Tag: telegraph

La scomparsa dei cristiani in Medio Oriente

Pezzo in lingua originale inglese: Disappearing Christians in the Middle East

Il trasferimento dei poteri su Betlemme da Israele all’Autorità palestinese, poco prima del Natale 1995, ispirò una serie di articoli [1] sul calo della presenza cristiana a Betlemme. In questi articoli si rileva che in un luogo in cui non molto tempo fa si registrava la presenza dell’80 per cento di cristiani, oggi solo un terzo degli abitanti è di fede cristiana. Per la prima volta in quasi due millenni, la città che rappresenta la culla del cristianesimo non è più a maggioranza cristiana. E lo stesso dicasi per altre due città come Nazareth e Gerusalemme. A Nazareth, i cristiani sono passati dal 60 per cento del 1946 al 40 per cento nel 1983. Nel 1922, i cristiani di Gerusalemme superavano di poco i musulmani (15.000 contro 13.000); [2] oggi, essi costituiscono meno del 2 per cento dell’intera popolazione urbana.

La situazione non è diversa in altre zone di Israele. Un pezzo riguardante Turan, un villaggio della Galilea, riporta quanto asserito da un commerciante cristiano: “La maggior parte dei cristiani se ne andrà presto da qui, non appena riusciremo a vendere le nostre case e i nostri negozi. Non possiamo più vivere tra questa gente [i musulmani]”.[3] Un giornalista trae le seguenti conclusioni: “La comunità cristiana in Cisgiordania è in via di estinzione”.[4]

Ed anche i territori che rientrano nello Stato di Israele devono fare i conti con questa situazione. I cristiani stanno abbandonando tutto il Medio Oriente. Il processo migratorio ebbe inizio subito dopo la Prima guerra mondiale, per poi subire un incremento lo scorso decennio. Nel 1920, in Turchia, i cristiani erano 2 milioni, oggi se ne contano solo poche migliaia. Il problema è così preoccupante che il Patriarcato ortodosso di Istanbul rischia di sparire per la mancanza di un adeguato numero di candidati. Prima dell’inizio di questo secolo i cristiani costituivano circa un terzo della popolazione siriana; oggi, sono meno del 10 per cento. Nel 1932, essi costituivano il 55 per cento della popolazione libanese; oggi, la loro percentuale è inferiore al 30 per cento. Più della metà dei cristiani ha abbandonato l’Iraq. Dopo la rivoluzione del 1952, i copti presero massicciamente a lasciare l’Egitto.

Sono due le principali cause del declino della popolazione cristiana: l’emigrazione e il calo demografico.

L’Emigrazione rappresenta la fine di un lungo processo di esclusione e persecuzione. In Cisgiordania, il problema risiede in un pressoché costante boicottaggio degli esercizi commerciali gestiti da cristiani da parte dei musulmani. In Egitto, i fondamentalisti musulmani prendono costantemente di mira i cristiani. In sintesi, la guerra civile libanese del 1975-90 fu un tentativo fruttuoso da parte dei musulmani di ridurre il potere esercitato dai cristiani nel paese. Ma la situazione di gran lunga peggiore è quella del Sudan, dove la guerra civile scatenatasi a partire dal 1956 ha portato a delle atrocità di massa.

In tutta la regione si può rilevare un calo demografico. Ad esempio, in Israele il tasso di natalità tra i musulmani si attesta al 37 per mille e tra i cristiani a un mero 22 per mille. [5] Inoltre, un piccolo numero di cristiani arriva a sposare dei musulmani, il che di fatto significa che essi perdono i contatti con la loro comunità.

Andando avanti di questo passo, i 12 milioni di cristiani oggi presenti in Medio Oriente nel 2020 saranno probabilmente scesi a 6 milioni. Col passare del tempo, i cristiani finiranno per sparire dalla regione come forza culturale e politica. Come riportato da un articolo “vivono più palestinesi a Bayt Jala in Cile che nella stessa Bayt Jala [in Cisgiordania]”. [6] Perfino il Principe El-Hassan bin Talal ravvisa tale problema poiché “vi sono oggi più cristiani di Gerusalemme (…) che vivono a Sidney, in Australia, piuttosto che nella stessa Gerusalemme”.

Per parecchi anni, il mondo esterno non ha prestato molta attenzione alla difficile situazione in cui versano i cristiani del Medio Oriente. Coloro che in passato avevano preso a cuore i loro interessi – i governi britannico, francese, russo e greco, come pure il Vaticano – hanno distolto lo sguardo dai problemi attuali.

Di recente, però, delle organizzazioni americane hanno sposato la causa dei cristiani perseguitati nel mondo, in particolar modo nel mondo musulmano e nei paesi comunisti. Ovunque, in America vi sono segnali a riguardo. Il Senato americano conduce udienze su questo argomento [7] e nel 1999 il Dipartimento di Stato ha iniziato a pubblicare studi sulla persecuzione religiosa nel mondo attraverso l’Annual Report on International Religious Freedom. Un politico di spicco ha proposto che la città di New York non acquisti merci dalle grandi imprese che intrattengono rapporti commerciali coi paesi in cui i cristiani sono perseguitati. [8] Una schiera di organizzazioni [9] e di individui [10] si occupano di questo problema.

Ciò è tanto di guadagnato perché portare l’attenzione internazionale e americana verso questa triste situazione potrebbe essere un significativo passo per apportare miglioramenti. Ma nessuno di questi gruppi è esperto di Medio Oriente o islam. Per contribuire a fornire ad essi e ad altri ragguagli in merito, il Middle East Quarterly dedica una particolare attenzione alla questione della scomparsa dei cristiani dal Medio Oriente.

[1] Si veda ad esempio: Andrew Aciman, “In the Muslim City of Bethlehem”, The New York Times Magazine, Dec. 24, 1995, e Sue Fishkoff, “A Prayer in Bethlehem”, The Jerusalem Post International Edition, Dec. 30, 1997.
[2] Anglo-American Commettee of Inquiry, A Survey of Palestine (reprinted, Washington: Institute for Palestine Studies, 1991), vol.1, p.148.
[3] The Jerusalem Report, July 10, 1997.
[4] David Rosenberg, “The Christian Exodus”, The Jerusalem Report, Nov. 15, 1990.
[5] The Jerusalem Report, Dec. 26, 1991; cfr. Abraham Ashkenasi, Palestinian Identities and Preferences: Israel’s and Jerusalem’s Arabs (New York: Praeger, 1992), p. 46.
[6] Ha’aretz, Aug. 12, 1994.
[7] Per gli estratti della testimonianza resa da Steven Coffey, cfr. Middle East Quarterly, Sept. 1997, pp. 77-80.
[8] The New York Times, June 15, 1997.
[9] Tra esse spiccano: Christian Solidarity International, la Coalition for the Defence of Human Rights under Islamization, Freedom House, la International Fellowship of Christians and Jews, il Puebla Institute of Freedom House, e il Rutherford Institute.
[10] In particolar modo: Sam Brownback, Michael Horowitz, A. M. Rosenthal, Arlen Specter, Frank Wolf e Bat Ye’or

Aggiornato al 17 dicembre 2006: Secondo un articolo apparso nel Daily Mail di Londra, “O città musulmana di Betlemme…” la città natale di Gesù ha visto sempre più diminuire la proporzione della sua popolazione cristiana passando “dall’85 per cento nel 1948 al 12 per cento dei suoi 60.000 abitanti nel 2006. Ci sono dei rapporti sulle persecuzioni religiose, sotto forma di omicidi, percosse e appropriazioni di terreni”.

Aggiornato al 22 dicembre 2006: In un articolo titolato “Tutti i membri del mio personale sono stati uccisi in chiesa: sono scomparsi”, il Times di Londra pubblica un grafico tratto dal sito web DanielPipes.org:

1472811441-7231-largeIl crollo delle popolazioni cristiane in Medio Oriente: dal sito web DanielPipes.org.

Aggiornato al 31 marzo 2007: La stessa storia in Libano:

In un sondaggio che verrà pubblicato il mese prossimo in esclusiva sul The Sunday Telegraph, quasi la metà della popolazione di tutti i maroniti, la più vasta confessione cristiana nel Paese, afferma di aver preso in considerazione la possibilità di emigrare. Di questi, oltre 100.000 hanno presentato domanda di visto alle ambasciate straniere. Il loro esodo potrebbe avere un effetto devastante sul Paese, privandolo di una minoranza influente che agisce da importante contrappeso alle forze dell’estremismo islamico. Circa 60.000 cristiani hanno già abbandonato il Libano da quando la scorsa estate è scoppiata la guerra tra Israele e Hezbollah.

