Tag: prima guerra mondiale

La scomparsa dei cristiani in Medio Oriente

Pezzo in lingua originale inglese: Disappearing Christians in the Middle East

Il trasferimento dei poteri su Betlemme da Israele all’Autorità palestinese, poco prima del Natale 1995, ispirò una serie di articoli [1] sul calo della presenza cristiana a Betlemme. In questi articoli si rileva che in un luogo in cui non molto tempo fa si registrava la presenza dell’80 per cento di cristiani, oggi solo un terzo degli abitanti è di fede cristiana. Per la prima volta in quasi due millenni, la città che rappresenta la culla del cristianesimo non è più a maggioranza cristiana. E lo stesso dicasi per altre due città come Nazareth e Gerusalemme. A Nazareth, i cristiani sono passati dal 60 per cento del 1946 al 40 per cento nel 1983. Nel 1922, i cristiani di Gerusalemme superavano di poco i musulmani (15.000 contro 13.000); [2] oggi, essi costituiscono meno del 2 per cento dell’intera popolazione urbana.

La situazione non è diversa in altre zone di Israele. Un pezzo riguardante Turan, un villaggio della Galilea, riporta quanto asserito da un commerciante cristiano: “La maggior parte dei cristiani se ne andrà presto da qui, non appena riusciremo a vendere le nostre case e i nostri negozi. Non possiamo più vivere tra questa gente [i musulmani]”.[3] Un giornalista trae le seguenti conclusioni: “La comunità cristiana in Cisgiordania è in via di estinzione”.[4]

Ed anche i territori che rientrano nello Stato di Israele devono fare i conti con questa situazione. I cristiani stanno abbandonando tutto il Medio Oriente. Il processo migratorio ebbe inizio subito dopo la Prima guerra mondiale, per poi subire un incremento lo scorso decennio. Nel 1920, in Turchia, i cristiani erano 2 milioni, oggi se ne contano solo poche migliaia. Il problema è così preoccupante che il Patriarcato ortodosso di Istanbul rischia di sparire per la mancanza di un adeguato numero di candidati. Prima dell’inizio di questo secolo i cristiani costituivano circa un terzo della popolazione siriana; oggi, sono meno del 10 per cento. Nel 1932, essi costituivano il 55 per cento della popolazione libanese; oggi, la loro percentuale è inferiore al 30 per cento. Più della metà dei cristiani ha abbandonato l’Iraq. Dopo la rivoluzione del 1952, i copti presero massicciamente a lasciare l’Egitto.

Sono due le principali cause del declino della popolazione cristiana: l’emigrazione e il calo demografico.

L’Emigrazione rappresenta la fine di un lungo processo di esclusione e persecuzione. In Cisgiordania, il problema risiede in un pressoché costante boicottaggio degli esercizi commerciali gestiti da cristiani da parte dei musulmani. In Egitto, i fondamentalisti musulmani prendono costantemente di mira i cristiani. In sintesi, la guerra civile libanese del 1975-90 fu un tentativo fruttuoso da parte dei musulmani di ridurre il potere esercitato dai cristiani nel paese. Ma la situazione di gran lunga peggiore è quella del Sudan, dove la guerra civile scatenatasi a partire dal 1956 ha portato a delle atrocità di massa.

In tutta la regione si può rilevare un calo demografico. Ad esempio, in Israele il tasso di natalità tra i musulmani si attesta al 37 per mille e tra i cristiani a un mero 22 per mille. [5] Inoltre, un piccolo numero di cristiani arriva a sposare dei musulmani, il che di fatto significa che essi perdono i contatti con la loro comunità.

Andando avanti di questo passo, i 12 milioni di cristiani oggi presenti in Medio Oriente nel 2020 saranno probabilmente scesi a 6 milioni. Col passare del tempo, i cristiani finiranno per sparire dalla regione come forza culturale e politica. Come riportato da un articolo “vivono più palestinesi a Bayt Jala in Cile che nella stessa Bayt Jala [in Cisgiordania]”. [6] Perfino il Principe El-Hassan bin Talal ravvisa tale problema poiché “vi sono oggi più cristiani di Gerusalemme (…) che vivono a Sidney, in Australia, piuttosto che nella stessa Gerusalemme”.

Per parecchi anni, il mondo esterno non ha prestato molta attenzione alla difficile situazione in cui versano i cristiani del Medio Oriente. Coloro che in passato avevano preso a cuore i loro interessi – i governi britannico, francese, russo e greco, come pure il Vaticano – hanno distolto lo sguardo dai problemi attuali.

Di recente, però, delle organizzazioni americane hanno sposato la causa dei cristiani perseguitati nel mondo, in particolar modo nel mondo musulmano e nei paesi comunisti. Ovunque, in America vi sono segnali a riguardo. Il Senato americano conduce udienze su questo argomento [7] e nel 1999 il Dipartimento di Stato ha iniziato a pubblicare studi sulla persecuzione religiosa nel mondo attraverso l’Annual Report on International Religious Freedom. Un politico di spicco ha proposto che la città di New York non acquisti merci dalle grandi imprese che intrattengono rapporti commerciali coi paesi in cui i cristiani sono perseguitati. [8] Una schiera di organizzazioni [9] e di individui [10] si occupano di questo problema.

Ciò è tanto di guadagnato perché portare l’attenzione internazionale e americana verso questa triste situazione potrebbe essere un significativo passo per apportare miglioramenti. Ma nessuno di questi gruppi è esperto di Medio Oriente o islam. Per contribuire a fornire ad essi e ad altri ragguagli in merito, il Middle East Quarterly dedica una particolare attenzione alla questione della scomparsa dei cristiani dal Medio Oriente.

[1] Si veda ad esempio: Andrew Aciman, “In the Muslim City of Bethlehem”, The New York Times Magazine, Dec. 24, 1995, e Sue Fishkoff, “A Prayer in Bethlehem”, The Jerusalem Post International Edition, Dec. 30, 1997.
[2] Anglo-American Commettee of Inquiry, A Survey of Palestine (reprinted, Washington: Institute for Palestine Studies, 1991), vol.1, p.148.
[3] The Jerusalem Report, July 10, 1997.
[4] David Rosenberg, “The Christian Exodus”, The Jerusalem Report, Nov. 15, 1990.
[5] The Jerusalem Report, Dec. 26, 1991; cfr. Abraham Ashkenasi, Palestinian Identities and Preferences: Israel’s and Jerusalem’s Arabs (New York: Praeger, 1992), p. 46.
[6] Ha’aretz, Aug. 12, 1994.
[7] Per gli estratti della testimonianza resa da Steven Coffey, cfr. Middle East Quarterly, Sept. 1997, pp. 77-80.
[8] The New York Times, June 15, 1997.
[9] Tra esse spiccano: Christian Solidarity International, la Coalition for the Defence of Human Rights under Islamization, Freedom House, la International Fellowship of Christians and Jews, il Puebla Institute of Freedom House, e il Rutherford Institute.
[10] In particolar modo: Sam Brownback, Michael Horowitz, A. M. Rosenthal, Arlen Specter, Frank Wolf e Bat Ye’or

Aggiornato al 17 dicembre 2006: Secondo un articolo apparso nel Daily Mail di Londra, “O città musulmana di Betlemme…” la città natale di Gesù ha visto sempre più diminuire la proporzione della sua popolazione cristiana passando “dall’85 per cento nel 1948 al 12 per cento dei suoi 60.000 abitanti nel 2006. Ci sono dei rapporti sulle persecuzioni religiose, sotto forma di omicidi, percosse e appropriazioni di terreni”.

Aggiornato al 22 dicembre 2006: In un articolo titolato “Tutti i membri del mio personale sono stati uccisi in chiesa: sono scomparsi”, il Times di Londra pubblica un grafico tratto dal sito web DanielPipes.org:

1472811441-7231-largeIl crollo delle popolazioni cristiane in Medio Oriente: dal sito web DanielPipes.org.

Aggiornato al 31 marzo 2007: La stessa storia in Libano:

In un sondaggio che verrà pubblicato il mese prossimo in esclusiva sul The Sunday Telegraph, quasi la metà della popolazione di tutti i maroniti, la più vasta confessione cristiana nel Paese, afferma di aver preso in considerazione la possibilità di emigrare. Di questi, oltre 100.000 hanno presentato domanda di visto alle ambasciate straniere. Il loro esodo potrebbe avere un effetto devastante sul Paese, privandolo di una minoranza influente che agisce da importante contrappeso alle forze dell’estremismo islamico. Circa 60.000 cristiani hanno già abbandonato il Libano da quando la scorsa estate è scoppiata la guerra tra Israele e Hezbollah.

Aggiornato al 4 dicembre 2007: In un’intervista al Jerusalem Post, Justus Reid Weiner del Jerusalem Center for Public Affairs si dice molto pessimista in merito al futuro dei cristiani che vivono sotto l’Autorità palestinese. Egli prevede che, se non si farà qualcosa rapidamente, nell’arco di 15 anni non ci saranno più comunità cristiane nei territori palestinesi. “I leader cristiani sono costretti ad abbandonare i loro discepoli alle forze dell’Islam radicale”.

 

di Daniel Pipes
Middle East Quarterly
Inverno 2001

Il trattato di Osimo

confini
confini orientali nei periodi 1866 – 1918 – 1975

L’articolo 5 della Costituzione recita «la Repubblica è una e indivisibile». Allora perché è bastato un passaggio parlamentare ordinario e non speciale per ratificare il distacco della “Zona B” previsto da quel Trattato, avallando di fatto una modifica alla Costituzione stessa? Altro che Osimo in dubbio per la fine dell’ex Jugoslavia, cioè uno dei due soggetti firmatari, come si dibatteva dopo il ’92.

MA andiamo per ordine.

 10 Febbraio 1947: firma, a Parigi, del Trattato di Pace tra l’Italia e le nazioni vincitrici della seconda guerra mondiale. Un atto fortemente contestato, anche da personalità non certo accusabili di filofascismo (per tutte Benedetto Croce), un trattato che viene imposto all’Italia senza alcuna possibilità negoziale (sarà definito, per tale ragione, “Diktat”) e che segna in maniera drammatica le sorti del confine orientale italiano: cessione alla Jugoslavia di Zara, di Fiume e di gran parte dell’Istria, costituzione di uno stato cuscinetto, tra Italia e Jugoslavia, definito T.L.T. – Territorio Libero di Trieste, affidato alla tutela dell’ONU (che dovrà nominarne il Governatore) – e comprendente Trieste, il territorio ad essa immediatamente limitrofo ed una parte dell’Istria, corrispondente a circa un quarto della penisola.
All’epoca, non meno che in tutti i decenni che ne sono seguiti, il Diktat del ’47 è stato ripetutamente bollato per la sua ingiustizia ed iniquità: giudizio di certo sacrosanto se è vero, come è vero, che esso andò a sancire quel drammatico esodo di centinaia di migliaia di Italiani che abbandonarono le proprie terre, le proprie attività, i propri morti, pur di continuare ad essere Italiani; un Trattato che andò a premiare il criminale operato dei comunisti di Tito che, con le foibe, gli eccidi, il terrore di massa, realizzarono la “pulizia etnica” degli Italiani, in qualche modo anticipatrice di quelle “pulizie” che, decenni dopo, segneranno la dissoluzione della Jugoslavia.
Il Trattato di Parigi, però, fu qualcosa di più che un atto di ingiustizia, fu soprattutto un fatto macroscopico di stupidità (e ciò in politica è bene più grave): perché nel ’47 pretese affrontare e risolvere certi problemi, ignorando del tutto che oramai la situazione non era quella del ’45. L’Europa infatti non era più divisa tra paesi fascisti ed antifascisti, bensì tra blocco occidentale e blocco orientale. Fu proprio questa “stupidità” a costituire la causa specifica del fenomeno dell’Esodo. Infatti sia gli Italiani dell’Istria che quelli di Briga e Tenda si videro ceduto ad uno stato straniero e sempre a causa dello stesso Trattato di Parigi: i primi finirono sotto la Jugoslavia comunista, i secondi sotto la Francia democratica ed occidentale. L’esodo, le foibe, gli eccidi riguardarono però solo il confine orientale d’Italia, non certo quello ad occidente. Tutto ciò non era stato peraltro previsto dal Trattato di Pace che, scandalosamente, aveva ignorato che il mondo ormai si divideva tra paesi comunisti e paesi democratici e che, pertanto, ben diversa era la conseguenza di uno spostamento di confini quando realizzato a cavallo della linea divisoria tra i due blocchi.
Un secondo esempio di tale “stupidità”: il meccanismo della nascita dello stato cuscinetto del Territorio Libero di Trieste era ormai tanto fuori dalla realtà da morire prima ancora di nascere e ciò per la banalissima ragione che l’Onu non riuscì mai a mettersi d’accordo neppure sul nome del designando Governatore. Ogni nome proposto dalle nazioni occidentali incappò nel veto di Mosca e viceversa. Sempre perché nel ’47 (e così per lunghi successivi decenni) la situazione politica sarebbe stata ormai totalmente condizionata da una logica (quella dei blocchi) che il trattato di Parigi aveva preteso di totalmente ignorare.

