Come i “radical chic” distruggono la società

Analizzando l’attuale situazione delle galere, abbiamo un’occasione per comprendere appieno quanto gli autodefinitesi “intellettuali”, danneggino la società, prima creando continui problemi, e poi proponendo soluzioni ancora peggiori dei problemi di partenza.Ma procediamo con ordine.Oggigiorno, si fa un gran parlare nei media, delle “inumane” situazioni dei detenuti, del sovraffollamento carcerario; diversi personaggi “illuminati”, dall’alto del loro magistero morale, ci narrano dell’evento con toni struggenti.Quello che ovviamente dimenticano sempre di menzionare, è che tale sovraffollamento è frutto di quell’immgirazione che tanto decantano.Difatti, il numero di detenuti in Italia, attualmente, è poco meno di 67.500; di questi, 20.000 sono di troppo http://voxnews.info/2013/02/02/pd-indulto-amnistia-e-pene-piu-miti/.Ebbene, il tasso di immigrati tra i detenuti ( e visto il loro influsso sulla criminalità non poteva essere altrimenti http://xn--identit-fwa.com/blog/2013/02/01/criminalita-limpatto-devastante-dellimmigrazione-dati-e-numeri/è intorno al 40% ( con punte anche dell’85% nelle carceri del nord Italia) http://luccanews.tv/carceri_superaffollateil_40_per_cento_dei_detenuti_e_straniero-5841.html e http://www.programmaintegra.it/modules/news/article.php?storyid=3234.Facendo quindi un semplice calcolo aritmetico, il numero di immigrati detenuti è intorno a 27.000 ; ergo, se essi non ci fossero, le carceri tornerebbero (guarda caso) ad essere utilizzate anche al di sotto della propria capienza.Ora, appurato che il sovraffollamento carcerario ( che ovviamente è anche economicamente costoso) è un altro regalo dell’immigrazione, cosa propongono i vari radical chic per risolvere tale problema, da loro creato?Interrompere i flussi migratori?Espellere e bandire dall’Italia i vari “migranti” stupratori e spacciatori?No, ovviamente; riconoscere i propri errori e far qualcosa di giusto, non fa parte della loro “forma mentis”.Decidono dunque di sfruttare un problema da loro creato, per tentare di compiere altre assurdità, degne della loro ideologia.… Continua a leggere

Nigel Farage

Nigel Farage Nigel Farage è Presidente del partito per l’indipendenza del Regno Unito (UKIP) e membro del Parlamento Europeo (MEP). La sua posizione euroscettica e fortemente critica sull’Unione Europea e sull’Euro, che ritiene essere un vero e proprio fallimento, ha attirato su di lui le antipatie degli “architetti del disastro Europeo; responsabili di aver creato una; prigione economica per gli stati come l’Italia, la Grecia ed il Portogallo. Di seguito pubblichiamo una sequenza di video da cui si evincono le posizioni dell’eurodeputato con i discorsi tenuti all’eoroparlamento ed un’intervista nella quale parla di Monti e della goldman sachs Il giorno 06/05/2010 Nigel Farage è vittima di un incidente aereo e si salva miracolosamente insieme al pilota dell’ultraleggero.… Continua a leggere

Per la Grecia un’altra manovra economica

I tre della goldman sachs Draghi Monti Papademos I principali leader politici greci, membri della larga coalizione che sostiene il governo di unità nazionale di Lucas Papademos, hanno raggiunto ieri un accordo su una nuova serie di tagli e misure di austerità necessari a ottenere un nuovo prestito internazionale, allo scopo di evitare il fallimento del paese. Il prestito sarà garantito dalla cosiddetta troijka – Unione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale – e dopo il vertice di ieri sera dell’eurogruppo è ormai chiaro che prima di autorizzare il prestito il pacchetto di norme dovrà essere approvato dal parlamento greco.… Continua a leggere

Magistratura e criminalità organizzata

Tra pochi giorni molte procure saranno senza pm. Basta indagini. Lo denuncia il Csm che non trova giudici per le sedi disagiate, nonostante il bonus Alfano Tra qualche giorno lo Stato scomparirà del tutto in molte parti del Sud Italia. E proprio in quelle regioni che ne avrebbero più bisogno, come la Calabria o la Sicilia, sedi di tribunale cosiddette disagiate, ovvero superimpegnate nella lotta alla criminalità organizzata. Il Csm infatti non riesce a trovare nessun pm disposto a trasferirsi in quelle procure e quindi, già alla fine di questo mese, potrebbe non esserci più nessuno a disporre indagini di polizia o istruire processi.… Continua a leggere

26 milioni 571mila euro

Finanziaria? Risanamento Alitalia? Tesoretto? Adeguamento delle pensioni? Opere pubbliche? Assegni familiari? Edilizia statale? Ricerca? Scuola ed Univerità ? Nulla di tutto questo! Da qui – I partiti passano, i giornali di partito restano. Con un parlamento capovolto, simboli storici che spariscono, gruppi cancellati, comunisti e socialisti spazzati via come briciole al vento, c’è una nicchia che si salva dalla rivoluzione delle elezioni: i fogli politici continueranno a ricevere contributi pubblici esattamente come prima, anche senza gruppo parlamentare, per legge. Quale legge? Il decreto Bersani del 2006. Di questo provvedimento del quasi ex ministro delle Attività  Produttive si lodarono gli intenti anticorporativi e pro-consumatori, ma la legge contiene in realtà  anche una norma “magica”, capace di mantenere in vita con i soldi pubblici le voci dei partiti ridotti al silenzio dagli elettori … E bravi i sinistri che hanno trovato il modo di succhiare ancora sangue agli Italiani.… Continua a leggere

Sulla destra sociale

Roma fu «la chiamata di genti diverse ed inizialmente ostili a fare qualcosa di grande assieme» (Ortega y Gasset) Il lettore Fabio A. mi scrive dalla Svizzera a proposito della diatriba con Giulietto Chiesa: «Tale ‘scontro di penne’ mi ha posto in una inizialmente scomoda situazione: Conosco Giulietto Chiesa da anni, come giornalista e scrittore, da quando militavo nella sinistra radicale e lo stimavo parecchio, mentre lei direttore é ‘entrato’ nella mia vita molto dopo, quando le mie vedute hanno cominciato ad abbandonare il dogma sovietico per guardarsi intorno alla ricerca di qualcosa di migliore, di più umano e completo. Ed ecco spuntare Blondet con la sua ‘destra sociale’ (mi piace identificare cosi il suo pensiero, mi smentisca se non é d’accordo) che, devo ammettere, mi ha rapito parecchio soprattutto sui temi economici e di politica estera in generale e che non può assolutamente essere identificata col pensiero di forzanuova come suggeriva un seguace di Chiesa che, evidentemente, non la conosce affatto…».… Continua a leggere