Wellington

  30. utente anonimo

    “Ora, ritengo che gli estensori di tale dotto trattato non siano matematici puri, ma fisici o ingegneri. Gente, cioè, che dovrebbe essere un tantino pratica, non esasperatamente teorica.”

    Teoria e pratica per gli ingegneri vanno a braccetto e differentemente a quanto uno pensa l’una conferma l’altra e viceversa.

    Diverso caso è la statistica in cui la raccolta dai gioca un ruolo importante o il modello usato. Oggi non esiste ancora un metodo certo che permetta di affermare con sicurezza che i dati delle statistiche non vengano manipolati da chicchessia le presenta (matematici, statistici…meno gli ingegneri che ragionano con le probabilità sui fatti e non sulle balubate).

    Poi se il mondo mediatico è diviso fra gruppo 1 e gruppo 2, perchè il mondo statistico non dovrebbbe essere diviso fra il gruppo 1 ed il gruppo 2? Infine che io sappia iran e iraq sono rinomati per la presenza di uranio (iraq con vena profonda iran con vena a cielo aperto o quasi)…Nei balcani non so minimamente della presenza di uranio nella terra, ma una cosa non la trascurerei: l’uranio non è l’unica fonte di deformazioni e di materiali nocivi ce ne sono parecchi soprattutto nei casi di combustione (per es: edificio bombardato che prende fuoco e tutta la plastica-vernici od affini contenuta all’interno brucia creando fumi tossici e purtroppo la guerra fra fronte 1 e fronte 2 è costretta magari a starci vicino senza possibilità di spostarsi).

    Infine fra le tante paventate grida di Abbasso bush che non ha firmato kyoto (dovute in gran parte all’ignoranza, poichè oggi si sta vedendo quanto avesse ragione poichè le industrie si stiano delocalizzando in Cina creando problemi nei posti di lavoro, maggiore inquinamento per trasportare qui le merci e inquinamento incredibile ove kyoto ammette il diritto di insozzare il mondo) finalmente c’è qualcuno che ricorda ancora dei pozzi petroliferi incendiati da Saddam nel 91 (e pure oggi sono stati incendiati si badi bene) che hanno povocato un inquinamento ed un aumento dei tumori in tutto il mondo colpendo soprattutto le regioni + prossime. Si spiega quindi come mai le carni animali (che mangiano vegetali contaminati) siano + a rischio tumore dello smog (ricordo comunque che anche questa è una statistica).

    Vi ricordate l’immagine che circolava nelle tv della mucca che ruminava con sullo sfondo il pozzo petrolifero in fiamme che alzava una colonna di fumo nero alta km (oscurava il sole)?

    Quanto mi piacerebbe rivedere quell’immagine. E’ l’esemplificazione che al giorno d’oggi tutti si devono fare gli affari di tutti…perchè i mezzi per un qualsiasi monarca per fare quello che gli pare invadendo la salute altrui li hanno in mano tutti e possono anche senza terrorismo ricattare il mondo!

    Saluti Johnny Winter

  31. utente anonimo

    🙁

    emmm..ricontrollare prima di cliccare pubblica…

    “la raccolta dai gioca un ruolo importante”—> dai = dati

    Scusate…

  32. utente anonimo

    Infatti, nessuno ha notato che le radiazioni sono cancerogene soltanto quando prodotte da un combustibile concorrente al petrolio? Che la maggior parte delle scorie radioattive destinate a Scanzano provengono dagli ospedali? Nessuno ha notato la contraddizione stridente tra il voler eseguire delle radioterapie o delle semplici radiografie, esponendo i pazienti (a fin di bene, of course) a radiazioni anche molto perniciose, e il rifiutare di produrre l’energia per le suddette operazioni con reattori nucleari implicitamente sicuri, affidandosi invece al termoelettrico da idrocarburi, con annessi fumi cancerogeni? E non viene mai fatto rilevare che l’uso dello spauracchio uranio è sempre strumentale (quando è un combustibile concorrente, appunto), e che capita proprio a fagiolo che materiali estramamente tossici (come per esempio il benzene della benzina verde) si trovino in aree dove furono impiegate armi al DP, in modo da poter scaricare su questo nuovo mostro tutti i dubbi possibili?

    E infine, qualcuno mi sa spiegare perché il metano quando scoppia nelle miniere di carbone dai giornali viene chiamato grisou?

    Chiaramente, rispondere in maniera onesta dovrebbe portare al suicidio per vergogna trooooppe persone, e quindi una risposta non ci sarà mai…..

    Baron Litron

  33. grendel00

    @anonimaus, risulta invece che la cosiddetta “sindrome del golfo” sia stata causata in primis dai cocktail di vaccinazioni e trattamenti per preparare le truppe USA ad affrontare le armi bilogiche di Saddam, senza poi considerare l’inquinamento dovuto all’incendio dei pozzi.

    Inoltre sembra che le squadre di specialisti addette alla demolizione degli arsenali chimici di Saddam abbiano operato un po’ “spavaldamente”, senza adeguate protezioni.

    La maggior parte, se non la totalità delle vittime della suddetta sindrome erano membri di reparti speciali o unità altamente specializzate, coincidenza?