5 ottobre 1954: a Londra, Francia, Inghilterra e Stati Uniti siglano con Italia e Jugoslavia un “Memorandum d’intesa” in forza del quale la parte del costituendo Territorio Libero amministrata dagli Alleati viene restituita all’amministrazione dell’Italia. E l’atto che permetterà, il 26 ottobre dello stesso anno, il ritorno definitivo di Trieste alla madrepatria.
Il Memorandum non ebbe mai la natura di un trattato internazionale, tanto che non venne neppure sottoposto a ratifica del parlamento italiano. Fu semplicemente un accordo di natura pratico-amministrativa che si contava sulla constata impossibilità di dare attuazione a ciò che il Trattato di Parigi aveva previsto e cioè la nascita del nuovo staterello.
Tale constatazione non si tradusse peraltro in quella che doveva essere la logica sua conseguenza e cioè restituire all’Italia tuffo ciò che non era possibile dare ad uno stato mai nato e che mai sarebbe esistito. La restituzione si realizzò solo limitatamente a Trieste, nel mentre la cosiddetta “zona B”, vale a dire la parte dell’Istria del previsto T.L.T., continuò a subire l’amministrazione della Jugoslavia, amministrazione che aveva il suo solo fondamento giuridico nell’occupazione militare del ’45 e che era in pieno contrasto con i confini della Jugoslavia, così come fissati dal Trattato di Parigi.
La conseguenza, umana, di tutto ciò che fu proprio il Memorandum di Londra segnò la spinta finale perché Capodistria, Isola, Pirano, Buie, Umago e Ciffanova vedessero trasformarsi i propri cittadini in Esuli in Italia, così come già era awenuto per i fratelli di Zara, di Fiume, di Pola e del resto dell’Istria.

10 novembre 1975: nella cittadina marchigiana di Osimo il ministro degli Esteri italiano, Mariano Rumor, e quello jugoslavo, Milos Minic, firmano un trattato meritevole di entrare nel Guinness dei primati. Uno dei due contraenti, il governo di Roma, paga una serie di prezzi non da poco: la rinuncia alla sovranità italiana sulla zona B, la concessione di una zona franca italo-jugoslava, a cavallo del confine di Trieste, che apre a Belgrado una porta verso il Mercato Comune, più altri vantaggi materiali. L’altro contraente, la Jugoslavia, non dà contropartite di alcun genere, si limita ad incassare i lauti benefici.
Una sorta di curioso patto leonino, nel quale tutti i vantaggi vanno alla parte più debole, Belgrado, e tutti i danni a quella più forte, Roma. Siamo infatti in un momento nel quale l’Italia ha ormai il rango di quinta o di sesta potenza economica mondiale, nel mentre la Jugoslavia risulta già un paese economicamente allo sbando e segnato politicamente dalla generale previsione che, alla morte dell’ormai anziano dittatore Tito, tutto il suo castello politico sarà destinato alla crisi e forse allo sfascio.
Con il Trattato di Osimo si realizza tra l’altro un fatto politico-costituzionale di rilevanza assoluta: l’Italia accetta, tranquillamente, di sacrificare la sua integrità territoriale, senza che il mondo politico (salvo poche eccezioni) sembri quasi accorgersene. Bossi e le sue pretese di secessione possono ben vantare, in quel Trattato, un valido precedente a cui potersi richiamare nella loro volontà di spezzare il territorio nazionale!

16 gennaio 1992: morto da qualche anno il Maresciallo Tito, crollato il sistema dei regimi comunisti dell’Est, anche la Jugoslavia è giunta al capolinea ed al disfacimento. Al suo posto sono nate nuove realtà statuali. Sotto la pressante spinta di Bonn, due di questi nuovi stati, Slovenia e Croazia, vengono riconosciute dai paesi europei e tra questi anche dall’Italia.
Con questo atto di riconoscimento tutte le precedenti vicende, relative ai confini orientali d’italia (Trattato di Pace, Memorandum di Londra, Trattato di Osimo), risultano dunque superate e ciò proprio dall’accettazione italiana dei nuovi confini sloveni. L’Istria entra così inequivocabilmente ad essere parte o della Slovenia o della Croazia.
I negoziatori italiani pongono almeno due limitazioni, all’atto del riconoscimento: l’impegno di Croazia e Slovenia a garantire la tutela e l’unitarietà della minoranza italiana in Istria e, poi, la questione aperta della restituzione agli Esuli italiani dei beni immobili espropriati dal regime di Tito.
Sarà proprio su questi due temi (minoranza italiana e restituzione delle case) che si incentrerò, negli anni successivi, il contenzioso tra Roma, Lubiana e Zagabria. Contenzioso che con il ministro Martino, del Governo Berlusconi, arriverò a concretizzarsi nel veto italiano, a livello europeo, all’ingresso di Lubiana nell’Unione Europea; veto che verrà mantenuto dal successore di Martino, Susanna Agnelli, ed anzi fatto recepire dagli stessi organismi comunitari. Sarà infatti Bruxelles a ribadire che le porte europee resteranno sbarrate per la Slovenia, se Lubiana non avrò prima risolto il contenzioso con l’Italia.

Maggio 1996: siamo ormai all’ultimo atto. A Roma è stato appena formato il governo Prodi. Sottosegretario agli Esteri figura l’on. Piero Fassino il quale, prima ancora che il Senato abbia votato la fiducia al Governo di cui fa parte, si precipita a Lubiana per incontrare i governanti sloveni (tutti, come lui, ex comunisti doc) per consegnare alla Slovenia il bel pacco dono: la rinuncia italiana ad ogni veto, affinché le porte d’Europa si possano spalancare per Lubiana. Il tutto senza ottenere, e nemmeno chiedere niente di niente in contropartita.
La minoranza italiana e la sua unitarietà restano così in balia dei governanti sloveni; quanto ai beni rapinati agli Esuli il prode Fassino ottiene la vaga promessa che essi quei beni forse potranno ricomprarseli (da coloro che glieli hanno rubati). Promessa che, proveniente da un governo balcanico e di ex comunisti, ha comunque un grado di probabilità di realizzarsi che è molto prossimo allo zero.
Certo è che, trascorso ormai un anno da quel fulmineo viaggio lubianese del nostro sottosegretario, da parte slovena non si è visto passo di alcun genere. I segnali che giungono dalla Slovenia sono anzi decisamente di segno contrario (si parla di inesistenti limiti costituzionali, di ipotesi di referendum e così via), tanto da motivare espliciti interventi di richiamo da parte delle autorità europee (evidentemente poco inclini a prendersi in casa soggetti così poco affidabili). Ben più a ragione il presidente Prodi ed il viceministro Fassino dovrebbero farsi sentire e protestare con gli amici sloveni, ma così non è. Considerano, chiaramente, che con Lubiana, dopo aver ceduto tutto ed anche di più, non esiste ormai questione di sorta. Si limitano quindi ad uno stanco negoziato con la Croazia, nel quale è a tutti più che evidente che non ci potrò essere esito diverso da quello già realizzato con la Slovenia: una bella e solenne rinuncia, da parte italiana, ad ogni richiesta di giustizia per gli Esuli, ad ogni impegno di tutelare per gli italiani rimasti.
Sarà la conclusione coerente di una lunga vicenda di oltre cinquant’anni. Una vicenda nata male, proseguita peggio e conclusa in modo pessimo: con la bancarotta, totale e fraudolenta, della politica estera italiana sul confine orientale :

L’incontro tra Slovenia, Croazia e Italia, finalmente è arrivato a sancire ufficialmente la fine di una situazione di confine ingarbugliata da anni. Bene ha fatto, pertanto, il nostro Presidente Napolitano a presenziare a quell’atto dovuto alla Storia.
Ma a titolo di commento amaro, c’è da sottolineare che l’Italia è sempre quella che, internazionalmente, alla fine di un qualsiasi avvenimento sia guerresco che politico, a posteriori, ci rimette sempre a tavolino.
Dopo la “vittoria rubata” della prima guerra mondiale, questa volta la “pace rubata” parte da Osimo dove, nel ’75, il sottaciuto “Trattato” fu firmato tra Italia e Jugoslavia, caldeggiato dall’allora PCI che costrinse il governo Moro a cedere la zona “B” istriana all’amico Tito, in contropartita di un tacito sostegno allo stesso governo. (e finalmente ottennero quello che volevano fin dal 1945).
Fino a quell’anno, infatti, l’Istria era territorialmente ancora italiana, anche se amministrata in “via temporanea” dalla Jugoslavia. L’Italia si accontentò solo di qualche promessa a favore degli esuli, ma una volta definito l’abbandono (denunciato come un Atto di tradimento contro la Nazione), la Jugoslavia arrivò a vietare “solo” agli italiani di acquistare immobili e terre!

Nel trattato, però, Tito accettò una clausola: l’Istria sarebbe stata indivisibile, pena il decadimento dell’accordo stesso. Certo, il Maresciallo non immaginava una frammentazione federale postuma, ma l’Istria è stata divisa tra Slovenia e Croazia e quindi vi sarebbero state tutte le premesse per sollevare un’’istanza di revisione internazionale. Potrebbe sembrare non attuale, oggi, in tempi d’Europa Unita, riparlare di un vecchio Trattato del ’75, ma sta di fatto che c’’è e proprio noi, italiani, non dobbiamo aver paura di nominarlo, proprio perché siamo noi a volerlo superare, esigendo però, almeno,  rispetto dall’’altra parte e quanto meno non diffidenza o ritorsioni psicologiche… (come per esempio, al rovescio, in Alto Adige). Se poi dicessero, i confinanti, che non riconoscono Osimo, in quanto firmato con  la Jugoslavia, allora non sarebbe valido nessun trattato post-bellico imposto da quei presuntuosi alleati anglofoni e torneremmo alla Serenissima Venezia, dove comandava il commercio…

Admiral Graf Spee

La Admiral Graf Spee in navigazione nel canale di Kiel verso l'atlantico
La Admiral Graf Spee in navigazione nel canale di Kiel verso l’atlantico

Ci sono mezzi e uomini che nell’immaginario collettivo scrivono la storia ed entrano nella leggenda.
Oggi parliamo di un’altra nave, bellissima, potente, veloce moderna, la Admiral Graf Spee e del suo comandante Langsdorff.
Lunga 186 metri, progettata secondo i dettami più moderni dell’architettura navale l’Admiral Graf Spee era un gioiello di tecnologia. Via la rivettatura e l’inchiodatura delle piastre, utilizzo di speciali leghe di acciaio, via le macchine a vapore sostituite con otto motori diesel per un incredibile risparmio di peso senza inficiare la robustezza e comunque equipararla ad una corazzata.
Il risparmio di dislocamento permise di equipaggiare il vascello con ben sei cannoni da 208mm, otto da 150, sei da 105, ed altri otto da 37mm di calibro.
Dotata di otto tubi lanciasiluri da 533 utilizzava come dotazione di bordo il nuovissimo S-Gerat per la ricerca dei sommergibili, l’ecoscandaglio, il giropilota per la guida automatica e sulla torre di comando montava un rudimentale RADAR (D.T.G Deutches Techischers Gerat) ma che a quei tempi era una rivoluzione nella tecnologia di scoperta.

Il comandante Langsdorff
Il comandante Langsdorff

Il comandante Langsdorff era entrato nella Kriegsmarine nel 1912 e quindi aveva vissuto l’ascesa e poi il tracollo della potenza navale germanica durante la prima guerra mondiale.
Modesto e posato non era uno di quegli ufficiali, cocciuti militaristi, che credevano ciecamente nella superiorità di una razza. Egli era stimato dai superiori e benvoluto dai suoi sottoposti. Credente ma come tutti gli uomini di mare anche superstizioso.
45 anni, veterano della battaglia dello Jutland è il classico ufficiale gentiluomo, determinato ma cavalleresco, e lo dimostrerà facendo del suo meglio per assicurare il miglior trattamento possibile (o, almeno, il meno peggiore possibile) agli equipaggi delle navi nemiche catturate durante la sua crociera in qualità di nave corsara. I suoi uomini lo adorano; perfino gli Inglesi dovranno dimostrargli rispetto, oltre che un certo grado di ammirazione per l’abilità con cui comanderà la sua nave.
Quel giorno mentre la nave scivolava silenziosa sulle sonnacchiose acque del Weser il comandante non potè non notare la data : 13 Agosto 1939, il 13 giorno funesto!
Gli ordini erano di evitare assolutamente l’attraversamento della manica, così, appena in mare aperto fecero rotta per nord-nord-ovest circunnavigando l’isola britannica e a centotrenta miglia dall’Islanda accostarono a sud mantenendosi al centro dell’atlantico. Una volta a 23° nord (tropico del cancro) modificarono la rotta poggiando a sinistra verso le coste dell’Africa.
Il 3 settembre ricevettero una comunicazione da SKL (See Kriegs Leitung) : era la guerra.
Il 30 settembre la Graf Spee fece la sua prima vittima, intercettando e affondando la nave da carico britannica Clement al largo delle coste del Brasile. Il 7 ottobre fu la volta di altri due mercantili, la Ashlea e la Newton Beech, alle quali fece seguito il 17 ottobre la Huntsman e cinque giorni più tardi la Trevanion.
Nel compiere queste azioni, Langsdorff si attenne scrupolosamente alle regole del diritto internazionale: i mercantili nemici vennero fermati facendo un uso minimo della forza, i documenti controllati e l’equipaggio messo in salvo prima di affondare il bastimento. I prigionieri comuni venivano poi trasbordati il prima possibile sulla Altmark, mentre gli ufficiali rimanevano alloggiati sulla Graf Spee; il capitano Langsdorff curò personalmente che tutti i prigionieri venissero trattati con il massimo rispetto, venissero alloggiati dignitosamente e venisse loro fornito un minimo di svago. La correttezza di Langsdorff verso i prigionieri venne riconosciuta dai prigionieri stessi nelle loro memorie.
Ad ottobre inoltrato, Langsdorff decise di dirigersi verso l’Oceano Indiano per far perdere le sue tracce.
Il 15 novembre, la Graf Spee affondò la petroliera britannica Africa Shell al largo della costa del Mozambico; gli ufficiali vennero presi prigionieri, ma Langsdorff lasciò che il resto dell’equipaggio raggiungesse la terraferma, in modo che i britannici, informati dell’accaduto, concentrassero le loro ricerche nell’Oceano Indiano.
Ormai sulle tracce della Graf Spee erano stati mobilitati otto gruppi navali  così composti e dislocati :
F     Berwick, York  – Nord America, Antille
G     Cumberland, Exeter, poi Ajax, Achilles – Coste del sud America
H     Sussex, Shropshire – Capo di Buona Speranza
I     Cornwall, Dorsetshire, Eagle – Ceylon
K     Renown, Ark Royal – Pernambuco
L     Dunkerque, 3 incrociatori francesi
M     2 incrociatori francesi pesanti – Dakar
N     Strasbourg, Hermes Antille

Langsdorff riportò la sua nave in Atlantico [1], e il 2 dicembre affondò il mercantile Doric Star al largo delle coste dell’Africa occidentale; il marconista della Doric Star continuò a comunicare la propria posizione fino a quando fu possibile, e ciò permise alla Squadra da Caccia G britannica di avere una prima idea della posizione della Graf Spee.
La Graf Spee fece quindi rotta verso le coste del Sudamerica per compiere un’incursione nel corridoio davanti Buenos Aires, molto trafficato.
Il 3 dicembre affondò la nave da carico Tairoa, prima di incontrarsi, il 6 dicembre, con la Altmark, sulla quale vennero trasbordati tutti i prigionieri (ormai più di 300).
Gli Inglesi intuiscono che il luogo del prossimo attacco tedesco non può che essere la zona del Rio de la Plata, solcata da numerose navi che trasportano in prevalenza granaglie e carni, quindi si preparano pertanto a difenderla concentrando nella zona tutte le navi a disposizione.

La Admiral Graf Spee in atlantico
La Admiral Graf Spee in atlantico

Al Cumberland, ai lavori alle Falkland, viene ordinato di raggiungere la zona con le sole due eliche operative delle quattro disponibili; l’Achilles deve lasciare Rio de Janeiro per arrivare a Montevideo e fare il pieno di combustibile; l’Exeter deve lasciare le Falkland per trovarsi il 9 dicembre alle ore 16.00 al Rio de la Plata; l’Ajax e l’Achilles devono incontrarsi il 10 in posizione 35° S – 50° W.
Mentre il commodoro inglese Harwood dispiega le sue forze ed impone a tutte il silenzio radio, il comandante tedesco Langsdorff è incerto se proseguire la sua azione al largo di Rio de Janeiro o nel Rio de la Plata.
Per lui decide il fato.
Il 7 dicembre l’Admiral Graf Spee intercetta il mercantile Streonshaln, di 9.895 tonnellate portando così il totale a nove mercantili affondati per complessive 50.147 tonnellate di stazza lorda. Dopo averlo fermato ed essere saliti a bordo, i tedeschi si accorgono che il comandante J. J. Robinson ha fatto buttare a mare tre sacchi zavorrati. Uno di questi viene ripescato ed in esso viene rinvenuto il piano delle rotte delle navi mercantili che lasciano il Rio de la Plata dirette in Gran Bretagna. Dopo avere affondato lo Streonshaln in posizione 25° S – 27°50′ W, l’Admiral Graf Spee fa rotta per la baia di Santos.
La decisione è presa e Langsdorff va con la sua nave incontro al destino!
Alle ore 7.00 del 12 dicembre 1939 gli incrociatori inglesi Ajax, Achilles e Exeter si trovano in posizione 32° S – 41° W, dove tutte le navi che entrano ed escono nel Rio de la Plata sono obbligate a passare. la Graf Spee è in navigazione a 15 nodi diretta proprio verso le navi inglesi.
Il 13 dicembre (ancora 13), alle prime ore del mattino, la Graf Spee è a 34°30′ S – 49°55′ W con rotta 155° a 15 nodi. La visibilità è ottima.
Alle 5.52 le sue vedette segnalano la presenza di navi a 31.000 m sulla dritta a proravia. Langsdorff ordina di aumentare la velocità per avvicinarsi e capire di che cosa si tratti.
Alle 6.00 viene dato l’ordine “al posto di combattimento” e le navi riconosciute dai tedeschi come un tipo Exeter e due cacciatorpediniere. Si decide di attaccare.
Alle 6.10 Langsdorff riconosce che i due supposti cacciatorpediniere sono in realtà due incrociatori: l’Ajax e l’Achilles. Anche gli inglesi si avvedono della presenza della corazzata tedesca.
Alle 6.15 la Graf Spee, navigando a tutta velocità, accosta per 115° [2] per attaccare a dritta. Dalla torre A segnalano di non essere in condizione di brandeggiare. In pochi minuti l’avaria viene riparata e le due torri prodiere iniziano a sparare da una distanza di 20.000 m, una sull’Exeter, l’altra sull’Ajax.
Alle 6.20 la 1a Divisione, costituita dall’Achilles e dall’Ajax, accosta per 340° distendendosi, così che la Graf Spee si trova costretta a disperdere il tiro. Le unità inglesi iniziano il fuoco: l’Exeter, lascia la linea di battaglia dirigendo sulla corazzata tedesca, alle 6.20; l’Achilles alle 6.21; l’Ajax alle 6.23.
Alle 6.25 la Graf Spee concentra il tiro dei suoi cannoni da 280 mm sull’Exeter mentre l’armamento secondario viene indirizzato verso le altre due unità nemiche. Alla terza salva l’Exeter viene colpito al centro. Vengono danneggiati il sistema di trasmissione ed i due aerei sistemati sul ponte; gli addetti al tubo lanciasiluri di dritta rimangono uccisi. Da questo momento il comandante Bell lascia la timoneria, diventata inutilizzabile, e si trasferisce con gli ufficiali a poppa. Gli ordini, nel seguito dell’azione, saranno dati a voce. Un altro proietto da 280 mm colpisce la torre B dell’Exeter. Tutti i serventi ai pezzi rimangono uccisi.
Alle 6.28 l’Exeter viene colpito a prora da altri due colpi da 280 mm.
Alle 6.30 la Graf Spee dirige il tiro dei cannoni di una torre sull’Achilles e sull’Ajax, che viene colpito tre volte.
Alle 6.32 l’Exeter tenta di lanciare i siluri dai tubi di dritta accostando, la Graf Spee risponde accostando a 150° sulla sinistra, proteggendosi con una cortina di fumo. L’Ajax e l’Achilles manovrano per avvicinarsi al nemico.
Alle 6.37 l’Ajax, sotto il fuoco nemico, catapulta il suo aereo da ricognizione con ai comandi il tenente di vascello Lewin. L’Exeter manovra e si avvicina alla nave tedesca.
Alle 6.38 l’Exeter viene colpito da altri due proietti. Il primo mette fuori uso la torre prodiera, il secondo scoppia a centronave, provocando un principio d’incendio in un deposito munizioni e l’allagamento del deposito proietti da 105 mm. Numerose avarie colpiscono i circuiti elettrici.
Alle 6.40 l’Achilles viene raggiunto da alcuni colpi a prora.
Alle 6.50 l’Exeter è fuori combattimento e lascia il campo di battaglia, avvolgendosi dietro a cortine di fumo, dirigendosi verso Port-Stanley. Due torri sono fuori uso, la terza ha un solo cannone funzionante ed il fuoco avviene ad occhio; il castello di prua, distrutto, brucia; a prua sono state imbarcate 650 tonnellate di acqua; i ponti ed i corridoi sono coperti di cadaveri; il comandante Bell è accecato da una ferita al viso.
Alle 6.56 la Graf Spee continua ad avere come bersaglio principale l’Exeter che, disimpegnandosi sbandato di 7° a sinistra, continua a sparare con il solo cannone funzionante di poppa. In questa fase la Graf Spee, fatta segno ad attacchi con siluro, accosta più volte e si avvolge di nubi di fumo artificiale.
Alle 7.10, uscito di scena l’Exeter, il commodoro Harwood ordina all’Ajax e all’Achilles, che si trovano a 15.500 m dalla Graf Spee, di accostare per serrare le distanze.
Alle 7,16, dopo avere rinunciato ad inseguire l’Exeter, la Graf Spee concentra il suo fuoco sull’Achilles e l’Ajax, colpendo quest’ultima con tre proietti da 280 mm. Anche la corazzata viene raggiunta da alcuni colpi e lo stesso Langsdorff ferito. Per sfuggire al tiro la Graf Spee compie alcune brevi accostate a tutta velocità ed emette cortine di fumo.
Alle 7.20 le unità inglesi, nonostante alcuni zig-zag a tutta forza, mettono a segno alcuni colpi. Agli inglesi sembra di scorgere un incendio al centro della Graf Spee.
Alle 7.25 un proietto da 280 mm a scoppio ritardato della corazzata tedesca attraversa le sovrastrutture poppiere dell’Ajax raggiungendo l’alloggio del commodoro. Nel suo tragitto il proietto provoca gravi danni ai macchinari ed impianti delle torri poppiere (le torri X e Y nella terminologia inglese). Queste diventano inutilizzabili. Per contro Harwood decide di lanciare i siluri e fa accostare l’Ajax sulla dritta. Vengono lanciati 4 siluri da una distanza di 8.500 m. Langsdorff, avvertito del lancio, manovra a tutta velocità ed evita i siluri, riprendendo la rotta nord-ovest. Nonostante la Graf Spee sia stata raggiunta da numerosi colpi che hanno provocato morti e distruzioni, la corazzata conserva le sue capacità di manovra e di combattimento.
Alle 7.38, mentre le unità britanniche si trovano a solo 7.000 m dalla corazzata tedesca, Harwood decide di interrompere la battaglia con l’intenzione di riprenderla nel corso della notte. L’Ajax e l’Achilles fanno rotta verso est. L’Achilles ha soltanto il 20% delle munizioni, le torri poppiere ed il montacarichi della torre B sono fuori uso. La Graf Spee, senza tentare di avvicinarsi, prende a 22 nodi rotta per 270°. Sembra dirigersi verso  l’estuario del Rio de la Plata. Prima di interrompere il contatto la Graf Spee riesce a mettere ancora a segno un colpo sull’Ajax; colpo che abbatte l’albero di maestra con tutte le antenne radio.
Alle 7.40 inizia il pedinamento dell’Ajax e dell’Achilles nei confronti della Graf Spee. Alla velocità di 24 nodi le due unità britanniche fanno rotta per 140° una e 240° l’altra, mantenendosi ad una distanza tra i 20 ed i 24 km.

Si fa la conta dei danni e delle perdite. Sulla Graf Spee si contano 35 uomini uccisi, di cui un ufficiale, e 60 feriti. I danni sono prevalentemente concentrati a prora. Un proietto ha perforato il ponte.
Per questo Langsdorff giudica la sua nave non più in grado di navigare nel Nord Atlantico in quella stagione. Tra i danni si deve annoverare la messa fuori uso di tutte le cucine, ad esclusione di quella del comandante, per cui non è più possibile sfamare adeguatamente l’equipaggio.
Le perdite sull’Ajax e l’Achilles sono modeste: sul primo si contano 7 morti, sul secondo 4.
Alle 9.12 l’Ajax recupera l’aereo del tenente di vascello Lewin; ha sorvolato per molto tempo l’Exeter in navigazione verso le Falkland. Su questo si conta la perdita di 5 ufficiali e 56 uomini.
Alle 11.04, quando la Graf Spee si trova nei pressi dell’estuario del Rio de la Plata, incontra lo Shakespeare.
In un primo momento Langsdorff decide di affondare con il siluro il mercantile e per questo trasmette alle unità che lo inseguono di provvedere al recupero dei naufraghi.
Subito dopo ritiene poco conveniente per la qualità dei rapporti con l’Argentina e l’Uruguay, di cui avrà bisogno nei giorni successivi, affondare una nave proprio all’ingresso dell’estuario e prosegue dritto per la sua strada.
Il messaggio che Langsdorff ha trasmesso, firmato con il nome della corazzata tedesca, consente agli inglesi di conoscere per la prima volta il nome dell’unità contro cui stanno combattendo. Credevano di avere di fronte l’Admiral Scheer.
Alle 19.15, quando ormai sta penetrando nel Rio de la Plata, la Graf Spee apre il fuoco contro l’Ajax con i cannoni da 280 mm. L’Ajax risponde ma nessuno dei proietti colpisce il bersaglio, da entrambi le parti.
Langsdorff ha già deciso di rifugiarsi nel porto di Montevideo ma questo Harwood non lo sa e dispone le sue navi in modo da contrastare la fuga dell’unità nemica. Questa sarebbe possibile considerato che la Graf Spee conserva intatta la sua capacità di combattimento mentre le unità britanniche, oltre alle menomazioni subite, hanno un residuo 20% del munizionamento iniziale.
A 10 miglia da Montevideo Langsdorff comunica all’equipaggio che la battaglia è finita. La Graf Spee da fondo all’ancora davanti a Montevideo alla mezzanotte del 13 dicembre 1939. Nel corso della notte ai prigionieri inglesi a bordo della corazzata, usciti tutti indenni dalla battaglia, viene comunicato che il giorno successivo saranno lasciati liberi.

Ma cosa fece decidere al comandante di abbandonare la battaglia e rifugiarsi a Montevideo (più propensa a non contrariare gli Inglesi) e non a Buenosaires (più propensa ad aiutare i Tedeschi)?

Consideriamo che l’Admiral Graf Spee aveva ancora tutto il suo potenziale bellico e a differnza degli inglesi che avevano solo il 20% delle munizioni ne conservava ancora un buon 60%. Per capire dobbiamo analizzare quelle che furono le scelte costruttive del vascello. I motori diesel avevano dei vantaggi rispetto alle caldaie a vapore ma anche un tallone d’achille : il carburante.
Il diesel di quei tempi era molto più grezzo di quello odierno ma i tedeschi trovarono il modo per utilizzarlo ugualmente. A bordo fu installato un sistema di filtraggio e preriscaldamento del carburante che garantiva la necessaria purezza all’iniezione. Questo macchinario “purificava” il greggio versandolo in una cisterna, immediatamente dietro i grossi motori, dalla quale poi veniva aspirato.
I progettisti commisero il grossolano errore di far passare le tubazioni di collegamento della cisterna al di sotto del piano di copertura ma al di sopra della zona corazzata. Un colpo fortunato da 60 mm (quindi a brevissima distanza – tiro retto) e non poteva essere altrimenti dato che parliano di inglesi, sfiorò tutto quello che si trovava in traiettoria e cadde nell’unico punto in cui non doveva cadere tranciando i tubi di mandata del carburante filtrato e preriscaldato!
A quel punto l’autonomia della Graf Spee era ridottissima e ritengo che la scelta di Langsdorff fu obbligata Senza considerare di un secondo fortunoso colpo che distrusse la cisterna principale dell’ acqua potabile ed un terzo più fortunoso ancora che distrusse la cucina di bordo perforando il gavone di prua con l’acqua di riserva.
Capite che senza carburante, acqua fresca e cibo una nave inseguita anche se potente può ben poco.

la Graf Spee autoaffondata
la Graf Spee autoaffondata

Langsdorff  decise di affondare la sua bellissima nave per non farla cadere nelle mani del nemico e per evitare un’inutile combattimento al suo equipaggio già provato da una lunga crociera. Non potendo morire al comando della sua nave, la sera del 19 dicembre 1939, in una stanza dell’Arsenale di Buenos Aires avvolto nella bandiera della vecchia marina imperiale tedesca, Langsdorff si suicidò con la sua pistola di ordinanza .
Ora riposa in mezzo ai suoi marinai nel cimitero tedesco di Buenos Aires.

[1] se avesse puntato verso le Kerguelen avrebbe fatto perdere definitivamente le sue tracce e volendo avrebbe potuto stroncare i traffici da e verso l’Australia intanto che gli inglesi lo cercavano in Atlantico.

[2] Se avesse immediatamente virato per mettersi su una rotta parallela ma puntando verso nord, l’Exeter non avrebbe potuto aggirarli costringendoli ad usare metà batterie su di lei e metà sulle altre due navi e si sarebbe dileguato acquisendo il tempo necessario per studiare la situazione e scegliere le mosse più opportune.

Tomba di Langsdorff
Tomba di Langsdorff

Qui potete leggere l’ultima lettera del valoroso capitano e ammirare delle bellissime foto di questa stupenda nave

RN Giulio Cesare

RN Giulio Cesare come era nella prima Guerra mondiale
RN Giulio Cesare come era nella prima Guerra mondiale

Questa è la storia di una gloriosa e bellissima nave da guerra della regia marina che terminò la sua vita, una volta cambiato nome in Novorossijsk, affondando misteriosamente nel porto di Sebastopoli.
Essa fù varata il 15 ottobre del 1911 e terminata il 14 maggio 1914.
Costruita su progetto del Generale Masdea, accantonando i suoi dubbi sull’efficienza delle torri sovrapposte, queste furono montate per la prima volta sulle navi della classe Cavour. Era inusuale, per l’epoca, la vista di torri binate montate sopra torri trinate.
Le due navi sopravvissute alla 1ª Guerra Mondiale, il Conte di Cavour ed il Giulio Cesare vennero estensivamente rifatte negli anni ’30. Qui trovate le caratteristiche della corazzata e della gemella “Conte di Cavour”. Nel settembre 1923 fu impiegata in azione contro l’isola di Corfù a causa della crisi italo – ellenica a seguito dall’eccidio di ufficiali delegati italiani a Jamina.
Ricostruita al 60% dal 1933 al 1937: venne aggiornato l’armamento, aumentati il dislocamento, la potenza dell’apparato motore e la velocità.
Nel 1933 fu trasferita dalla Spezia ai Cantieri del Tirreno di Genova per essere sottoposta ad importanti lavori di trasformazione che terminarono nel 1937.
Il 3 giugno dello stesso anno l’unità raggiunse Taranto e qui stanziò sino al 10 giugno del 1940. Fu incorporata nella 5ª Divisione imbarcando l’Ammiraglio di Squadra Inigo Campioni.
Il 9 luglio 1940 come ammiraglia della flotta, partecipò alla battaglia di punta Stilo dove venne colpita da una granata da 381 della nave inglese Warspite. Ebbe la Medaglia d’Argento al Valor Militare.
Il 26 novembre 1940 prese parte alla battaglia di Capo Teulada.
Il 16 dicembre 1941 partecipò alla prima battaglia della Sirte.
L’11 settembre 1943, dopo un’ammutinamento dei marinai che non volevano consegnare la nave al nemico, l’Unità salpò da Pola e diresse, prima a Taranto e poi, in osservanza degli ordini ricevuti a seguito delle clausole armistiziali, per Malta dove rimase sino alla fine della guerra. In sintesi la nave durante il conflitto effettuò 38 missioni di guerra, di cui 8 per ricerca del nemico, 2 per scorta e protezione del traffico nazionale, 14 per trasferimenti e 14 per esercitazioni, percorrendo in totale 16.947 miglia e 912 ore di moto.
Un tristissimo 15 dicembre 1949, l’Unità radiata dal quadro del naviglio militare, venne ceduta all’Unione Sovietica in ottemperanza alle clausole del trattato di pace, con la sigla Z-11.
Passata all’URSS prese il nome di Novorossisk.
Il 30 ottobre 1954 affondò nel porto di Sebastopoli, ufficialmente a causa dell’esplosione di una mina da fondo lasciatavi dai tedeschi in ritirata.
Un’altra versione ne attribuisce la causa ad un sabotaggio.

RN Giulio Cesare 1914-1917
RN Giulio Cesare 1914-1917

RN Giulio Cesare dopo l'ammodernamento
RN Giulio Cesare dopo l’ammodernamento

Qui trovate delle bellissime foto, però meglio di tante parole è vedere un filmato : Il mistero dell’affondamento

Secondo voi come può essere accaduto? [superemotions file=”icon_smile.gif” title=”Smile”]

Territori occupati

Durante la prima guerra mondiale, la Francia e L’Inghilterra si accordarono per la spartizione dei territori dell’impero ottomano. La certezza di una simile spartizione avveniva in base ad altri accordi che segretamente gli inglesi avevano stipulato con le popolazioni arabe. Accordo che prevedeva la creazione di uno stato arabo su tutti i territori che non interessavano ne agli inglesi ne ai francesi. Di seguito la cartina delle rispettive sfere d’influenza :

Territori ottomani da destinare all'influenza o al diretto controllo di Francia ed Inghilterra
Territori ottomani da destinare all’influenza o al diretto controllo di Francia ed Inghilterra

Ricapitolando, nel 1915 c’è l’accordo con gli arabi e nel 1916 quello denominato Sykes-Picot per la suddivisione dei territori dell’impero ottomano, ma nel 1917 (vista la disponibilità di terra) l’Inghilterra firmò il trattato con gli ebrei, in seguito alla Dichiarazione di Balfour.

Questi sono i territori del mandato britannico che dovevano essere divisi tra arabi ed ebrei :

Mappa territori da dividere tra arabi ed ebrei
Mappa territori da dividere tra arabi ed ebrei

In base ala dichiarazione di Balfour ed al trattato Sykes-Picot fu deciso di dividere le terre del mandato britannico secondo questa mappa :

Mappa suddivisione mandato britannico del 1920
Mappa suddivisione mandato britannico del 1920

Successivamente a diverse rivolte arabe, alla fine l’ONU decise di dividere i territori così :

Suddivisione ONU dei territori contesi
Suddivisione ONU dei territori contesi

Nel particolare : dal 1947 , fonte Wikipedia :

Piano di spartizione in due stati, tra ebrei e altri "generici" arabi che non erano i giordani, del 1947
Piano di spartizione in due stati, tra ebrei e altri “generici” arabi che non erano i giordani, del 1947

Alla dichiarazione d’indipendenza dello stato d’Israele, gli stati arabi confinanti reagirono invadendo il territorio assegnato agli ebrei … perdendo la guerra. Qui in particolare la storia d’Israele con i riferimenti alle più significative risoluzioni ONU.

Linee armistiziali 1949 - 1967
Linee armistiziali 1949 – 1967

Nel 1967 Israele fu di nuovo invaso ed uscì vittorioso anche da questa guerra

Armistizio dopo la guerra dei 6 giorni
Armistizio dopo la guerra dei 6 giorni
territori riconsegnati dopo il ritiro dal Sinai
territori riconsegnati dopo il ritiro dal Sinai

Come si può vedere, dopo ogni armistizio i territori persi non sono stati riconsegnati agli stati sovrani. Quelli rivendicati, come il Sinai sono stati ridati agli ex proprietari non ostante che avessero perso la guerra. La totale riconsegna della valle della Bekaa e delle alture del Golan che si trovano a nord, al confine con il Libano e la Siria sono state completamente riconsegnate nel 2000 dopo la fine delle trattative con i rispettivi paesi. Il ritiro militare è avvenuto al seguito del rispetto, da parte del Libano, della risoluzione n°1559 che avrebbe garantito la sicurezza del nord d’Israele. Rispetto che come abbiamo visto in questi giorni è stato disatteso.

Qui potete leggere uno stralcio degli accordi armistiziali tra gli stati belligeranti e qui le prerogative dell’ UNTSO, sconosciuto ai più (United Nations Truce Supervision Organization). L’UNTSO è formato da osservatori ONU tra i quali partecipano ufficiali delle forze armate Italiane. Gli Italiani sono presenti sulle linee armistiziali da più di 50 anni. Inutile dire che questi soldati, disarmati per ordine dell’ONU sono il bersaglio di chi non vuole rispettare i confini degli accordi armistiziali.

Ma allora quali sono i confini reali dello stato d’Israele? E quali sono i teritori occupati?

Territori occupati –secondo la Quarta Convenzione di Ginevra del 1949 – sono territori appartenenti o rivendicati da uno Stato sovrano e occupati mediante un azione militare.

Tuttavia la Cisgiordania e Gaza non appartengono e non sono rivendicati da nessun Stato sovrano.

In particolare i territori della Cisgiordania sono stati occupati dalla Giordania dal 1948 al 1967 (e annessi alla Giordania dal 1950) e da Israele dal 1967 in poi. La Giordania ha rinunciato a ogni rivendicazione sulla Cisgiordania annunciando il dissolvimento di ogni legame amministrativo e legale in data 31 luglio 1988.

Gaza è stata territorio sotto amministrazione militare egiziana dal 1948 al 1967 ; con il trattato di pace tra Israele ed Egitto è stata fissata la frontiera internazionale dell’Egitto con Israele e con il territori da essa amministrati.

Vale la pena di notare che le amministrazioni giordana ed egiziana furono il risultato dell’aggressione militare del 1948 al neonato stato di Israele.

Pertanto tali territori, che non appartengono giuridicamente a nessuno stato sovrano, sono territori contesi sotto amministrazione israeliana e in attesa di destinazione, da definire con un trattato internazionale; quindi non ricadono nella definizione di territori occupati.

Nell’ambito dell’amministrazione sono state definite delle zone di autonomia, riconosciute internazionalmente, dai trattati firmati da Israele e l’Autorità Palestinese.

L’articolo 6 della Quarta Convenzione di Ginevra statuisce che la Potenza Occupante è vincolata ai termini di tale Convenzione solo se esercita le funzioni di governo in tali territori.

Inoltre i precedenti regolamenti dell’Aia del 1907 stabiliscono che un territorio si considera occupato se rimane sotto l’effettivo controllo dell’occupante.

Pertanto il trasferimento di poteri all’ Autorità Palestinese rende difficile caratterizzare la Cisgiordania e Gaza come territori occupati, anche in considerazione del fatto che il 98% della popolazione palestinese ricade sotto la giurisdizione dell’Autorità Palestinese.

La linea di demarcazione tra Cisgiordania, Gaza e Israele corrisponde alla cosiddetta Green Line, la linea di demarcazione dal 1948 al 1967; tuttavia essa non è un confine di Stato ma una linea di cessate il fuoco sancita dall’armistizio di Rodi firmato nel 1949 con la Giordania e l’Egitto.

Israele ha un confine di stato internazionalmente riconosciuto con:

Egitto (accordi di pace di Camp David). La zona di Taba in contestazione è stata assegnata all’Egitto tramite un arbitrato internazionale.

Giordania (accordi di pace del 26 ottobre 1994). La linea di confine della Giordania corre lungo il fiume Giordano.

Libano:

Qui la linea di confine non è in contestazione ed è stata avallata e sancita dall’ONU dopo il ritiro dei Israele dal Libano Sud.

La zona delle fattorie di Sheba (che gli Hezbollah – ma non il governo libanese – contestano come appartenente al Libano e pertanto ancora da “liberare”, in realtà è stata riconosciuta dall’ONU come appartenente alla Siria).

Siria:

Il confine di Stato con la Siria non è definito univocamente in alcuni punti (a prescindere dalle alture di Golan) e pertanto dovrà essere fissato con una trattativa tra le parti.

Israele non ha un confine di Stato con i territori amministrati di Cisgiordania e Gaza.

La linea armistiziale non è un confine di stato ma riflette la posizione delle truppe avversarie al momento del cessate il fuoco. Inoltre alcune zone abitate da Ebrei sono state conquistate militarmente durante la guerra del 1948 , prima dell’armistizio (come il quartiere ebraico della Città Vecchia e il Gush Etzion) e pertanto non possono essere definiti Territori Arabi.

Quindi un eventuale ritiro dai Territori Amministrati (Cisgiordania e Gaza) non può avvenire senza una definizione precisa e inequivocabile dei suoi confini e ciò può avvenire soltanto con un accordo fra due Stati Sovrani (Israele e lo Stato di Palestina che tuttavia al giorno d’oggi non esiste ancora).

La frase ritiro dai Territori Occupati in mancanza di una definizione precisa è pertanto un’affermazione ambigua che può avere diversi significati, incluso lo sgombero totale di tutto il territorio della Palestina come era all’epoca della scadenza del Mandato Britannico e cioè in sostanza alla distruzione dello Stato d’Israele che poi è quello che vogliono i musulmani :

palestina dal punto di vista dei musulmani
palestina dal punto di vista dei musulmani

Dal Sionismo ad Israele

OBIETTIVO DEL SIONISMO

Theodor-Herzl
Theodor Herzl

L’obiettivo del SIONISMO politico fu formulato mezzo secolo prima da THEODOR HERZL (lui il fondatore; famoso il suo libro Der Judenstaat – Lo Stato degli Ebrei – 1896).Sosteneva che perdurando l’odio verso gli ebrei anche dopo un’eventuale assimilazione, l’unica soluzione della questione ebraica doveva essere cercata nella formazione di uno stato nazionale ebraico. (una tesi già avanzata da MOSES MONTEFIOREe da altri). Il progetto suscitò immediato interesse tra gli ebrei dell’Europa orientale, tanto che già l’anno dopo, nel 1897 si potè organizzare a Basilea il primo congresso sionista. Herzl con il suo carisma, la sua intensa attività diplomatica, anda² a creare un organismo quasi permanente, che assunse – con il “Programma di Basilea” il carattere di un’assemblea costituente. Herzl acquistò così tanto prestigio che era ormai paragonabile a quello di un capo di stato; capo di un “popolo senza terra” che Herzl voleva trasferire in una “terra senza popolo”. Il suo progetto “nazionale” dalla forte carica ideologica, tendeva a combattere l’antisemitismo mediante il trasferimento degli ebrei in una sede autonoma garantita dal diritto internazionale; un modello laico, nazionalista, in luogo delle motivazioni religiose (“Ritorno a Sion” Terra Promessa). Quindi piuttosto pragmatico, e forse proprio per questo avversato apertamente dai religiosi ferventi che giudicavano blasfemo il tentativo di ricostruire uno stato ebraico prima del ritorno del Messia. Herzl voleva comunque trasformare in realtà il suo progetto, e per realizzarlo si rivolse al Kaiser Guglielmo II nella speranza che esercitasse pressioni sull’impero ottomano per una soluzione palestinese; poi si rivolse allo stesso sultano Abdulhamid II, infine nel 1903 alla Russia. Ma nel 1904 morì, lasciando in eredità il suo grande progetto politico. Quello dell’italiano Montefiore (1784- 1885- pentato lord inglese) era solo un piccolo progetto; puntando sulla piccola comunità ebraica già esistente (5000 nel 1770 – 10.000 all’inizio dell’Ottocento) il suo era più che altro una colonizzazione economica; infatti acquistò dei terreni costruendoci un villaggio; in buona parte con capitali britannici. Contemporaneamente nel 1882 in risposta alle frequenti persecuzioni religiose antiebraiche sorsero in Russia, Polonia, Romania numerose società di “Amanti di Sion” (Howevei Zion) che ebbero un discreto successo fondando in Giudea realmente la prima colonia sionista; quella di Rishon. Seguirono poi altri insediamenti, ma sempre sovvenzionati da ricchi ebrei europei, tra i quali i Rothschild (imparentato con Montefiore) e i von Hirsch. La svolta sionistica politica però avvenne con il sopra accennato Herzl. Ma come già accennato gli oppositori non mancarono. Oltre ostili per motivi religiosi (destra religiosa), c’erano i fautori dell’ebraismo riformista, forti in Germania e in Ungheria, favorevoli piuttosto all’integrazione degli ebrei negli stati di appartenenza; quindi svincolati da fattori storico-geografici. Della stessa idea gli esponenti dell’ebraismo americano, che addirittura sostenevano che erano gli Usa la terra promessa. I seguaci di Herzl non si scoraggiarono, rimasero legati al suo progetto, lo ratificarono al VII Congresso di Basilea nel 1905, poi la svolta fu nel 1917, grazie alla Dichiarazione di Balfur, fatta propria dalla Società delle Nazioni. Terminata come sappiamo la Grande Guerra, alla Gran Bretagna vincitrice nel 1922 fu affidato il mandato sulla Palestina. Questo sancì il principio di collaborazione tra sionismo (in buona parte inglese) e l’amministrazione britannica. Tra gli attivissimi dirigenti sionisti troviamo Ben Gurion, Weizman e David, che si dedicarono alacremente a gettare le fondamenta del futuro stato ebraico. L’Inghilterra -conoscendo i famosi progetti autonomistici di Herzl – iniziò a preoccuparsi. Ed ecco infatti il manifestarsi dei primi contrasti. Gli inglesi non desideravano la nascita di uno stato (che ormai era già di fatto) tutto ebraico, ma lo voleva integrato con la popolazione araba. Solo così (con questo dualismo) avrebbe potuto mantenere il suo protettorato. Ora se già nei primi anni del secolo l’immigrazione era già considerevole, quando negli anni Trenta, con l’avvento del nazismo, questa aumentò, e riversa² in terra promessa un numero considerevole di favorevoli allo stato “binazionale”. E fra questi i marxisti di Hashomer Hatsair che dal 1935 in poi misero infatti in minoranza gli altri. Dopo gli sconvolgenti anni della seconda guerra mondiale, a ritornare sulla breccia (dopo essere usciti proprio nel ’35 dall’Organizzazione sionista mondiale) furono ancora una volta quelli che volevano la creazione di una maggioranza ebraica e uno stato ebraico in terra promessa, da realizzarsi mediante un massiccio confluire di esuli nella Terra di Israele, che avrebbe permesso di creare con l’alto numero una unità di popolo ebraico molto forte. Definizione degli scopi di questa unità e dentro questa unità il ruolo dei sionisti del movimento mondiale, crearono molti contrasti negli anni precedenti e i seguenti alla nascita dello stato di Israele. Ben Gurion (e il rabbino statunitense Habba Hillel Silver) pur di raggiungere il suo scopo, iniziò a prendere le distanze dal movimento sionista mondiale. Non desiderava da questo una tutela, anche se riceveva da ogni parte del mondo aiuti economici ed ogni altra forma di assistenza. Infatti Ben Gurion riuscì a fare un distinguo sul movimento. Tutti gli ebrei della dispora sparsi per il mondo erano sì “sionisti” cioè “Amici di Israele”, ma considerava sionisti in senso stretto soltanto gli ebrei che si erano trasferiti o si volevano trasferire in terra promessa. Inutile dire che queste dispute di carattere politico e religioso (appoggiando il nuovo governo una o l’altra fazione) crearono pisioni dentro lo stesso stato di Israele mentre era in fase di realizzazione la grande opera concepita da Herzl.”Guarda la terra di Canaan, dice il Signore, che io darò in possesso ai figli di Israele… questa è la terra che io giurai ad Abramo, a Isacco e a Giacobbe dicendo ‘Io la darò alla tua progenie’”. Sono le quattro del pomeriggio del 14 maggio 1948 e queste parole, che Mosè ascoltò dall’alto del monte Nebo prima di morire (Antico Testamento, Deuteronomio). Per il popolo ebreo, condannato ad errare nel mondo per secoli, perseguitato, umiliato, carcerato nei mostruosi e pestilenziali ghetti, privato dei più elementari diritti umani, vittima dei massacri perpetrati dalle legioni romane, dalle pie schiere dei Crociati, dalle orde musulmane e infine da quella macchina criminale rappresentata dalle SS germaniche, questo è un momento di profonda, inesprimibile commozione. Eretz Israel (la Terra d’Israele, ndr.) fu la culla del popolo ebraico. Fu qui che si plasmò la sua identità spirituale, religiosa e politica. Fu qui che gli ebrei formarono il loro Stato, crearono valori d’importanza nazionale e universale e diedero al mondo il Libro dei Libri. Dopo esser stato esiliato con la forza dalla sua terra, il popolo ebraico mantenne la propria fede per tutta la diaspora e non cessa² mai di pregare e sperare di poter, un giorno, far ritorno nella sua patria e riottenervi la sua libertà politica”. “Legati da questi vincoli storici e tradizionali, gli ebrei, una generazione dopo l’altra, lottarono per stabilirsi nell’antica patria. Negli ultimi decenni sono tornati in massa. Pionieri, maapilim (gli immigrati giunti in Israele infrangendo le leggi restrittive, ndr.) e difensori hanno fatto fiorire il deserto, hanno riportato a nuova vita la lingua ebraica, costruito villaggi e città e creato una prospera comunità che controlla la propria economia e la propria cultura, che ama la pace ma è in grado di difendersi, che reca i benefici del progresso a tutti gli abitanti del paese e aspira all’indipendenza… Il 29 novembre 1947 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approvò una risoluzione che sanciva la costituzione di uno Stato ebraico in Eretz Israel; l’Assemblea generale chiese agli abitanti di Eretz Israel di compiere tutti i passi che da parte loro fossero necessari per l’applicazione di tale risoluzione. Il riconoscimento da parte dell’ONU del diritto del popolo ebraico alla fondazione del proprio Stato è irrevocabile”. “Questo è un diritto naturale del popolo ebraico: il diritto di poter disporre del proprio destino, come tutti gli altri popoli, nel proprio Stato sovrano”.

NASCITA DELLO STATO D’ISRAELE

33407626
Mappa Israele (1000, 950 AC), come si nota la palestina non esiste

Poche ore dopo la dichiarazione di indipendenza riprendono in grande stile i mai interrotti attacchi contro la comunità ebraica in terra promessa. Questa volta — il 15 maggio — si forma una “grande armata” nella quale sono riuniti gli eserciti egiziano, giordano, irakeno, siriano e libanese, affiancati da un contingente dell’Arabia Saudita. Con la massiccia aggressione, portata all’interno del nuovo Stato, gli arabi vogliono dimostrare in modo clamoroso il loro rifiuto del Piano di spartizione approvato dall’Onu nel novembre del 1947. La guerra, che viene combattuta in perse riprese, dura tredici mesi. Le Forze di difesa israeliane, che sono male armate e inferiori numericamente ma perfettamente addestrate, respingono la “grande armata” fuori dai confini di Eretz Israel. E nel luglio del 1949 il giovane Stato firma accordi separati di armistizio con l’Egitto, la Giordania, il Libano e la Siria. Come ha potuto questo David-Israel — 650.000 abitanti, un esercito popolare di qualche decina di migliaia di soldati — sostenere il colpo d’ariete del Golia arabo?

Per rispondere alla domanda, prima di continuare questa breve storia dello Stato ebraico, è necessario retrocedere nel tempo di oltre un centinaio d’anni. Partiamo dal 1840, che vede Israele ancora inglobato nel già declinante impero ottomano. Le condizioni di vita degli ebrei che sono rimasti nella loro terra d’origine — sono poche migliaia — migliorano lentamente e la situazione favorisce l’immigrazione dall’Europa. Nascono nuovi insediamenti ma Gerusalemme, Nablus e Haifa continuano a essere i maggiori poli di attrazione. Con l’aiuto degli ebrei che sono sparsi in tutto il mondo vengono acquistati persi terreni agricoli. Non sono certo terre “buone”: gli effendi, i latifondisti che vivono al Cairo, a Damasco o a Beirut vendono — e a caro prezzo — soltanto dune e paludi, non le fertili terre della Samaria. Ma lentamente quei fondi si trasformano e il duro lavoro dei nuovi proprietari li rende fecondi. Per impostare l’attività in modo più razionale e aumentare quindi la produttività , viene fondata a Mikveh Israel la prima scuola di agricoltura.

E’ il periodo in cui si forma l’ossatura dell’Yshuv, ossia l’insediamento ebraico organizzato. Nel 1860 appare anche la prima stampa ebraica. Questo lento e sofferto momento storico è la matrice dalla quale nasce il “grande sogno”: la costituzione di uno Stato. La prima proposta viene lanciata già nel 1839 da sir Moses Montefiore, finanziere ebreo inglese di origine italiana, che contribuisce generosamente agli sforzi dei suoi fratelli di fede che ogni giorno compiono il miracolo di far fiorire la vita dalla nemica sabbia del deserto. E se non uno Stato — dice sir Moses — almeno una comunità autonoma. Ma chi fa scattare il meccanismo inarrestabile che porterà alla realizzazione del sogno — quanto antico! — è il giornalista ebreo francese Theodor Herzl. Nel 1896 scrive un libretto che, pur accolto da qualcuno e da qualche ambiente come “un documento bizzarro, una curiosità storica più che un programma di azione”, cade come una scintilla in una situazione combustibilissima. L’Yshuv sta irrobustendosi. Nel 1878 ha cominciato a prendere una fisionomia precisa con la fondazione di Petah Tikva, madre degli insediamenti agricoli ebraici.

Nel 1887 la popolazione aumenta sensibilmente con l’arrivo della massa di ebrei della prima alià (letteralmente la “salita” alla terra promessa): sono coloro che fuggono dai grandi pogrom scatenati in Russia e Romania contro le comunità “giudee”, pogrom che vengono presentate come “furia spontanea di popolo”, ma che in realtà sono ispirati dalle autorità per scaricare i malumori di una popolazione vessata dalla spietata tirannide dello zar. E queste “furie spontanee” si lasciano dietro negozi distrutti, case bruciate, sinagoghe devastate e saccheggiate, donne violentate, morti e feriti; dal 1881 al 1921 si contano oltre duemila pogrom duemila massacri, duemila fiumi di sangue che inondano la società civile di tutto il mondo. La comunità fuggita dall’inferno russo si sparpaglia nei villaggi agricoli esistenti e ne fonda di nuovi nella Giudea (Rishon le Zion, Ekron, Edera), in Samaria (Zichron Ya’acov) e in Alta Galilea. Una parte va a vivere in città . E il lavoro per la ricostruzione dell’identità , nazionale e personale, prende impulso anche grazie a questi profughi provati nel corpo ma non nello spirito, perchè nei loro miserabili ghetti hanno tenuto accesa la fiamma della cultura nazionale, della religione, hanno continuato a insegnare ai loro figli la dotta lingua ebraica, la gloriosa storia dei regni e dei re dell’antica terra di Israele.

Nell’Yshuv la lingua ebraica torna a vivere per tutti, e penta elemento unificante, riscoperta dell’ebraicità . Nel 1892 un’assemblea di insegnanti fissa i termini ebraici da usare nella matematica e nelle scienze naturali e progetta un piano di studi scolastici unificato. Dopo circa dieci anni l’ebraico penta la principale lingua di una comunità che prima comunicava faticosamente attraverso i vari dialetti o quella specie di neolingua rappresentata dall’yiddish, un cocktail di ebraico e tedesco nato dalla diaspora. Tuttavia l’Yshuv vive una vita dura. La popolazione è scarsa e dispersa, le comunicazioni e i trasporti carenti e insicuri, gran parte del suolo ancora in un profondo stato di abbandono, la malaria è endemica per la presenza di molte paludi, l’atteggiamento dell’amministrazione turco-ottomana è ostile e oppressivo. All’inizio del 1882 viene emessa una legge che vieta l’insediamento degli ebrei dell’Europa orientale. L’acquisto delle terre viene sottoposto a restrizioni, penta impossibile la costruzione di edifici senza uno speciale permesso che deve essere richiesto a Costantinopoli. L’opprimente politica del governo ottomano rende più difficile lo sviluppo agricolo e produttivo dell’Yshuv, ma non lo ferma. Anzi. La situazione è un terreno fecondo per la crescita dell’idea lanciata da Herzl nell’ironizzato libretto che corre nel mondo con quel suo esaltante titolo:”Lo Stato ebraico”.

Nel 1897 Theodor Herzl organizza il primo congresso sionista e fonda a Basilea l’Organizzazione sionista mondiale. In questo movimento viene organizzata e prende forza la millenaria pulsione del popolo ebraico a ritornare alla sua terra. Il sionismo, movimento di liberazione nazionale, penta la risposta moderna a secoli di discriminazione e ostracismo, di oppressione e persecuzione omicida e alla crescente coscienza che il popolo ebraico può liberarsi soltanto con l’autodeterminazione. Gli scopi dell’Osm sono precisi: ritorno degli ebrei alla terra d’Israele; rinascita, sul suolo patrio, della vita nazionale ebraica; raggiungimento di una dimora riconosciuta e legalmente assicurata agli ebrei nella loro patria storica. Da quell’anno la marcia verso la vittoria finale si fa più rapida. L’Yshuv riceve nuova linfa dall’arrivo di migliaia di ebrei che, delusi dal fallimento della rivoluzione russa del 1905, costituiscono la seconda ondata di immigrazione nel paese. Socialisti e sionisti entusiasti puntano a dar vita a una classe operaia ebraica, a riscattare la terra con “il sudore della fronte” e a impegnarsi in ogni tipo di lavoro manuale al fine di edificare una società pienamente produttiva e autosufficiente. L’influenza dei gruppi socialisti è determinante: la comunità ebraica comincia a darsi un’organizzazione politica.

Il primo kibbutz (così viene definita la colonia agricola collettiva di grandi proporzioni) viene fondato nel 1909 sulla riva meridionale del lago Kinneret (Tiberiade) sulla terra acquistata dal Keren Kayemet (Fondo nazionale ebraico). Quasi contemporaneamente viene fondato il primo gruppo ebraico di autodifesa, l’Hashomer (il Guardiano) che si assume la responsabilità della sicurezza dei nuovi villaggi ebraici dagli attacchi degli arabi. E’ l’embrione di un futuro esercito che darà lezioni di tattica e strategia al mondo intero. Qualche tempo dopo, sulle dune a nord di Jaffa, sorge Tel Aviv. La vita degli uomini dell’Yshuv è dura, da pionieri; molti dei nuovi arrivati ripartono alla ricerca di una condizione meno stressante, ma la maggioranza resta a battersi. E’ il 1914 e in Eretz Israel ci sono 85.000 ebrei. Nel 1800 erano 10.000. Il 1914 è un anno nefasto per il mondo e per la comunità ebraica che vive in terra d’Israele. Scoppia la prima guerra mondiale che investe anche il Medio Oriente, dove sono in gioco grossi interessi europei: uno dei più importanti è rappresentato dal canale di Suez. E la situazione d’emergenza — sono in marcia le truppe russe, inglesi e francesi — fa scattare i primi provvedimenti. Nel dicembre del 1914 il governo turco da ordine di deportare gli ebrei stranieri, nella primavera successiva il sionismo viene messo fuori legge e i suoi sostenitori condannati all’esilio. Fra coloro che vengono cacciati vi sono David Ben Gurion e Ytzhak Ben-Zvi, futuro presidente della repubblica.

Alla fine del 1915 circa 12.000 ebrei sono costretti ad abbandonare Eretz Israel: La maggioranza finisce ammassata nei campi profughi dell’Egitto, 500 si arruolano nel Corpo sionista mulattieri che combatte con gli Alleati a Gallipoli. Non è il solo contributo che gli ebrei danno alla guerra contro i turchi. Del corpo di spedizione inglese, comandato dal generale Allenby, fa parte anche la Legione ebraica, formata da due battaglioni di fucilieri reali (il 38º London e il 39º American). E c’è un terzo battaglione, formato da 850 volontari locali, il First Judean. L’11 dicembre 1917 questi soldati assieme agli ebrei di tutto il mondo vivono un altro dei grandi momenti storici che nel giro di pochi anni modificheranno il destino del “popolo errante”: il generale Allenby entra in Gerusalemme alla testa dei suoi uomini.

Dopo quattro secoli l’impero ottomano deve rinunciare al dominio sulla Terra Santa

ottoman_empire_1481-1683
Mappa impero ottomano nel 1683, come si nota la palestina non esiste

Questa vittoria segna una svolta. Già nei primi mesi della guerra Herbert Samuel, un ministro del governo, Herbert Asquith aveva dimostrato ai suoi colleghi che l’Inghilterra e gli ebrei avevano un interesse comune a staccare la terra promessa dall’impero turco, ragion per cui le aspirazioni sioniste andavano incoraggiate. Nel 1917 il ministro degli Esteri inglese, lord Balfour, formula la sua famosa dichiarazione nella quale viene riconosciuto il legame storico del popolo ebraico con la terra promessa e che impegna l’Inghilterra ad appoggiare l’insediamento in terra promessa di un national home (focolare nazionale). Questi punti vengono approvati dai vari governi alleati e nel giugno del 1922 vengono ribaditi da una risoluzione del Congresso degli Stati Uniti. Nel luglio dello stesso anno la Società delle Nazioni conferisce ufficialmente alla Gran Bretagna un mandato del quale la dichiarazione Balfour fa parte integrante.

Anche se costantemente in stato di allarme per le continue incursioni e le azioni di disturbo degli arabi, l’Yshuv, ossia l’insediamento ebraico organizzato, continua a costruirsi una patria. Tra il 1919 e il 1929 la popolazione ebraica quasi raddoppia, raggiungendo la quota dei 160.000 abitanti. Sono stati acquistati 120.000 ettari di terra e da Metulla al nord e da Be’er Tuvia al sud vi è una fascia continua di territorio che, popolata da ebrei, costituisce già un vero e proprio territorio nazionale, anche se di ridotte dimensioni. E a poco a poco l’insediamento prende i connotati di un piccolo Stato organizzato. La cultura, classica e scientifica (che gli ebrei della diaspora hanno sempre considerato come valore primario, un valore che è stato un prezioso strumento di sopravvivenza morale e materiale) viene coltivata febbrilmente e con la stessa cura con la quale vengono coltivati i campi strappati al deserto. Letteratura, giornali e teatro ebraico sono una realtà : l’università ebraica di Gerusalemme e il Technion (il politecnico) di Haifa sono in piena attività .

Nel 1927 l’Yshuv viene riconosciuto come entità a sé e di conseguenza si da le istituzioni tipiche di uno stato democratico: l’assemblea rappresentativa e quella esecutiva, il consiglio nazionale i cui membri vengono scelti dall’assemblea rappresentativa. L’Agenzia Ebraica, impiegando i fondi raccolti all’estero, finanzia l’immigrazione, assicura il sistema scolastico, da forte impulso all’agricoltura, all’industria e al commercio e coordina il lavoro dell’organizzazione medica Hadassah, la cassa malattie, e di altre organizzazioni sanitarie.

Nel 1920 viene fondata l’Haganà , una nuova organizzazione di autodifesa, per proteggere la comunità durante le rivolte arabe di Gerusalemme e di Haifa: decisione necessaria, considerato che l’Yshuv non può contare sulla protezione delle truppe inglesi dato che il governo britannico del momento da corda alle sommosse arabe. Proprio per le contraddittorie posizioni assunte dagli inglesi nel corso del mandato, gli ebrei di Eretz Israel prendono coscienza che per conquistare l’indipendenza debbono difendersi su due fronti. Il terrorismo arabo, infatti, non conosce soste: il 24 agosto 1929, un sabato, gruppi di musulmani assassinano a sangue freddo 67 ebrei di Hebron — uomini, donne e bambini — e distruggono le sinagoghe, mettendo fine alla permanenza della comunità ebraica in quella città dei patriarchi dov’era vissuta per duemila anni. Quanto al governo inglese, cede sempre più all’aggressività degli arabi e raggiunge il limite quando blocca l’immigrazione degli ebrei in terra promessa, impedendo addirittura lo sbarco di 4.500 reduci dai campi di sterminio nazisti giunti davanti alla costa palestinese, davanti alla Terra Promessa, a bordo del piroscafo battezzato simbolicamente “Exodus 47”.

Exodus 47

exodus_ship_1947a
Nave Exodus piena di ex deportati dei campi di sterminio nazisti (1947) che fu rispedita in Germania

La nave viene rimandata sotto scorta ad Amburgo. Un fatto che lascia esterrefatti gli stessi tedeschi. Un episodio che porta l’Yshuv alla decisione inevitabile: organizzare la resistenza per liberare il territorio dal dominio inglese. E’ l’unico modo per conquistare l’indipendenza definitiva e dar modo agli ebrei della diaspora, ai vari profughi, di tornare in Israele. E resistenza è, dura e decisa: la conducono l’Haganà , l’Irgun Zvai Leumi (Organizzazione militare nazionale) e il Lohamei Herut àŒsrael (Combattenti d’Israele per la libertà ). Le organizzazioni agiscono indipendentemente, ma ognuna di loro conduce con maestria una guerriglia che, per la fulminea mobilità dei commandos, per l’intelligenza tattico-strategica con la quale questa task force si muove sui terreni più difficili, mette in ginocchio le truppe inglesi e porta a quel grande giorno che è il 14 maggio del 1948. Da queste tre organizzazioni, quando l’appena sorto stato ebraico si trova davanti all’attacco arabo, nascono le Forze di difesa israeliane che, l’abbiamo visto, anche se dotate di potenza di fuoco e mezzi decisamente minori rispetto alla “grande armata” scatenata contro Israele, hanno dalla loro la velocità d’intervento e un tipo di addestramento prezioso: non quello acquistato nelle caserme o nelle scuole militari, ma quello appreso sul campo di battaglia. Ecco dunque le ragioni di questa incredibile vittoria. Dopo lo scontro del 1948 Israele gode di qualche anno di relativa pace e si dedica al perfezionamento delle sue istituzioni e della propria organizzazione in generale. Viene riconosciuto il diritto di ogni ebreo di vivere in Israele. àˆ un punto fondamentale della legge dello stato ebraico: la “legge del ritorno” del 1950 accorda piena e automatica cittadinanza a ogni nuovo immigrato ebreo.

Alla fine del 1951 l’Yshuv raddoppia la popolazione con l’arrivo di oltre 750.000 persone: la metà sono ebrei fuggiti dai paesi musulmani. Di fronte a questo massiccio aumento della popolazione il pionierismo agricolo penta una necessità , quindi viene dato forte impulso all’agricoltura e alle scienze funzionali a questo settore produttivo. Il paese da dimostrazione di una grande capacità creativa nell’elaborare tecniche di ogni genere per superare gli ostacoli dati da un terreno arido e che nessuno prima aveva tentato di far rendere (e a questo proposito va ricordato un documento del 1937 stilato dalla Commissione inglese Peel nel quale si constatava che la Palestina, tradizionalmente paese di emigrazione araba, era pentato un paese di immigrazione araba a causa del rapido sviluppo economico ebraico). Vengono risolti persi problemi sociali. La Knesset (il parlamento) vara come prima misura la legge sull’istruzione obbligatoria e nel 1951 viene sancita l’eguaglianza dei diritti delle donne. E’ il periodo che vede presidente del consiglio BEN GURION e presidente della repubblica CHAIM WEIZMANN, illustre scienziato vissuto in Inghilterra che ha avuto una grande influenza su lord Balfour, l’autore della famosa dichiarazione. Altro passo importante, la creazione della scuola di stato. Questo periodo di pace e di intenso lavoro, che vede impegnato ogni israeliano alla crescita della nazione, non dura molto.

Terrorismo arabo contro gli ebrei

Si moltiplicano le azioni terroristiche scatenate dai feddayn, i guerriglieri arabi addestrati in Egitto. Le moderne armi con le quali i feddayn uccidono provengono dall’arsenale militare egiziano, massicciamente rifornito dall’Unione Sovietica. Sul conflitto israelo-arabo la posizione del Cremlino è bizantina: all’epoca dello scontro del 1948 la Pravda ha scritto che “l’Urss sostiene l’indipendenza dei popoli arabi, ma dev’essere però chiaro che gli arabi non si battono oggi per i loro interessi nazionali e per la loro indipendenza ma contro il diritto degli ebrei a costituire un loro stato indipendente. L’opinione pubblica sovietica non può quindi che condannare l’aggressione araba contro Israele”. La situazione è tesissima. La propaganda sugli arabi rimasti in territorio israeliano è tambureggiante e ha un certo gioco soprattutto a causa di un tragico incidente accaduto nella notte del 9-10 aprile 1948.

L’episodio è annotato in “Israele: quarant’anni di storia”, un ottimo libro scritto da Fausto Coen con ritmo giornalistico e rigore storico. In quella notte “nel villaggio arabo di Deir Yassin forze miste dell’Irgun e del gruppo Stern si macchiarono di un grave crimine uccidendo 250 arabi fra armati e civili. Il villaggio di Deir Yassin si trovava lungo la strada di Gerusalemme non lontano da Castel ma non era considerato posizione strategica vitale. Il fatto è però che le due formazioni autonome, la Irgun e la Stern volevano ottenere un loro successo personale in battaglia. Gli attaccanti lasciarono un corridoio nel villaggio per consentire alla popolazione non armata — avvisata con altoparlanti — di uscire. Più di 200 abitanti lo fecero e coloro che erano rimasti finsero di arrendersi. Quando però i reparti dell’Irgun avanzarono, vennero accolti da un fuoco nutrito scatenato dalle case piene di armi e di munizioni.