Aggiornato al 4 dicembre 2007: In un’intervista al Jerusalem Post, Justus Reid Weiner del Jerusalem Center for Public Affairs si dice molto pessimista in merito al futuro dei cristiani che vivono sotto l’Autorità palestinese. Egli prevede che, se non si farà qualcosa rapidamente, nell’arco di 15 anni non ci saranno più comunità cristiane nei territori palestinesi. “I leader cristiani sono costretti ad abbandonare i loro discepoli alle forze dell’Islam radicale”.

 

di Daniel Pipes
Middle East Quarterly
Inverno 2001

Una nuova era glaciale sta per avvolgere la Terra

6846126475_b68b74f14a_zSul nostro pianeta sta per iniziare un raffreddamento che durerà fino alla metà del secolo. Tale previsione è stata pubblicata dal britannico Telegraph e dall’americano Daily Mail i quali fanno notare che già quest’estate la coltre di ghiaccio nell’Artico aumenterà del 60% rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso. Un’area di ghiaccio pari a metà dell’Europa si estenderà dalle coste del Canada fino alla costa settentrionale della Russia. Il forte gelo è un fenomeno abituale per gli abitanti della Russia. Il gelo comporta anche non pochi vantaggi, tra cui sci, pattinaggio, pesca invernale. Alcuni cittadini fanno con piacere il bagno in buchi praticati sui fiumi o laghi ghiacciati. Del resto, nell’Europa Centrale e nell’Europa Meridionale non sempre faceva più caldo che nella Russia innevata. Così, nel 1323 la Laguna di Venezia si coprì di ghiaccio il 3 novembre. Quell’inverno le merci venivanno trasportate a Venezia non su navi ma su carri per il manto di ghiaccio. Nel XVII secolo sul Tamigi gelato, presso le mura della Torre di Londra, funzionò a lungo una fiera. C’erano tempi quando il basso Reno rimaneva gelato per 4 mesi all’anno. Il clima ha i suoi cicli di sviluppo, spiega Vladimir Čuprov, direttore del programma per le risorse energetica del Greenpiece Russia.

Nell’ultimo decennio si è registrata davvero una diminuzione dei ritmi del riscaldamento globale. La temperatura è andata crescendo ma a ritmi ridotti. I ricercatori che sotto gli auspici dell’ONU preparano la pubblicazione in settembre di un nuovo rapporto sul clima conoscono questo fattore e ne forniscono la spiegazione. Si verifica un ciclo naturale di raffreddamento. Il ciclo è molto breve, è di solo una cinquantina d’anni nei limiti dei cambiamenti non catastrofici.

Nella storia geologica della Terra sono note quattro severe ere glaciali. Secondo l’opinione degli studiosi, l’attuale periodo che intercorre tra ere glaciali iniziò all’incirca 12 mila anni fa. Anche adesso l’umanità vive in condizioni molto comfortevoli, quando la temperatura ha raggiunto il livello più favorevole. Questa pausa finirà indubbiamente e allora sopraggiungerà una nuova era glaciale, sostiene Aleksej Kokorin, direttore del Centro dei programmi climatici del World Wildlife Fund (WWF).

Arriverà, ma non prima che tra 10-15 mila anni. Ma che nei prossimi 10-20 anni possa diventare più freddo, è del tutto probabile. Ciò non esclude però per niente il riscaldamento globale. Dai lavori scientifici segue che la temperatura dell’oceano aumenta continuamente ed intensamente. Si tratta non della temperatura media dell’aria ma della temperatura di tutto il sistema climatico. L’atmosfera vi occupa soltanto il 7%. Non si può esprimere giudizi sull’intero sistema in base ad un solo suo elemento. L’oceano prova inconfutabilmente che il riscaldamento globale continua.

screenhunter_561-sep-14-06-01Risulta quindi che il raffreddamento non lungo, della durata di alcuni decenni, avverrà sullo sfondo di un riscaldamento globale. Per quanto riguarda la crescita della coltre di ghiaccio nell’Artico, questo esempio – secondo l’opinione di Aleksej Kokorin – non è corretto dal punto di vista scientifico:

L’anno 2012 ha stabilito un recordo per l’area minima coperta dal ghiaccio. È chiaro che quest’anno di ghiaccio ce ne sarà molto di più. L’Artico non si scioglie ogni anno e in continuazione. Si tratta della sovrapposizione della tendenza di scioglimento e dei cicli naturali di congelazione della durata di alcuni anni. Attualmente la quantità di ghiaccio è all’incirca la stessa che nel 2009 ma rimane come prima inferiore rispetto agli anni ‘80.

Il carattere ciclico del comportamento dei ghiacci artici è ribadito anche nel rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici. Ci sono però dei vantaggi anche nel fatto che tali cambiamenti siano diventati più numerosi. Così, l’anno scorso gli esploratori polari della stazione russa “Polo Nord-40” hanno avuto molte difficoltà a trovare una banchisa alla deriva adatta per la loro stazione, ma 8 mesi dopo si è dovuti evacuarli in quanto la banchisa si è sciolta. Forse quest’anno la banchisa che troveranno sarà più solida. Ciò è importante visto che gli esploratori si occupano della raccolta e dell’analisi di dati unici relativi ai cambiamenti del clima globale.

ghiaccio-artico-01Conseguenze politiche

Secondo quanto riporta il Daily Mail, i nuovi dati avrebbero innescato un intenso dibattito politico e scientifico. Nel mese di marzo, il giornale aveva rivelato che le temperature globali sono in procinto di scendere al di sottò del livello previsto dagli attuali modelli climatici, con una certezza del 90%.

Il rimbalzo del 2013, e altri indicatori planetari, indicano che le previsioni sul riscaldamento globale risultano gravemente viziate e che i governi mondiali, piuttosto che preparasi ad una Piccola Era Glaciale, hanno investito miliardi di dollari in ‘misure verdi’ che, sostanzialmente, non sono servite a nulla.

Il ritorno della calotta glaciale artica ha costretto le Nazioni Unite a tenere una riunione di crisi. Il Gruppo Intergovernativo di esperti sui Cambiamenti Climatici (UN Intergovernmental Panel on Climate Change – IPCC) dovrebbe pubblicare il suo Quinto Rapporto di Valutazione sulla situazione climatica del nostro pianeta, un enorme studio in tre volumi pubblicato ogni sei o sette anni.

Ma per i governi che finanziano l’IPCC, i nuovi dati richiedono una notevole modifica dello studio di imminente uscita, dato che non spiega correttamente l’inversione di tendenza registrata nel 2013. Sono state richieste più di 1500 modifiche al rapporto di sintesi destinato ai politici.

Cosa succede in Antartide?

La tendenza verso il raffreddamento sembra interessare anche il lato opposto del pianeta. Il ghiaccio marino del Polo Sud sta per raggiungere la più grande estensione mai registrata, attestandosi sui 19,3 milioni di chilometri quadrati. Nel 2012, la misura del ghiaccio antartico era arrivata a 18,3 milioni di chilometri quadrati.

Il fenomeno riflette le differenze e le connessioni tra l’ambiente dell’Artico e quello dell’Antartide, attualmente oggetto di numerosi progetti di ricerca. Il dato sconcertante, e che richiede nuove indagini, è che il tasso al quale l’Artico sta perdendo ghiaccio marino supera la velocità con cui si sta espandendo quello dell’Antartico.

Berlusconi voleva uscire dall’euro

debt-crisis-italy_2492666bCosì adesso lo sappiamo: Silvio Berlusconi aveva proposto seriamente il ritiro dell’Italia fuori dall’euro a Ottobre/Novembre 2011, precipitandolo nella destituzione immediata dalla sua carica e attirandosi il siluramento da parte dei gendarmi della politica dell’Unione monetaria europea.
L’ex insider della BCE, Lorenzo Bini Smaghi ha tranquillamente infilato alcune bombe nel suo ultimo libro Morire di Austerità, che vale la pensa di essere letto per chi conosce l’italiano.
Bini Smaghi, fino a recentemente uno dei sei membri del Comitato esecutivo della BCE, e per molti anni l’italiano a Francoforte, dichiara che Silvio Berlusconi fu rovesciato dalla carica di primo ministro nel novembre 2011 non appena iniziò a sbattere le inferriate della gabbia dell’Unione economia e monetaria (UEM).
Nello specifico ha discusso (o minacciato?) il ritiro italiano dall’euro in riunioni private con altri governi dell’UEM, presumibilmente con la Cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy, poiché non negozia ai livelli più bassi (“L’ipotesi d’uscita dall’euro era stata ventilata in colloqui privati con i governi degli altri paesi dell’euro“).

Lo avevamo sospettato, adesso è confermato.

Bini Smaghi rivela anche che la Merkel ha continuato a pensare che la Grecia  potesse essere cacciata dall’euro fino all’autunno del 2012 quando lo Pfennig fece trapelare che ciò avrebbe scatenato un inferno con reazioni a catena che avrebbero ingolfato tutto il sistema. Poi la Merkel ha cambiato improvvisamente atteggiamento correndo ad Atene a lodare il neo governo per le sue azioni eroiche. “”Merkel l’ha capito solo nell’Autunno del 2012“.
Conferma che la Germania è sicuramente sul filo del rasoio con €574 biliardi di crediti che la Bundesbank ha nei confronti delle banche centrali di Grecia, Portogallo, Irlanda, Italia, Cipro e Slovenia.
Ci hanno sempre garantito che i crediti cosiddetti di Target2 nel sistema dei pagamenti della BCE fossero un aggiustamento tecnico senza rischi significativi.
Bini Smaghi dichiara che qualsiasi Stato dell’UEM che abbandona l’euro deve affrontare il probabile default sugli obblighi verso l’estero. “La banca centrale nazionale non sarebbe in grado di rimborsare i debiti accumulati nei confronti di altri Stati membri dell’eurosistema, che sono registrati nel sistema dei pagamenti interni dell’Unione (noto come Target2). L’insolvenza provocherebbe perdite sostanziale per le controparti in altri Stati dell’eurozona, ivi comprese le banche centrali e gli Stati.”
Gli elettori tedeschi potrebbero volerlo sapere prima delle elezioni di  domenica della settimana prossima, visto che i loro dirigenti dicono loro cose del tutto diverse. Anche il partito anti euro AfD, classificato in quarta posizione nei sondaggi, a un passo dall’entrare nel Bundestag, potrebbe trovare la cosa degna di interesse.
Che io sappia la Bundesbank (e le banche centrali di Finlandia, Olanda e Lussemburgo) compensano i debiti di Target2 nei confronti del blocco Club Med vendendo titoli a banche registrate in Germania. Lo fa per ragioni di politica monetaria.

EuroCrisisMonitorCiò significa che se l’euro salta, la Bundesbank deve ancora questa moneta alle stesse banche private come la Deutsche Bank ma anche la Nomura, Citigroup o la Barclays. Non è finzione. La Bundesbank non può fare default su questi titoli.
Forse sono un orso senza cervello, ma devo ancora sentire una spiegazione soddisfacente su come si possa congiurare senza dolore tale eventualità, secondo quanto ci spiega una lista di illustri economisti. Non li ho mai sentiti rispondere a questa domanda. Pubblicano lunghi documenti, gettando polvere negli occhi con tecnicismi come sanno fare gli economisti (spesso bleffando) ma senza mai andare al punto.
Il fatto è che Target2 è l’altra faccia della medaglia della fuga dei capitali intra UEM. Gli investitori privati sono usciti dal Club Med, facendo ricadere i loro titoli di credito sui contribuenti tedeschi e gli stati creditori del nord. Puoi mascherarlo come vuoi ma questa è la realtà.
Si, la Bundesbank potrebbe stampare moneta allegramente in questa crisi e dovrebbe farlo per evitare lo shock deflazionistico e su ben più ampia portata di quanto non sia mai stato suggerito nella costruzione dell’UEM. La Germania sicuramente ce la farebbe ma le sue dottrine monetarie ne uscirebbero a pezzi.
La posizione ufficiale della Bundesbank è che la controversia su Target2 è una tempesta in un bicchiere d’acqua. In realtà non ci credono neanche loro. Un banchiere della BC tedesca con funzioni dirigenziali Target2 ha detto in mia presenza che “è la sua preoccupazione di ogni notte”. Il presidente stesso della banca Jens Weidmann ha testimoniato l’anno scorso che gli squilibri sono “un rischio inaccettabile”.
Mi sa che qualcuno stia tentando di menar il cane per l’aia al popolo tedesco, e non Jens Weidmann che parla con splendida schiettezza. Sono in disaccordo con le sue teorie monetarie, ma la sua onestà intellettuale è magnifica.

Da stampalibera

Fonte: http://blogs.telegraph.co.uk/finance/ambroseevans-pritchard/100025507/italy-floated-plans-to-leave-euro-in-2011-says-ecb-insider/ 12 Settembre 2013
Di Ambrose Evans-Pritchard – Traduzione a cura di N. Forcheri

Altri riferimenti: 

http://mercatoliberotestimonianze.blogspot.it/2013/08/come-un-paese-della-zona-euro-in.html

Panico a Parigi: Front National primo partito, Le Pen si prepara a governare

Marine Le Pen

Il Front National di Le Pen sorpassa il Partito Socialista nei sondaggi per le elezioni europee, salendo al primo posto davanti all’UMP, i piddiellini di Francia. Secondo un sondaggio condotto dalla società YouGov, il partito di Marine Le Pen raccoglie il 19% dei voti, solo un punto dietro, l’UMP (18%). Il Partito Socialista arranca al 15% dei voti, alla pari del Fronte di Sinistra.

E Marine Le Pen è pronta. Il leader del FN ha affermato che nel caso vincesse le elezioni e andasse alla guida della Francia, il suo obiettivo sarà distruggere l’ordine esistente dell’Europa e forzare la rottura dell’Unione monetaria.

Oggi, questa, non è più una prospettiva implausibile. “Non possiamo essere comprati,” ha detto, traboccante di fiducia dopo che il suo partito si è assicurato il 46% del voto al secondo turno, nel terremoto elettorale nelle supplettive di una settimana fa, dove il suo candidato ha asfaltato al primo turno i socialisti nel loro bastione di Villeneuve-sur-Lot.

“L’euro cessa di esistere nel momento in cui Francia lo lascia, è la nostra forza. Che cosa stanno andando a fare, se usciamo dall’euro? Ci inviano i carri armati?”, ha detto in un’intervista concessa al Daily Telegraph presso la sede del Front National, un edificio spoglio e austero in uno dei sobborghi di Parigi, a Nanterre.

“L’Europa è solo un grande bluff. Da un lato c’è l’immenso potere dei popoli sovrani e dall’altro lato solo alcuni tecnocrati,”ha detto.

Per la prima volta, il Front Nazional è testa a testa con i due partiti principali che hanno dominato nel dopoguerra la Francia, socialisti e gollisti. Tutti sono vicini al 21% nei sondaggi nazionali per le elezioni politiche. Ma gli altri calano, il FN è in crescita. Ed è in testa alle preferenze per le elezioni europee del prossimo anno.

Eppure, è il dettaglio della votazione di Villeneuve che ha sconvolto la classe politica. I voti sono arrivati dalle zone più rosse, il segno che il FN può diventare il movimento di massa della classe operaia bianca francese, abbandonata dai socialisti frou-frou.

I commentatori hanno cominciato a parlare di “Sinistra-LePenismo”, dimenticando che gli identitari hanno sempre attaccatto banche e capitalismo transfrontaliero. Intanto, un candidato del partito comunista nelle elezioni del 2012, ha disertato e si è unito al campo di Le Pen.

Marine Le Pen ha detto che il suo primo ordine una volta all’Eliseo, sarà l’annuncio di un referendum sull’adesione all’UE. “Fisseremo i punti i punti su cui non ci può essere nessun compromesso. Se il risultato delle trattative con l’UE fosse inadeguato, usciremo.” ha detto.

I quattro non negoziabili sono la valuta, il controllo delle frontiere, il primato del diritto francese, e quello che lei chiama “patriottismo economico”, la possibilità di perseguire un “protezionismo intelligente” a salvaguardia del modello sociale. “Non riesco a immaginare una politica economica senza controllo completo della moneta,” ha detto.

Alla domanda se lei intende ritirare immediatamente la Francia dell’euro, ha risposto: “sì, perché l’euro blocca tutte le decisioni economiche. La Francia non è un paese che può accettare la tutela di Bruxelles”.

Ai funzionari sarà detto di elaborare piani per il ritorno del Franco. I leader dell’Eurozona dovranno affrontare una scelta: lavorare con la Francia per una “dissoluzione concertata dell’euro” o impuntarsi e portare ad una fine dis-organizzata e caotica dell’Eurozona.

Il suo progetto è basato su uno studio di economisti della École des Hautes Études a Parigi, guidati dal Professor Jacques Sapir. Nello studio si conclude che Francia, Italia e Spagna beneficerebbero grandemente dall’uscita dall’euro, che ripristinerebbe la competitività del lavoro perduta in anni di depressione economica.

La crisi dell’UEM è strutturale. I paesi europei hanno bisogno di diversi tassi di cambio. “Il Marco aumenterebbe se non fosse per l’euro, e ciò significa che la Germania ha una moneta sottovalutata cronicamente. L’euro è troppo forte per la Francia e si mangia la nostra competitività,”ha detto Marine Le Pen.

“Ci siamo abbandonati ad uno spirito di schiavitù in Francia. Abbiamo dimenticato come condurre, e la nostra voce non si sente più,”ha concluso.

La forza del FN è a memento della demenza politica di G.Fini, il quale aveva sentenziato la fine della destra identitaria a favore di una destra moderna, tipo FLI per intenderci.

Guerra tra Arabi : Sunniti contro Al-Qaeda

L’esercito americano tratta troppo bene i terroristi di al-Qaeda che vengono catturati”.
È questa l’accusa incredibile lanciata dallo sceicco Hamid al-Hayas, presidente del Consiglio di Salvezza di al-Anbar, l’alleanza delle tribù della provincia sunnita irachena sorta alcuni mesi fa per cacciare i terroristi di al-Qaeda dai loro territori con il sostegno del governo di Bagdad.

Intervistato dal giornale arabo al-Sharq al-Awsat, il capo tribù iracheno accusa gli americani di trattare bene i detenuti di al-Qaeda che vengono catturati e chiede che questi terroristi siano sottoposti alle dure regole del codice tribale. Dalla città di Amiriya, nel mezzo della provincia di al Anbar, un movimento popolare – non per questo meno efficace o letale – di resistenza sta contendendo ai guerriglieri binladenisti il controllo del territorio.
Gli iracheni di al Anbar non vogliono che l’enorme provincia – fino a oggi l’area più pericolosa del paese, assieme alla capitale Bagdad – sia trasformata dai combattenti stranieri nell’“Emirato islamico d’Iraq”. Riconoscono il governo centrale di Bagdad e chiedono spesso l’aiuto e la cooperazione di truppe regolari irachene e americane per battere gli estremisti.

Gli americani sono troppo teneri quando trattano con i terroristi che sono detenuti presso di loro. Chiedo sempre loro: perché arrestati i nemici? Dateli a noi che abbiamo le nostre leggi tribali. Sono tradizioni che non possono cambiare e dicono solo una cosa: che il nemico deve essere ucciso”.

Secondo lo sceicco sunnita iracheno “se queste regole tribali non vengono applicate nella lotta al terrorismo allora al-Qaeda si diffonderà con maggior vigore” (infatti l’erbaccia va estirpata e non semplicemente potata NdB).
Al-Hayas ha maturato ormai una lunga esperienza nella lotta contro i combattenti stranieri presenti in Iraq. Guida le milizie che danno la caccia ad al-Qaeda nella zona desertica della provincia di al-Anbar, a ovest di Bagdad. Al giornale arabo dice di essere orgoglioso delle vittorie che i suoi uomini hanno conseguito finora nel combatterli ed esprime un desiderio: “Vogliamo trasformare il capoluogo della nostra provincia, Ramadi, nella Dubai dell’Iraq.

Fino a sei mesi fa i terroristi circolavano liberamente, tanto da aver anche diffuso su Internet un video nel quale si mostravano alcuni miliziani intenti a tenere lezioni all’interno della scuola elementare cittadina. Libertà che i terroristi non hanno più avuto invece dalla nascita delle milizie tribali di al-Anbar. “Al-Qaeda è diventata un cancro del nostro paese”.

Fu con queste parole che il capo della nota tribù sunnita irachena degli al-Duleimi, lo sceicco Majid Abdel Razzaq al-Ali Suleiman, rispose in un’intervista rilasciata al giornale arabo al-Sharq al-Awsat sul perché abbia deciso di combattere il gruppo terroristico attivo nel paese. Gli ordigni alla clorina stanno ormai diventando una sorta di arma prediletta da parte di al-Qaeda contro i sunniti. Il capo degli al-Duleimi ha spiegato inoltre perché tutti i capi delle tribù sunnite hanno deciso di allontanare i terroristi stranieri dal proprio territorio.

Abbiamo preso questa decisione – afferma – dopo aver visto che le autobomba colpivano anche i civili, gli studenti, gli Ulema e gli ospedali. Questa non è resistenza. Adesso tra gli uomini della polizia e dell’esercito c’è gente della nostra tribù e noi ci fidiamo solo di loro”.