    Considerazione: il DU viene usato da tutti gli eserciti del mondo da almenno 30 anni, specialmente nei carri armati. Proviamo a fare un calcolo mentale approssimativo di quanti hanno fatto il loro servizio militare a contatto con proiettili al DU (carristi, ma anche magazzinieri, addetti alla logistica…). Ci dovrebbero essere decine di milioni di malati di leucemia in tutta Europa, centinaia, contando anche l’ex-patto di Varsavia (il rapporto di forze tra mezzi corazzati negli anni ‘80 era circa 5000 per la NATO e circa 40000 per il patto di Varsavia). Ora, non mi è ancora capitato di vedere mucchi di cadaveri vittime di leucemia agli angoli delle strade, come durante la peste nera… A voi?

  34. utente anonimo

    [che bello il suono del pensiero debole che crolla 🙂 complimenti a tutti!]

    Hermes

  35. utente anonimo

    Grisù è il nome del gas per i minatori poichè provoca fiammate rossastre come il drago, poi l’hanno analizzato ed hanno scoperto che è un gas metano sporco + qualche altro elemento…ma molto pericoloso perchè come il metano inodore (quello dei fornelli ha additivi) e soprattutto con una capacità esplosiva bella tosta.

    Beh c’è da valutare la differente quantità usata. Diciamo che nell’ambito medico è un infinitesimo rispetto all’ambito centrale nucleare, come nemmeno è così semplice confrontare un pozzo petrolifero che brucia (camboidrati impuri) invece che una termoelettrica che usa idrocarburi raffinati con l’uso di filtri di attenuazione.

    L’ambito militare non so dove si pone e sinceramente e vale comunque sempre l’idea…se non servono se ne può fare a meno. Se consideriamo però che il mondo mediorientale integralista si rifornisce dalla Russia che se ne sbatte dei vari fosforo e quant’altro e che il mondo africano si rifornisce dalla Cina che se ne sbatte a prescindere dal guadagno che ne può trarre da qualsiasi cosa (avete presente Blob?!) c’è da chiedersi che coerenza esista al mondo. Quando ci saranno guerre convenzionali con medesimi trattati firmati dai “partecipanti” allora potremmo anche abbandonarci a moralismi e censure sulla base dei trattati.

    Tra l’altro la Val di Susa, a leggere i post di Grillo che non fa cerca mica di incutere terrore sfruttando amianto metalli pesanti e uranio con i sui post di questi giorni nelle menti deboli di chi non sa (deboli perchè non sanno minimamente delle tecniche di smaltimento dei due materiali…comunque qualcuno si incavolerà per questa affermazione), sta fra la bomba atomica e la centrale nucleare…. quindi no tav…ma si alle case ed all’abitabilità. C’è qualcuno che mi spiega il significato della parola COERENZA?!

    Tra l’altro continuiamo con l’istigazione alla psicosi come sa fare Beppe Grillo: voi conoscete il radon?

    Avete fatto qualche prova per vedere se sotto casa vostra c’è fuoriuscita di questo gas? Perchè beppe grillo non ne parla? semplice perchè se lo riserva per la prossima opera da far fermare un po’ come fece quando istigò gli operai della fiat contro l’azienda grazie all’idrogeno facile che facile non è e soprattutto che si produce senza spese superiori ai guadagni energetici solo se lo si ricava dal petrolio.

    Beppe Grillo è un istigatore che sta facendo con il terrore (sfruttando argomenti vari) + danni che benefici senza averne l’autorità.

    Ed il granito? e radioattivo o no?

    E gli esperimenti nucleari delle varie nazioni? l’america nè ha eseguiti in bel pacco….fino al 1960…poi ci sono tutte le altre nazioni. Chi si ricorda + della Francia a Mururoa 1995? perchè non linciano la francia tanto quanto gli usa (vedi questione niger gate sul blog di sechi in cui si parla di dossier falsi dati dal DGSE agli USA per depistarli)

    E perchè nessuno ha detto niente quando la nord corea il giugno scorso ha fatto un esperimento nucleare facendo esplodere una bomba…hanno depistato dicendo che era crollata una diga (gli hanno ribadito che sismografi e satelliti dicono tutt’altro).

    Tutti a linciar l’america che non ha firmato Kyoto…

    Dopo l’homo sapiens è sorto l’homo incoerentius…detto anche nun-sapiens o sapiens-solo-quello-che-fa-comoden…

    Ok. mi son sfogato …

  36. utente anonimo

    Caro anonimo, io in rete ho trovato perfino un tizio che sostiene che i proiettili al fosforo bianco rilasciano amianto.

    Wellington

  37. squitto

    di amianto a Falluja dovevano essere fatte le palme e le piantagioni, visto che son rimaste tutte vive e vegete dopo il bombardamento che si sostiene sia avvenuto…

  38. ephrem

    La palma d’amianto produce i famosi datteri all’uranio…

  39. utente anonimo

    ma in realtà le palme all’uranio/amianto sono una macchinazione giudaico-crociata per opprimere l’islam.

    E’ scritto espressamente nei protocolli dei savi di sion.

    [magari se mando una lettera così a Rainews ci fanno un servizio…]

    Hermes

  40. utente anonimo

    No guardate che non avete capito.

    Lì l’amianto poteva starci soltanto per fare l’effetto pareti del microone che con il cosiddetto effetto microonde al fosforo bianco avrebbe fatto una strage.

    E non diteglielo a Morrione che un cd dentro ad un microonde crea un effetto fotoelettrico con scariche verso tutte le direzioni e conseguente rovina del forno… perchè altrimenti rainews potrebbe farci un servizio.

    Vi lascio vado a provare un fiammifero acceso dentro il microonde spento con i soldatini di plastica.

    Si mi diverto con poco.

i commenti sono chiusi

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: