Tag: wahabismo

In Francia voti in cambio di moschee

Flag_of_France_with_islam_symbol-300x199 Da Perpignan a Courbevoie passando per Strasburgo.

I sindaci socialisti svendono terreni del comune alle comunità musulmane che offrono loro consenso elettorale mentre a Parigi, all’Assemblea nazionale, il premier Valls faceva finta di fare il duro contro l’islam radicale, annunciando la chiusura se necessario delle moschee salafite (il 29 giugno, tanto per rendere l’idea dei proclami fuffa del primo ministro socialista, è successo che lo stesso Valls ha premiato con la Legione d’onore l’imam radicale della moschea di Evry-Courcouronnes, Khalil Merroun, adepto del wahabismo saudita.
A Perpignan, la scorsa settimana, il Consiglio municipale ha votato la vendita di un immenso terreno situato ad ovest della città, nel quartiere di Mailloles, all’Associazione arabo-turca de l’Ensoleillé (Assate), la quale costruirà una grande moschea e annesse sale di preghiera approfittando di una superficie di 2400 m2 (in realtà sarebbe meglio parlare di svendita, dato che l’associazione verserà la modica cifra di 144.000 euro, pari a appena 60 per metro quadrato).83d8c50e95eee90bfc6aafe4cc78786750de0d53
In concomitanza, nella città di Courbevoie, a nordovest di Parigi, l’Associazione culturale dei musulmani di Courbevoie (Acmc) ha ricevuto dal comune il placet (affitto enfiteutico per 80 anni) per l’innalzamento di un’altra monumentale moschea che si estenderà su 680 m2.
Niente di scandaloso, se non fosse che sia nel primo che nel secondo caso le delibere delle due giunte fanno seguito a una promessa elettorale dei due sindaci – un puro voto di scambio, insomma – e che una parte della costruzione delle due moschee sarà finanziata con i soldi dei contribuenti.
Il tutto, sullo sfondo delle dichiarazioni di Dalil Boubakeur, rettore della Grande Mosquée di Parigi, che ha gridato la necessità di raddoppiare il numero delle moschee in Francia, e di un recente rapporto dell’intelligence francese pubblicato dal Figaro, secondo cui 41 moschee considerate “moderate” stanno per passare sotto il controllo dei salafiti.81059568-p-2
Durante la campagna elettorale per le municipali 2014, il primo cittadino di Perpignan, Jean-Marc Pujol dei Républicains (centro-destra), aveva assicurato alla comunità islamica locale, che richiedeva a gran voce di sostituire la piccola sala di preghiera della città con un’area di preghiera più spaziosa, la messa a disposizione di un vasto terreno per un’altrettanto vasta moschea.
In cambio, naturalmente, la comunità islamica di Perpignan doveva votare compatta per il sindaco repubblicano. Detto fatto.Stessa storia per il sindaco neogollista di Courbevoie Jacques Kossowski, sollecitato già nel 2011 dall’Associazione culturale musulmana della città.
Vuoi avere il nostro voto ed essere riconfermato sindaco?
Allora concedici un terreno dove possiamo costruire una moschea. Richiesta accolta da Kossowski in accordo con il Partito socialista e contestata soltanto dai due consiglieri comunali del Front national, che hanno denunciato un «voto accordato ad occhi chiusi senza la consultazione degli abitanti di Courbevoie».Se il patto scellerato tra eletti Républicains/Ps e comunità islamiche si limitasse a questi due episodi, in fondo, non ci sarebbe troppo da preoccuparsi.
france_islamique1
Ma come ha rivelato il giornalista Joachim Véliocas, nella sua inchiesta esplosiva “Ces maires qui courtisent l’islamisme” (uscito da poco per le edizioni Tatamis) gli inciuci tra sindaci e imam sono diventati sport nazionale in Francia e a farne le spese naturalmente sono i contribuenti.
È successo a Nantes, con il sindaco ed ex premier socialista Jean-Marc Ayrault: 200.000 euro di finanziamento direttamente dalle casse del comune. Ed è successo nella ultraindebitata Parigi, quando l’amico storico del presidente Hollande, Bertrand Delanoë era primo cittadino: 16 milioni di euro per l’Institut islamique, che comprende anche delle sale di preghiera, in barba alla legge del 1905 sulla laicità.
E quando non si tratta della costruzione di una moschea ex novo, si tratta comunque del suo ampliamento.Come a Strasburgo, dove la scorsa settimana è stato ufficializzato lo sblocco dei finanziamenti da parte del sindaco socialista Roland Ries.

Nel menù 5 nuove sale per insegnare l’arabo e i principi della Sharia
france-sharia-4-france

Foto AFP. Vignetta: 14 words e Islam veritè

di Mauro Zanon da Libero Quotidiano del 5 luglio 2015

Islamic concept of Al-Taqiyah to infiltrate and destroy kafir countries

il vero islam
il vero islam

By the doctrine of Al-Taqiyah, Muslims dominate crime syndicates, increase population by massive Bangladeshi infiltration and make temporary alliances with Dalits, Christians, etc.

In the early years of the Islamic conquest of the Arabian peninsula and in the Fatah (Arab-Islamic invasion and conquest of the upper Middle East and the outside world), a Muslim concept was devised to achieve success against the enemy (non Muslims), Al-Taqiyah. Al-Taqiyah, from the verb Ittaqu, means linguistically dodge the threat. Politically it means simulate whatever status you need in order to win the war against the enemy …

According to Al-Taqiyah, Muslims were granted the Shar’iyee right (legitimacy) to infiltrate the Dar el-Harb (war zone), infiltrate the enemy’s cities and forums and plant the seeds of discord and sedition. These agents were acting on behalf of the Muslim authority at war, and therefore were not considered as lying against or denouncing the tenants of Islam.

They were “legitimate” mujahedeen, whose mission was to undermine the enemy’s resistance and level of mobilization. One of their major objectives was to cause a split among the enemy’s camp while downplaying the issues related to Islam (“Oh, I am not religious.” “Oh, that is not Islam, you are mistaken, there is so much misinformation.” “Oh, it is in the interpretation.” “Brother, Islam is all about peace and love and music just like in the 60s.”) In many instances, they convinced their targeted audiences that Jihad is not aimed at them, that indigenous people are not targeted. Meanwhile the (allegedly) “un Islamic” Muslims continued their attacks on the target’s property and life (e.g. Lashkar-e Toyiba, Mujahideen and Osama Bin Laden’s
declaration of war against innocent American civilians).

They convinced many Jews that they will be protected from Christians, and they convinced many Christians that Jews were the mortal enemies, because they killed Issa (Jesus). They convinced the Aramaics, Copts, and Hebrews that the enemy is Greece, and signed peace agreements with the Bysantines Greeks at the expense of Maronite Aramaics, etc.

They convinced the knitted diversity of India to degrade into civil war by introduction of a variant Buddhist / mystical Islam (Sufism which is decried as “deviant Islam” used to ease the transition of new recruits from local communities) creating divisions (based on Muslim – Non Muslim) eventually fomenting unrest and chaos in the land to prepare it for waves of armed Invasion (Mohammad bin Qasim, Mahmud Ghaznavi, etc.).

Even today, India is bitterly divided and getting slowly Islamised as battle lines form between hordes of overzealous Muslims (armed and trained in madrasahs) and the more pacifist civilians of urban dwellings.

This Jihadic agency of subversion was one of the most fascinating and efficient arms of the conquest. In less than four decades, the Middle East fell to the Arab-Islamic rule [since Arab society was divided again between pagan and Muslim resulting in nephews and sons killing their uncles and fathers in cold blood] followed by North Africa and Central Asia [this was the era of hordes like tribal conquests where barbaric savages invaded pacifist civilians in towns of major civilizations; the same scenario replayed itself against the Arab-Islamic world with the Invasion of the Mongolian hordes].

Al-Taqiyah was a formidable weapon, used by the first dynasties and strategists. Today, scholars may identify it as deception. But the Jihadic deception was and still is more powerful than the James Bondian methods of Western classical intelligence tactics, for the simple reason that it has a civilizational, global dimension versus the narrow State interest of the regular Western subversive
methods.

Al-Taqiyah is still in use today (and is widely practised and acknowledged by the Shi’ite sect) but not necessarily State- organized. Arab-Islamic missionaries are slowly converting the disillusioned criminal classes of the Western world by feeding them a Western “moderate” version of Islam (at the same time denouncing the actions of Muslims in the rest of the world as Un Islamic e.g. Taliban, GIA & FIA [Armed Islamic Front] of Algeria, Hamas, Lashkar -e Toyiba, Bin Laden and company, etc.)

It is done to prevent the new converts from seeing the real face of Islam; at least until their faith or mental conditioning is strong enough to make them turn against their own country and people.

A good example is the growing influence of Islamists in the Americas. On the one hand, American embassies, trade facilities, soldiers and intelligence infrastructures are under attack (but denounced as un-Islamic for the benefit of the new American converts).

On the other hand, the multiplying Islamic community (due to illegal immigration, paper marriages, religious visas granted to the religious men) attempts to pass itself off as “peace loving” and patriotic. In their own circles, the same community will liberally and violently denounce America, the West and its values (freedom, individualism, secularism, capitalism, scientific materialism, benign rehabilitation of criminals, prevention of cruelty against animals, women and gay rights).

One can easily detect Taqiyah in the two discourses used by Islamist strategists. On the one hand, one comprehensive Islamist theory is attempting to mobilize the Middle East, and sometimes Western Christian leaders and intellectuals, against “evil Jews”.

They are forming alliances with everyone from Animal Rights’ groups (to attack the Jewish tradition of slaughter which is ironically similar in cruelty to the Islamic way) to Far Right fundamentalists (to push for censorship of critiques of Islam and attack every forward thinking movement like women’s rights and gay rights).

We see considerable success on that level. And on the other hand, another Islamist comprehensive theory is attempting – with success also – to mobilize the Jews against “evil and pagan Christians”.

One can easily detect the sophisticated work of Taqiyah, for the strategic objective of Islamists is to destroy the foundations of the non Muslim civilizations, as a prelude to the defeat of an isolated Israel, India, United States of America, Britain, Germany, France, Italy, Russia, Egypt, Afghanistan, etc.

Taqiyah is not a unique phenomenon in history. Many strategists from all backgrounds implemented subversion. But the uniqueness of today’s Taqiyah is its success within advanced and sophisticated societies. Taqiyah is winning massively because of the immense lack of knowledge among Western elites, both Jewish and Christian.

For interesting examples of Taqiyah methods, visit Christian discussion groups and forums and note the discourse of Islamist visitors aimed at undermining the Christian perception of Jews, and visit Jewish discussion groups and forums and note the subtle anti-Christian discourse of Islamist visitors. It is really informative and fascinating.

Author: Dr. Walid
Publication: Bharatiya Pragna
Date: June 2000
URL: http://www.fisiusa.org/fisi_News_items/news109.htm

Akhand Bharat Foundation © 2002 (All Rights Reserved)

La Turchia torna al passato

Teste di Armeni
Teste di Armeni

Il Genocidio Armeno : Tra il 1915 e il 1916 un milione e mezzo di armeni furono eliminati o lasciati morire di fame e stenti. Scrissi tanto tempo fa, questo articolo : La Turchia di Atatürk verso lo scontro tra laicità  e islamismo. Tutti sappiamo che la nazione Anatolica, a fronte del suo laicismo (conquistato e difeso dai militari) voleva entrare in Europa.  Purtroppo le cose non sono andate come speravamo. Il laicismo è stato sconfitto e la Turchia è caduta nelle mani degli islamisti. Gli ultimi avvenimenti, con gli accordi con l’Iran, l’avvicinamento alla Siria, allontanano la possibilità di un qualsiasi ingresso in Europa … almeno dal mio punto di vista.

Aspettiamoci che anche i Turchi a breve si mettano ad odiarci. Prendiamone atto e comportiamoci di conseguenza.

Intanto rinfreschiamoci la memoria e rinfreschiamola anche alla Turchia. E visto che ci siamo ricordiamo anche l’organizzazione dei fratelli musulmani, quella che si sta dando tanto da fare per il califfato mondiale (Sayyd Qutb). Essa nasce in Egitto nel marzo 1928, con la riunione di un gruppo ristretto di persone nella villa egiziana d’Ismaliya, vicino al Canale di Suez. Alla loro testa stava un giovane precettore, un fervente religioso dall’eloquio eccezionale: Hassan al Banna (nato nel 1906 quando l’Egitto faceva parte dell’impero britannico). A dispetto della giovane età, Hassan si scagliava contro la rilassatezza dei costumi che, a sentire lui, stava corrodendo e mandando in rovina la società egiziana. L’Egitto di allora era una monarchia semicoloniale sotto la protezione inglese, dove nepotismo, istituzioni medievali e povertà spadroneggiavano incontrastate. Hassan al Banna era deciso a modernizzare il paese e a liberarlo dal giogo coloniale, attraverso un ritorno collettivo alle fonti della religione musulmana. Fondò un’associazione che incoraggiava il risveglio dell’islam presso gli egiziani, la società dei Fratelli musulmani: una creazione ibrida tra il partito politico, l’associazione religiosa e il movimento di massa organizzato in struttura militaresca.

The Armenian Genocide

http://youtu.be/MSuEeSW0Fys

Però il centrodestra ha solo una cosa da imparare : Berlusconi faccia come Erdogan

La libertà  di culto

L’Islam ignora la libertà di culto Generalmente il clero cattolico è favorevole alla costruzione delle moschee e all’apertura di sale per la preghiera musulmana. In nome dell’ecumenismo e della “buona convivenza” si mettono a disposizione le chiese per la preghiera del Venerdì, si organizzano “incontri di dialogo” per favorire “la conoscenza e far cadere i pregiudizi”; si invita ad accogliere i musulmani “con rispetto ed apertura di cuore” perché si afferma che “anche se con nomi diversi per invocarlo, adoriamo lo stesso unico Dio” (dichiarazione dei sacerdoti di Casale Monferrato del 24 aprile 2004, riportata dall’Agenzia Sir). Tutto questo in perfetta sintonia con quanto ha insegnato il Concilio Vaticano II (Dichiarazione Nostra Aetate, 3).

Ma lo stesso clero si dimentica, o vuol dimenticare, che pur “uniti nell’adorazione all’unico Dio”, l’Islam, a differenza della Chiesa cattolica, sembra non conoscere la libertà religiosa. Quella libertà religiosa che, secondo Giovanni Paolo II, costituisce il cuore stesso dei diritti umani: “essa è talmente inviolabile da esigere che alla persona sia riconosciuta la libertà persino di cambiare religione, se la sua coscienza lo domanda” (Giovanni Paolo II ai Capi di Stato, Giornata della Pace, 1º gennaio 1999).
Ebbene, la libertà religiosa non esiste nel mondo islamico: basti pensare alla situazione dolorosa dei cristiani in Sudan, all’Arabia Saudita dove l’Islam è l’unica religione ammessa o alle persecuzioni in Indonesia scatenate dai fondamentalisti. Basti pensare alle discriminazioni feroci e alle severe condanne (è prevista perfino la morte) per gli eventuali convertiti a Cristo. Basti pensare ai copti in Egitto, ai caldei in Iraq, agli armeni in Turchia, ai maroniti in Libano, ai melchiti in Siria, perseguitati e costretti all’esilio (nel più assoluto silenzio della stampa) dall’intransigenza dell’Islam. Si legga a proposito il bel libro di Antonio Socci, “I nuovi perseguitati. Indagine sull’intolleranza anticristiana nel nuovo secolo del martirio”, per capire cosa accade nel mondo islamico (e non solo) e per recuperare il significato vero della parola “martirio” che è quello della tradizione cristiana. Strano destino, quello della parola “martire”; è una parola che non ha nulla a che fare con la conoscenza. L’apostolo Giovanni la usa per descrivere lo sguardo meravigliato di chi contempla Dio, conserva memoria della visione e ne rende testimonianza. Il martire cristiano è colui che sacrifica la propria vita per affermare l’amore di Dio per l’uomo; amore che arriva perfino a perdonare gli stessi carnefici. È bene riscoprire l’autentico significato cristiano di “martirio”, radicalmente diverso da quello utilizzato da una certa stampa che ama chiamare “martiri di Allah” psicopatici che si suicidano portando con loro tante vittime innocenti.

Troppi cattolici sembrano perdere di vista le molte differenze che esistono tra il Vangelo e il Corano. Occorre prendere atto della realtà e cominciare ad affermare, senza paura, che nell’Islam ci sono aspetti contrari alla visione cristiana dell’uomo, della storia e della società. Islam e Cristianesimo sono agli antipodi anche su molti aspetti teologici; il Gesù e la Madonna ricordati dal Corano non sono motivo di unione perché con quelli del Vangelo hanno uguale soltanto il nome.

Sembra che i cristiani (e i cattolici in particolare) abbiano perso la consapevolezza della verità posseduta per adottare la via del puro e semplice dialogo ad ogni costo. Un dialogo, il più delle volte, a senso unico; un dialogo che assomiglia ad una apertura incondizionata alle altre confessioni. Mentre le risposte appaiono, quasi sempre, incentrate all’ottenimento di vantaggi e privilegi.

Nessuno vuol demonizzare la religione del Corano e chi autenticamente prega, o negare una parità salvifica, ma è assurdo adottare un certo atteggiamento di buonismo acritico nei confronti di una realtà, regolata dalla legge immutabile della shari’a (ferma all’VIII secolo), il più delle volte oppressiva, che lede la libertà e la dignità di tanti uomini e donne.
In nome (forse) del dialogo sembrava animata una proposta dell’mam Feras Jabareen della moschea di Colle Val d’Elsa in provincia di Siena, del settembre 2004. Dico sembrava, perché, conoscendo qualcosa dell’Islam, alcune ombre si stagliano sull’apparente innocente invito a celebrare una messa in moschea.
La messa non si è celebrata, sono state lette soltanto alcune preghiere ma qualcuno ha parlato di un episodio in cui sarebbe rivissuto “l’esempio benevolo di Maometto” che nel 632, poco prima di morire, ricevette una delegazione di cristiani di Najran (nello Yemen), con a capo un vescovo e consentì loro di celebrare una funzione religiosa nella propria casa moschea.

Si tratterebbe così di un gesto di tolleranza e di apertura religiosa, sulla linea del “sincero dialogo ecumenico”. Ma le cose stanno proprio così? L’episodio è senz’altro singolare e va meglio analizzato. Innanzitutto non sappiamo chi fossero i cristiani che giunsero in delegazione a Medina. Forse erano giacobiti o nestoriani. Ma poco importa la loro identità. Importa invece il motivo della visita: fare atto di sottomissione a Maometto dichiarando lealismo politico, in cambio di garanzia di sicurezza. Tra i cristiani e il Profeta ci fu un lungo e infruttuoso dibattito sulla divinità di Gesù, con reciproche maledizioni. Alla fine i rappresentanti della delegazione preferirono negoziare un accordo che permettesse loro di conservare la propria religione. L’intesa servì da modello per i concordati che successivamente i musulmani stabilirono con la “gente del Libro”, ossia: cristiani ed ebrei. La comunità di Najran in cambio di un cospicuo tributo annuo e di ospitalità agli inviati del Profeta fu “tollerata e protetta” (dhimmi) dalla comunità islamica. Poteva mantenere la propria religione (anche se non era ammesso il proselitismo) e avere delle proprietà. Nella casa-moschea di Maometto non fu celebrata una funzione liturgica in nome del dialogo, ma fu siglato un vero e proprio atto di sottomissione al vincitore. Possiamo trovare un’ampia eco dell’episodio e della polemica tra Maometto e la delegazione cristiana nel Corano medinese (Sura 3, 33-64; 4, 170-176; 5, 75-80 e 112-120). Anche nella Sura 9, quella detta “della conversione” troviamo lo stesso atteggiamento ostile nei confronti dei cristiani, ma l’inimicizia nei loro confronti è più rude e legalizzata.

Non possiamo continuare a dialogare alla cieca, dimenticando la nostra identità religiosa e culturale e non conoscendo quasi niente di quella islamica. Gesù ci vuole semplici come colombe, miti come agnelli, ma non stupidi come polli.
Silvio Calzolari

La via del dialogo

Il colonnello libico Muammar Gheddafi è tornato alla ribalta dei media per la notizia inaspettata della riapertura dell’ambasciata americana a Tripoli.
Quasi in silenzio (a parte La Stampa dell’8 maggio e La Padania del 7 maggio) sono state, invece, accolte alcune sue dichiarazioni, rilasciate ad Al-Jazeera il 10 aprile. La notizia è stata riportata con grande ritardo in Occidente e non sembra abbia suscitato grande interesse. Chi dovrebbe allarmarsi e cercare di leggere con attenzione il documento è, invece, il Vaticano, chiamato direttamente in causa.

La Chiesa Cattolica fin dagli anni ’70 ha sempre cercato il dialogo con Gheddafi; sforzi sfociati nel 1997 con l’apertura di sedi diplomatiche. Tutto questo, come allora dichiarò il portavoce della Santa Sede Joaquin Navarro Valls: «Per favorire la vita della Chiesa locale e per contribuire alla distensione internazionale» (Corriere della sera, 11 marzo 1997). La distensione e la pace sono nobili cause, anche se spesso hanno obbligato chi le perseguiva ad inghiottire bocconi amari. L’Occidente e la Santa Sede, dopo il Concilio Vaticano II, con la “diplomazia del sorriso”, inseguendo il mito di questo “bene massimo” sono stati talvolta obbligati al sacrificio dei propri princìpi, della giustizia, della verità e persino della liberà (es. di opinione).

La via del dialogo è sempre apparsa un’iniziativa unilaterale, presa dall’Occidente e dalla Chiesa a favore dei Paesi mussulmani, ed è servita a ben poco perché il periodo del “dialogo” è coinciso col crescere del fanatismo islamico e, in molte nazioni mediorientali, con l’avvento di autentiche persecuzioni anticristiane. La conferma dell’inutilità di questo approccio, per il caso libico, venne già dallo stesso Gheddafi, nel corso di un’intervista concessa al TG3 (La Stampa, 11 marzo 1997), quando il Colonnello, con toni arroganti, sottolineò la cosiddetta “tolleranza” dell’Islam nei confronti del Cristianesimo:

«Noi riconosciamo la profezia di Gesù. Sono i cristiani che non riconoscono quella di Maometto…Allah ci insegna che i profeti sono uguali, mentre voi fate distinzione tra i profeti…».

Gheddafi nella recente intervista ad Al-Jazeera è andato ben oltre:

«Maometto è il profeta non solo dei mussulmani, ma di tutte le genti; se Gesù fosse stato vivo ai suoi tempi lo avrebbe seguito, vi sono segni che preannunciano la vittoria di Allah sull’Europa, senza il ricorso a spade e fucili. Non ci servirà una conquista militare». Secondo il colonnello libico con il vacillare della fede cristiana e l’ingresso della Turchia in Europa.

I tempi sarebbero maturi per l’inizio della conversione totale all’Islam del Vecchio Continente [o Continente Vecchio, come sarebbe meglio dire…N.d.R.]. Ben presto la Santa Sede secondo le farneticanti affermazioni di Gheddafi sarà costretta a “correggere la storia” e a dover ammettere che la sua dottrina deriva da una “falsificazione” del Vangelo.
Secondo il leader libico la verità nascosta dai vertici vaticani sarebbe custodita in un documento stimato dall’Islam come il “Vangelo Veritiero” (‘al-Ingil), conosciuto in Occidente come “il Vangelo di Barnaba”.

Purtroppo per il colonnello libico e per tutti gli appassionati cultori de Il Codice da Vinci, gli storici ormai concordano sul fatto che il testo (che non ha niente a che vedere con il Vangelo di Barnaba, scomparso) sarebbe un falso plateale, composto probabilmente in Spagna nel XIV° o XV° secolo da un prete cattolico convertito all’Islam, e poi tradotto in lingua araba. Il libello, anche se attribuito a Barnaba (citato negli Atti degli Apostoli e nelle Lettere paoline e compagno dell’apostolo San Paolo nei suoi primi viaggi) non ha, quindi, alcuna autenticità apostolica, sebbene I mussulmani lo considerino “veritiero”. Maometto, per il falso apocrifo, sarebbe un personaggio metastorico collegato al destino dell’umanità. Il “Sigillo di Profezia” (cap. LXXII); «la luce che fin dai primordi illumina l’umanità»(cap. XLIII); il «Vero e autentico Messia»(Oh Maometto, nostro Messia, vieni presto per la salvezza del mondo capp. XII e XXII). Per il falso Vangelo Gesù m(in accordo con il Corano LXI, 6) avrebbe avuto la missione di annunciare la mondo la venuta di Maometto (definito Il Paracleto, in arabo Al-Faraqli, ossia “Il Lodato”, cioè Almad, altro nome del profeta dell’Islam) e la conversione finale dell’umanità al verbo mussulmano.
L’apostolo san Paolo, ispirato da satana (secondo una ben nota teoria cara agli gnostici) e la Chiesa di Roma avrebbero in seguito falsificato i Vangeli, trasformando Gesù nel Figlio di Dio.

Per “l’inattendibile Vangelo” e per il credo mussulmano Cristo non è Dio, ovvero Dio non è il Cristo; non è Figlio di Dio, né la Terza Persona della Trinità. Non sarebbe nemmeno spirato sulla Croce di morte umana, perché Dio per sottrarlo ai carnefici, l’avrebbe elevato a Lui, sostituendolo con Giuda e prendendosi così gioco degli ebrei.
Il Colonnello libico, quando parla di «conquista islamica dell’Europa senza uso di armi» si riferisce proprio alla presunta profezia di Barnaba del piano divino della progressiva islamizzazione del mondo. Il problema è che buona parte dell’Islam condivide le sue affermazioni.

Quale sarà la presa di posizione del Vaticano nei confronti del “sermone” di Gheddafi? Non nutro, in verità, grandi speranze in una risposta da parte di certi teologi, che sembrano nutrire seri dubbi sulle verità irrinunciabili (per la stessa sopravvivenza della Chiesa) del Vangelo.
Fino all’avvento di papa Benedetto XVI  era emersa sempre più la tendenza a relativizzare la Verità del Cristianesimo e a idealizzare una certa forma di laicità come spazio etico in cui tutte le religioni potessero dialogare. Se la Chiesa accettasse di svolgere il ruolo di “religione civile”, senz’altro non avrebbe più alcuna difficoltà a “dialogare” con l’Islam, come con nessun’altra religione, ma dovrebbe rinunciare all’annuncio del Vangelo come testimone di “Buona Novella” che chiede la conversione e la rinuncia ad altri dogmi, fedi, idoli. Ma cosa dobbiamo aspettarci da chi confonde le tecniche della meditazione trascendentale o della New Age con la preghiera cristiana? Cosa dobbiamo aspettarci della comune identità delle grandi religioni monoteistiche, che sono in verità assai diverse tra loro e non facilmente assimilabili?

Oggi, quello che sembra mancare, a tanti cristiani (ma anche purtroppo a molti teologi e sacerdoti) è il coraggio della chiarezza concettuale, e forse anche la Fede.

Ps : Il serpente non ha mai smesso di fare il suo lavoro
 
Memento:
 

Maria mi diè, chiamata in alte grida;
e ne l’antico vostro Batisteo
insieme fui cristiano e Cacciaguida.

[…]

Poi seguitai lo ‘mperador Currado;
ed el mi cinse de la sua milizia,
tanto per ben ovrar li venni in grado.
Dietro li andai incontro alla nequizia
Di quella legge(=L’islam) il cui popolo usurpa,
per colpa d’i pastor, vostra giustizia.
Quivi fu’io da quella gente turpa(=i mussulmani)
Disviluppato dal mondo fallace,
lo cui amor molt’anime deturpa;
e venni dal martiro a questa pace
(Dante Alighieri, Paradiso XV, 133-35 e 139-48)

In Algeria non servono gli amerikani per scatenare il jihad

di Carlo Panella

La terribile successione tra gli attentati di Casablanca, Algeri e dentro il parlamento di Baghdad, concatenati un giorno dopo l’altro, obbliga a prendere atto di qualcosa di molto più grave e preoccupante della evidente capacità di coordinamento e di iniziativa dell’arcipelago terrorista di al Qaida. E’ straordinario, ormai, il livello tecnico militare di cui danno prova gli attentatori: ad Algeri sono riusciti a colpire addirittura la sede ufficiale del capo del governo Abdulaziz Belkacem, nonostante la capitale sia da 16 anni sottoposta ad un ferreo controllo poliziesco e militare, nonostante in quelle stesse ore l’esercito stesse effettuando un rastrellamento a tappeto di santuari terroristi nel paese, nonostante le migliaia di arresti. Il tutto, in un paese che ha avuto 150.000 morti tra il 1991 e il 1998 e che negli ultimi otto anni ha avuto non meno di 400 morti all’anno per iniziative terroristiche.

Di più, l’attentato di Algeri dimostra che ormai i terroristi sono riusciti a uscire dalle sacche periferiche in cui erano stati costretti dalla feroce repressione governativa, con epicentro in Cabila, in cui da decenni agisce un forte movimento popolare autonomista berbero, e ormai sono in grado di nuovo di muoversi liberamente dentro lo spazio metropolitano di Algeri. Segno evidente di nuovi legami non solo militari, ma anche politici, con il tessuto delle moschee cittadine, da sempre epicentro del fondamentalismo, anche se da decenni sono sottoposte ad un pesante e occhiuto controllo delle forze di sicurezza. 
 L’attentato di Baghdad, al di là del numero contenuto delle vittime, segnala anch’esso una clamorosa capacità d’iniziativa, effetto di complicità diffuse e incontrollabili. L’esplosione è infatti avvenuta nella buvette del Parlamento, in piena Zona Verde, sotto un minuzioso controllo militare americano.
 Ma, una volta evidenziato questo elemento, va detto che a Baghdad si è avuta solo una ulteriore conferma di una forte tendenza al collasso della società irachena, successiva alla scomparsa del tallone di ferro di Saddam Hussein. L’elemento preoccupante, di importanza strategica della situazione irachena è che ormai la violenza dei terroristi è rivolta al 90% non nei confronti degli “occupanti”, non nei confronti delle stesse forze di sicurezza irachene che collaborano con loro, ma contro la popolazione civile. In Iraq, musulmani massacrano musulmani, sgozzano professori davanti agli alunni, massacrano lavavetri, massaie al mercato, fedeli nelle moschee e non solo secondo le direttrici di uno scontro settario tra sciiti e sunniti. Il tessuto stesso della società irachena, in tutti i suoi gangli, è attraversato da una violenza assassina intermusulmana che ha il suo aspetto più chiaro nella serie infinita di violenze di cui sono oggetto studenti, insegnanti, scolaresche intere.
 In Iraq tutto quanto accade non a causa di un improvvido intervento americano che al massimo ne è una concausa ma perché è in atto una vertiginosa “tendenza al collasso” della società arabo islamica che solo la miopia e l’ignoranza del pensiero politically correct può interpretare come “risposta” a iniziative dell’occidente e che ha avuto infiniti precedenti in Libano e in Algeria. Tutto il tessuto sociale iracheno è attraversato e sconvolto da una concezione della vita segnato dallo jihadismo, dall’esaltazione della cultura della morte, della punizione dei “falsi musulmani” (compresi i peccaminosi frequentatori di Internet cafè o le ragazzine che osano andare a scuola).
 Ma ora l’Algeria con i suoi attentati ci dimostra che questo fenomeno non è affatto la conseguenza della “guerra americana”, e  che è invece insito nelle società musulmane contemporanee (e di nuovo, il Libano di oggi conferma quella tendenza. Questa tendenza al collasso, questa concezione jiahdista, questa esaltazione del martirio, questo massacro di musulmani a opera di musulmani non iniziano infatti con il 2003 di Baghdad, con la caduta di Saddam Hussein. Iniziano invece nel 1975 in Libano (con quel massacro di Tell al Zatar che nessuno vuole ricordare, anteprima tutta araba di Sabra e Chatila) e nel 1992 in Algeria, in un paese che nulla ha a che fare con l’area d’influenza americana, che era semmai alleato al blocco socialista, in una nazione guidata da una élite nazionale forgiata da una vittoriosa guerra di liberazione nazionale, in un paese dalle straordinarie, immense, ricchezze naturali e dalle potenzialità economiche quasi di livello europeo non solo nel settore del petrolio, ma anche (quantomeno sino al 1963, quando i francesi fuggirono) anche nell’agricoltura e nel settore dei trasporti e delle comunicazioni.
 Il jihadismo, gli sgozzamenti di donne e bambini, i mujhaedin che massacrano il proprio popolo inerme, che sgozzano interi villaggi di contadini, nasce in Algeria nel 1992 e ha un padre e una madre. Il padre è il rovinoso fallimento della gestione del potere e dell’economia da parte dell’élite nazionale del Fln ( addestrato e pilotato dai sovietici ndb) che ha condotto la guerra di liberazione, che ha buttato il paese in una voragine di corruzione, sprechi, falò di miliardi e miliardi di dollari in progetti dissennati ( ne sappiamo nulla? ndb) . La madre è la religione musulmana, o meglio: l’affermarsi di un vero e proprio scisma religioso in campo sunnita che risente prepotentemente degli effetti del wahabismo saudita e che ha nell’alveo culturale dei Fratelli Musulmani il suo maieuta. Di più, il jiahdismo che esplode nel 1991 in Algeria e che lascia sul terreno 150.000 morti (tre volte tanti quelli dell’Iraq a oggi) si collega palesemente a quella guerra dentro la guerra che il Fnl ha condotto negli anni cinquanta contro gli algerini stessi. Nel mio Libro Nero dei Regimi Islamici ricordo le migliaia di algerini a cui vennero tagliati il naso o le mani dai “partigiani” del Fln perché violavano la proibizione di fumare,  e le decine di migliaia di algerini massacrati da algerini perché si rifiutavano di pagare il “pizzo” ai “partigiani” o perché parteggiavano per altre formazioni nazionaliste, che pure erano in armi contro i francesi ( un fenomeno conosciuto anche da noi col nome di strage di osoppo ndb) .
 Il bagno di sangue dell’Algeria ha dato il via ad un circuito infernale di proselitismo del jihadismo fondamentalista che ha immediatamente trovato la sua sponda naturale in Afghanistan. Qui, dopo la caduta dell’Urss e il suo ritiro da Kabul, la miscela esplosiva che già era deflagrata in Algeria, trova un formidabile volano in cui si mescolano le attività militari di mujaehdin jhaadisti provenienti da tutti i paesi arabi con l’indottrinamento, la formalizzazione di un “quartier generale” jihadista, dotato di una sua autonoma ideologia che aveva nell’egiziano Abdullah Azzam il principale riferimento sia teologico che militare. Qui, il wahabismo si incrocia con le elaborazioni più moderne dei Fratelli Musulmani egiziani allievi di Sayyed Qutb, si rafforza con l’incontro con il Deobandismo indiano (scuola teologica fondamentalista fondata nell’ottocento a Deoband) e crea quella miscela che produce il fenomeno dei Talebani e di al Qaida.
 Tutto questo è noto, ma quello che oggi l’attentato di Algeri dimostra, che grida al mondo la sigla che l’ha rivendicato –al Qaida del Magreb- è che se è vero che gli Usa hanno commesso formidabili errori in Iraq e non sono riusciti a sconfiggere il jihadismo, un identico e ben più grave fallimento si è verificato anche in Algeria, la dove gli americani non hanno mai messo piede, in un paese arabo che non ha nulla a che fare con la Palestina e con Israele, in cui, semmai, la politica di contrasto al terrorismo islamico è stata ispirata dall’Europa. E’ la Francia di Mitterrand e Chirac a appoggiare la decisione di invalidare le elezioni del 1991 che avevano assegnato la vittoria agli islamisti del Fis. Sono i servizi segreti francesi a collaborare –dichiaratamente- con quelli algerini per condurre la “guerra sporca”, che vede l’armata algerina massacrare non meno di 50.000 concittadini, molto spesso inermi contadini, non combattenti e a fare non meno di 10.000 desaparecidos.
 Fino all’altro ieri, si poteva sostenere che la risposta algerina e europea, o meglio, francese, al terrorismo, aveva funzionato, che il terrorismo era stato ridotto a fenomeno sicuramente cronico (400 morti l’anno sono comunque una cifra enorme), ma marginalizzato e che il paese, straordinariamente sostenuto dall’Ue e dal Fmi era riuscito a riavviare persino una timida ripresa economica.
 Ma la beffa dell’attentato riuscito al Palazzo di Algeri, la salvezza del tutto casuale dello stesso premier Belkacem, dimostrano che l’idra è risorta.
 L’Algeria di ieri come quella di oggi, ridicolizza tutte le teorie del fondamentalismo e del terrorismo islamici quale movimenti “reattivi” a colpe vere o presunte vuoi dell’occidente, vuoi della globalizzazione. Dimostra che sono misere tutte le letture del terrorismo arabo legato a fenomeni nazionalistici, di “terra”, che pure vanno per la maggior, non solo nella sinistra progressista.
 L’Algeria sunnita, così come il Libano e la Palestina della guerra civile a bassa intensità –che continua- tra al Fatah e Hamas con uno-due morti al giorno- dimostrano che i due scismi islamici che hanno sconvolto la umma nel novecento, sviluppi deformi della teologia musulmana, sono fenomeni assolutamente autoctoni, nati solo ed esclusivamente dentro l’Islam e in esso cresciuti con sempre maggiore consenso. Lo scisma wahabita salafita dei sunniti algerini, iracheni o afgani (così come di quelli sudanesi, marocchini, yemeniti, giordani, pakistani, indonesiani o filippini) si ritrova unito da una concezione del jihad –della “conversione attraverso la violenza” come magistralmente spiegato da papa Ratzinger a Ratisbona- che è identica a quella dello scisma khomeinista che vediamo all’opera nell’Iran di Ahmadinejad (con una straordinaria raffinatezza politica), nel Libano di Hezbollah o nell’Iraq di Moqtada Sadr. I due scismi peraltro si contrastano e spesso si odiano –retaggio storico sin dalla nascita del movimento wahabita nel 1700- ma spesso, vedi Hamas, si incontrano.
 Due scismi religiosi, radicati nella storia millenaria dell’Islam che hanno introdotto in quella religione un precetto religioso fondante terribile, che ne spiega la violenza e la ferocia: il culto della morte, l’esaltazione del martirio.
 E’ questo il terribile lascito di Khomeini, che è riuscito a convincere ormai milioni di musulmani sciiti come sunniti di un nuovo precetto:  il martirio deve essere obbiettivo materiale, concreto, da perseguire qui ed ora da parte del fedele. Un’aberrazione che però oggi riscuote un consenso impressionante in una immensa platea musulmana.
 Da qui, l’incomprensione di tanta parte della cultura occidentale del fenomeno, le balbettanti e ridicole analisi sul terrorismo “reattivo”, sulla “colpe dell’Occidente”.
 L’Occidente, semmai, si trova oggi di fronte ad un nuovo 1933, ma si rifiuta di prendere atto, come allora, che una ideologia totalitaria, basata sulla subordinazione della donna, sull’imperio del “partito unico” (Hezbollah) che consegna all’apostasia chi non ne riconosce i precetti di vita, che esalta la cultura e la pratica della morte, che si espande con la violenza assassina, riscuote un largo seguito di massa.
 Abbiamo di fronte un vero e proprio “fascismo islamico” (i puristi contestino pure la maggiore precisione del termine “nazismo” o comunismo islamico ndb) con larga base di adesione popolare, che ha al suo centro, di nuovo, la concezione escatologica della uccisione degli ebrei e della distruzione di Israele come dovere religioso, in obbedienza a quel terribile Hadith musulmano, parte fondante della Sunna che campeggia nello Statuto di Hamas e che recita: “ Il Profeta -le benedizioni e la Pace di Allah siano con Lui – dichiarò: “L’ultimo giorno non verrà finché tutti i musulmani non combatteranno contro gli ebrei, e i musulmani non li uccideranno e fino a quando gli ebrei si nasconderanno dietro una pietra o un albero, e la pietra e l’albero diranno: “O musulmano, o servo di Allah, c’è un ebreo nascosto dietro di me – vieni e uccidilo; ma l’albero di Gharqad non lo dirà, perché è l’albero degli ebrei”.
 Il fine della storia, l’apocalisse imminente, si compiranno solo quando “i musulmani non uccideranno gli ebrei” e la natura –l’albero e la pietra- collaboreranno con loro.
 Questo ci dicono.
 Questo dovremmo, almeno, capire.