Da mesi, diversi clan della regione di Al Anbar, una delle più infestate dalla guerriglia, hanno formato una coalizione per combattere i ribelli dello “Stato islamico dell’Iraq”, il cartello che riunisce i gruppi qaedisti. L’organizzazione di al Qaeda in Iraq ha intenzione di assumere il controllo delle aree sunnite del paese, una volta che le truppe americane avranno lasciato l’Iraq, per dare vita a uno stato islamico.

Secondo le analisi condotte dall’intelligence Usa, e riportate dal Sunday Times, al Qaeda vuole creare una enclave terroristica nelle province di Bagdad, al Anbar, Diyala, Salahuddin, Nineveh e parte di Babil. “Al Qaida è in procinto di creare la sua prima roccaforte in Medio Oriente – ha ammonito un funzionario Usa – se dovesse avere successo, sarebbe una catastrofe, ma anche un serio rischio per l’Arabia Saudita e la Giordania” (alla faccia delle anime pie che razzolano alla nostra sinistra NdB).
Sarebbe stato proprio tale piano a innescare lo scontro in atto nel paese tra lo Stato islamico in Iraq, la coalizione dei ribelli sunniti guidata da al Qaeda, e i gruppi sunniti più moderati, per la conquista del controllo delle zone centrali e occidentali del paese. Gli Usa ritengono che lo Stato islamico in Iraq possa assumere il potere adottando le tattiche classiche di al Qaeda. In diverse città le milizie locali – nazionaliste e islamiche – hanno dato la caccia ai qaedisti, accusati di seguire la strategia del massacro.

Le tribù, che hanno sofferto attacchi indiscriminati (in particolare con i kamikaze) e hanno visto morire alcuni loro sceicchi, hanno deciso di sterminare gli avversari. Mossa benedetta da una fatwa del consiglio degli ulema.

Nel frattempo i vertici politici iracheni hanno avviato negoziati con gli insorti sunniti non legati ad al Qaeda, negoziati a cui hanno preso parte il premier sciita, al Maliki, il presidente curdo Talabani, l’ambasciatore e ufficiali militari britannici. Come rende noto Talabani in una intervista al Daily Telegraph nel corso della sua visita in Gran Bretagna, le trattative hanno dato “segni positivi” che potrebbero tradursi nell’imminente annuncio di un accordo storico di riconciliazione. “Vi è stato un grande cambiamento di mentalità fra i arabi sunniti.

Per loro il pericolo non è più l’America, ma l’Iran”, spiega. “Dobbiamo convincere gli arabi sunniti che sono un partner reale. Se non si sentono tali, non combatteranno il terrorismo. Quando lo saranno, lo contrasteranno”, assicura il presidente iracheno chiedendo alle forze della coalizione di rimanere in Iraq ancora fino alla fine del prossimo anno.

Secondo quanto rivela il giornale arabo al-Hayat, negli ultimi giorni il cosiddetto “Stato Islamico Iracheno” ha rivendicato una lunga serie di omicidi ai danni di personalità del mondo sunnita. Analizzando i comunicati diffusi sul web negli ultimi due giorni, il gruppo ha reso noto di aver ucciso una serie di persone accusate di essere degli “apostati” o “agenti” degli americani. In particolare hanno annunciato di aver ucciso Abdel Salam Anad al-Kartani, Muhammad Hasan al-Gharari, Muadh al-Kartani e Khaled Naim al-Kartani. Sono tutti sunniti del quartiere di al-Doura, zona sud di Bagdad, che facevano parte di gruppi armati della guerriglia ostili ad al Qaeda. La città di Amiriya, da cui è partita la resistenza sunnita contro i qaedisti, era stata teatro di una grande battaglia lo scorso due marzo. Diverse centinaia di combattenti di al Qaeda s’erano ammassati per attaccare il convoglio di un leader dell’Anbar salvation council (Asc), la lega di tribù ed ex guerriglieri che ora appoggia il governo e combatte al Qaeda in Iraq. La polizia della zona aveva intuito in tempo l’attacco, e aveva chiamato i combattenti locali appartenenti alla Thurwa al Anbar, la milizia allestita dall’Anbar salvation council. Almeno 80 uomini di al Qaeda erano morti e altri cinquanta erano stati catturati. Il leader dell’Asc era in viaggio per partecipare ai funerali delle vittime della stage di Habbaniya, dove al Qaeda ha distrutto un’intera moschea (ammazzando 39 persone) con un’autobomba per punire l’imam sunnita che aveva osato predicare contro i terroristi.

Da Il Velino – Giulio Meotti