Tre indizi fanno una prova

La striscia di sangue lasciata dal corpo di Lee Rigby trascinato in strada dagli assassini al grido di ALLAH U AKBAR Diceva Agatha Christie che “un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”.Milano : un nero va in giro con un piccone e uccide tre bianchi Stoccolma : un nero armato di machete insegue un bianco per ucciderlo Londra : due neri armati di mannaia vanno in giro per la città e decapitano un biancoTre casi isolati? Personalmente non lo credo, credo invece a degli imbecilli che in nome di dio riversano il loro odio sui bianchi che li “albergano” come dice la mia amica Eleonora.… Continua a leggere

Italia nelle fauci di Goldman Sachs

I polli italiani nelle fauci della Goldman Gli uomini della Goldman Sachs che hanno ricoperto/ricoprono ruoli chiave nell’economia Italiana e le loro promozioni:Romano Prodi, da consulente Goldman Sachs mentre era presidente dell’IRI a Presidente del Consiglio in Italia Mario Draghi, da Vicepresidente Goldman Sachs a Governatore della Banca d’Italia ed ora Presidente della Banca centrale europea Mario Monti, dalla Commissione Europea sulla concorrenza alla Goldman SachsEra il 1992, all’improvviso un’intera classe politica dirigente crollava sotto i colpi delle indagini giudiziarie. Da oltre quarant’anni era stata al potere. Gli italiani avevano sospettato a lungo che il sistema politico si basasse sulla corruzione e sul clientelismo.… Continua a leggere

Ginevra e le sue convenzioni

Nei precedenti articoli abbiamo parlato del diritto di navigazione. In questo articolo abbiamo parlato delle convenzioni di Ginevra, così come in Questo ed in questo. Tutto aveva avuto origine da qui. Naturalmente, scrivere tanto con prove documentate e foto non è servito a nulla perchè il disco rotto della propaganda antioccidentale ma soprattutto antisionista ha continuato a ripetere all’infinito le solite menzogne distorcendo realtà e fatti. Negli ultimi avvertimenti si è fatto passare dell’illegalità del blocco navale. Si è battuto sul fatto che sia Israele ad effettuare tale blocco … ne più ne meno come il muro che isola la striscia di Gaza.… Continua a leggere

Il massacro e la distruzione di Damour

Bambini critiani massacrati a Damour Damour era una cittadina accanto all’autostrada Beirut-Sidon, circa 20 kilometri a sud di Beirut, nell’area pedemontana del massiccio libanese. Sull’altro lato dell’autostrada, al di là di una striscia pianeggiante di terra, c’era il mediterraneo. Era una città di 25.000 abitanti con 5 chiese, tre cappelle, sette scuole tra pubbliche e private ed un ospedale, ove, a spese del comune, venivano curati, assieme ai cristiani, anche i mussulmani dei paesini circostanti. Il 9 di gennaio 1976, tre giorni dopo la Befana, il parroco di Damour, Don Mansour Labaky, stava praticando il rito maronita della benedizione delle case con l’acqua santa.… Continua a leggere

Vivere al confine di Gaza

Camera dei Deputati On. le Alessandro Pagano “Gli Approfondimenti” VIVERE “AL CONFINE” DI GAZA LA MIA CRONACA DI 3 GIORNI VISSUTI LA’ DOVE L’OCCIDENTE RISCHIA DI PERDERE LA LIBERTA’Sono stato in Israele per 3 giorni, al confine con la Striscia di Gaza, in missione come osservatore per conto del PDL e assieme ad uno stimato collega del PD, l’On. Gianni Vernetti. Vi voglio raccontare le mie impressioni, le mie emozioni e il mio stato d’animo per farvi capire che cosa si prova a visitare i luoghi dove in questo momento gli occhi del mondo sono puntati. La guerra, come sapete, per il momento è finita.
Continua a leggere

Sderot

Immagina, tutti i giorni così. Giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese, anno dopo anno effetti di un missile kassam lanciato dalla striscia di gaza   large Damaged House Dec30 08   large Damaged House Dec30 08   large Damaged House Dec30 08   Non è un petardo come i sinistri italiani e mondiali voglio far credere ai gonzi ma è un vero missile con la sua carica distruttiva  
  E poi questi i vigliacchi si fanno passare per vittime … questo non è palliwood …!