I reparti ebraici, che non si aspettavano l’agguato, perdono il quaranta per cento dei loro effettivi. E perdono anche la testa. La reazione è a questo punto violenta e irragionevole ma non premeditata. Gli uomini dell’Irgun investono il villaggio sparando all’impazzata. Molti civili rimangono uccisi. Tra i 250 cadaveri, al termine della battaglia, si scoprono anche i corpi di donne e bambini. Fu l’unica atrocità della guerra di indipendenza e anche l’azione che aveva meno giustificazioni tattiche. “L’Haganà , per ordine di Ben Gurion che già mal sopportava le due formazioni irregolari, entrò nel villaggio ingiungendo all’Irgun di abbandonarlo.
Più tardi Ben Gurion scioglierà le due formazioni incorporandole nell’esercito. La radio ebraica è la prima a dare l’annuncio: “Non vogliamo più vittorie come quella di Deir Yassin”. Ben Gurion telegrafa all’emiro Abdullah di Transgiordania esprimendo “la sua profonda riprovazione” per il massacro e il Gran Rabbino di Gerusalemme ne maledice gli autori. “Nonostante la deplorazione ufficiale da parte ebraica e la sincera unanime condanna che si levò dal paese, pochi giorni dopo, il 13 aprile, forze arabe davano una risposta non meno crudele.
A un convoglio di medici e infermieri che si stavano recando all’ospedale di Monte Scopus, che domina la città di Gerusalemme, fu teso un agguato. Circondati, furono tutti massacrati con bombe a mano e fucili mitragliatori. Restarono sul terreno 77 morti, tutti ebrei, tutti medici e sanitari che correvano in soccorso di malati e feriti. Molti degli uccisi erano miracolosamente sfuggiti ai campi di sterminio nazisti (come l’italiana Anna Di Gioacchino Cassuto) e alcuni di essi erano giunti da pochi giorni in terra d’Israele. Fra le vittime un illustre pioniere della psicanalisi italiana, il fiorentino professor Enzo Bonaventura”. Gli arabi sfruttano la strage di Deir Yassin per seminare il terrore nella popolazione musulmana e convincerla ad abbandonare i territori controllati dagli ebrei. àˆ un grande esodo. Lunghe colonne di arabi lasciano Haifa, Safed, Tiberiade, Jaffa: dal 15 aprile al 15 maggio del 1948 fuggono 250.000 arabi. Che non saranno certo sistemati dignitosamente, non avranno condizioni di vita civili, ma verranno ammassati in campi profughi dove vegeteranno in condizioni penose, privi di avvenire.
Naturalmente il malcontento, la tensione provocate da questa situazione verranno indirizzate dalla propaganda degli alti comandi arabi verso l’Yshuv.

Nel 1956 l’attività dei feddayn si fa sempre più intensa e feroce, aleggia la minaccia di un’offensiva congiunta fra Egitto, Siria e Giordania. Con un rapido attacco, tipico delle Forze di difesa israeliane, vengono eliminate le basi dei feddayn dalla striscia di Gaza e l’esercito irrompe nella penisola del Sinai. Resta aperto il problema della libertà di navigazione nel canale di Suez, che il presidente egiziano Nasser ha nazionalizzato nel luglio di quell’anno, un problema che interessa non soltanto Israele ma anche molte altre nazioni, soprattutto Francia e Inghilterra. Dopo un intenso lavoro di mediazione diplomatica al quale prendono parte le grandi potenze, Israele accetta di ritirarsi purchà© gli vengano date precise garanzie. Siamo agli inizi del 1957. Viene creata una zona cuscinetto fra Egitto e Israele sorvegliata da una forza di emergenza delle Nazioni Unite. A Israele viene assicurato che le forze egiziane non torneranno nella striscia di Gaza: il giorno dopo l’accordo le truppe di Nasser marciano nuovamente sulla striscia. A Israele viene assicurato che il canale rimarrà aperto al passaggio delle merci da e per Israele, ma la promessa resta sulla carta. Di fronte a questa posizione gli Stati Uniti e altri quattordici paesi marittimi dichiarano pubblicamente il diritto di Israele al libero passaggio attraverso il golfo di Eilat (piso dal canale di Suez dalla penisola del Sinai). Israele ammonisce che considererà un casus belli ogni interferenza contro questa libertà e alla Knesset viene sottolineato il diritto all’autodifesa nazionale garantito dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. La campagna del Sinai è durata tre giorni. E stata diretta dal generale Moshe Dayan: le chiavi di volta della sua vittoria sono state rapidità e audacia. La blitzkrieg è costata ad Israele 180 morti e quattro prigionieri.

All’Egitto oltre mille caduti e seimila prigionieri e la perdita quasi totale dell’arsenale bellico. Tre giorni di guerra fruttano quasi dieci anni di pace. Gli atti terroristici in questo periodo non mancano ma pur in questa atmosfera di continuo allarme, di provvisorietà , di inquietudine, Israele progredisce velocemente. Il tenore di vita dei circa tre milioni di abitanti è abbastanza buono. Il paese non solo produce ma esporta — scrive Coen nel libro citato — e la bilancia dei pagamenti, per uno stato costretto a sostenere l’onerosa spesa di un esercito efficiente e sempre all’erta, è meno catastrofica di quanto potrebbe essere. “E soprattutto in agricoltura si fanno grandi cose. Le terre produttive non solo si sono estese ma, grazie alla ricerca, si fanno grandi progressi nella qualità , Israele riesce a produrre già l’85 per cento di quanto consuma e riesce a esportare sui mercati esteri frutta e ortaggi sempre più apprezzati”.

Ma la grande impresa, quella che da linfa vitale al corpo di questo piccolo stato, è il completamento della costruzione dell’acquedotto nazionale che assicura l’approvvigionamento idrico a vaste zone per secoli deserte. Con un paziente lavoro diplomatico, aiutato soprattutto dalla stima e dal peso che la guerra-lampo del Sinai hanno dato al paese, i rapporti con la Francia e l’Inghilterra — che assicurano notevoli forniture di materiale militare per controbilanciare i massicci invii di armi sovietiche e cecoslovacche ai paesi arabi — e con gli Stati Uniti pentano più stretti.
Vengono stabilite relazioni anche con l’Etiopia, la Turchia e l’Iran. E Coen mette in evidenza un fatto inaspettato. “Fu soprattutto con i paesi in via di sviluppo che Israele riuscì in questo periodo a creare stretti legami.

Scrive Ben Gurion che molti temevano che la campagna del Sinai suscitasse l’antagonismo dei popoli asiatici e africani mentre al contrario “Israele si è conquistato il rispetto e l’ammirazione di questi popoli”.
Prima la Birmania e il Ghana, poi via via in Africa, in Asia, in America centrale ben presto 65 paesi non solo allacciarono relazioni diplomatiche, ma soprattutto intense collaborazioni specialmente in campo agricolo. Israele per questi paesi era non solo un grande esempio di sviluppo tecnologico ma anche la dimostrazione di come un piccolo paese nato da un’atroce esperienza poteva “farsi da solo”.
La preparazione dell’esercito fu in quegli anni un compito preminente. Prima con Ben Gurion e forse ancor più con colui che gli succedette, Levi Eshkol, il sistema di difesa israeliano venne potenziato e altamente modernizzato”. Ma nel corso di questi anni la propaganda araba non ha smesso di lavorare. Nasser, che ha condotto l’Egitto sull’orlo della crisi economica, capisce che l’unico modo per distogliere l’attenzione di critici e oppositori e del paese stesso dai suoi errori è quello di ritirare fuori dal solaio il consunto ma sempre valido spauracchio del “pericolo ebreo”. Nel 1964 il leader egiziano riesce a promuovere un vertice che ha come fine quello di impedire il completamento dell’acquedotto nazionale israeliano. Un giornale di Tel Aviv scrive che per gli arabi quel “giocare con l’acqua vuol dire giocare col fuoco”. E ai convenuti si fa capire chiaramente che non sarebbe tollerata la minacciata deviazione delle fonti del fiume che alimentano l’acquedotto, fonti che si trovano in Siria e in Libano.

Nascita dell’OLP

Un successivo vertice si conclude in modo più preciso: viene costituita l’ OLP, l’Organizzazione per la liberazione della Palestina. Nell’atto costitutivo il gruppo si pone due obiettivi: primo, liberare dal regime di re HUSSEIN la Giordania, paese abitato in grande maggioranza da palestinesi; secondo, spazzare dal territorio lo stato di Israele sgretolandolo in tempi anche lunghi con l’azione terroristica. Ma nell’Olp è subito discordia e dalla contrapposizione di due correnti nasce AL FARTAH, gruppo giovane e fortemente politicizzato che guiderà il movimento e alla cui testa si pone YASSER ARAFAT. Dopo questi vertici nel giro di qualche anno la situazione precipita. Al Fatah comincia a svolgere il suo programma di incursioni terroristiche avendo come basi Siria, Libano e Giordania.

Nel 1966 la Siria proclama la “guerra popolare di liberazione contro Israele”. Nel frattempo Nasser concentra il meglio del suo esercito nel Sinai e chiede che le forze d’emergenza delle Nazioni Unite vengano ritirate. Stranamente, considerata la situazione, la sua richiesta viene soddisfatta il 16 maggio del 1967. La marcia verso il conflitto assume tempi sempre più brevi. Il 22 maggio il presidente egiziano annuncia che lo stretto di Tiran viene chiuso alla navigazione da e per Israele. Subito dopo gli eserciti giordani, iracheni e siriani si ammassano lungo i confini israeliani. Alla fine di maggio re Hussein di Giordania respinge un’offerta di neutralità formulata dal primo ministro israeliano Eshkol e mette le sue truppe a disposizione dell’alto comando egiziano.

Ed è la “guerra dei sei giorni”. Il generale MOSHE DAYAN, nominato ministro della Difesa, ordina l’intervento difensivo-preventivo. E’ la mattina del 5 giugno. L’aviazione israeliana piomba fulmineamente sugli aeroporti egiziani, siriani e giordani: distruggendo a terra l’intera armata aerea di Nasser e alleati, conquista l’assoluto controllo dello spazio aereo. A terra la situazione è allarmante. La Giordania attacca Israele sul fianco orientale e la Siria scatena un’offensiva dal nord. Ma gli israeliani rispondono con una velocissima controffensiva e in pochi giorni travolgono i tre fronti e assumono il controllo della Giudea-Samaria, della zona di Gaza e del Sinai, delle alture del Golan. Viene riunificata Gerusalemme, prima pisa in zona ebraica e araba, il famoso “muro del pianto” è restituito alla fede di tutti gli ebrei. Davanti a quell’antichissimo resto si vedono soldati con le lacrime agli occhi. Yael Dayan, soldato delle Forze di difesa, figlia del generale, scrive sul suo diario: “Era la gioia che faceva piangere i soldati più incalliti? L’orgoglio o il senso della storia?”. Davanti a quel muro — ricorda Coen — Moshe Dayan dice: “Siamo tornati nei nostri luoghi più sacri. E tendiamo la mano ancora oggi ai nostri vicini arabi e con più solennità che mai”.

Alla fine di questa fulminea operazione militare viene riaperto alla navigazione lo stretto di Tiran. Ma in Israele si continua ancora a vivere sotto tensione. Alla fine del vertice di Khartum del 1º settembre 1967 gli arabi rispondono con tre secche negazioni: “No al riconoscimento dello Stato di Israele No alle trattative No alla pace”. E sarà di nuovo guerra.

1970 : l’OLP scatena il terrorismo anche tra gli stati arabi

Nella guerra civile che ne segue L’OLP ha il supporto della Siria che invia in territorio giordano una forza di circa 200 carri armati. Gli scontri avvengono principalmente tra forze giordane edOLP sebbene gli USA dislochino la sesta flotta nel mediterraneo dell’est e Israele metta a disposizione della Giordania alcuni reparti militari. Il 24 settembre l’esercito giordano riesce a prevalere e l’OLP è costretto a chiedere una serie di cessate il fuoco. Durante le azioni militari l’esercito giordano attacca anche i campi profughi dove i civili palestinesi si sono rifugiati dopo la Guerra dei sei giorni: le vittime sono migliaia. Questo massacro viene ricordato dai palestinesi come “il settembre nero”. In seguito alla sconfitta, l’OLP si sposta dalla Giordania al Libano. Grazie alla debolezza del governo centrale libanese, l’OLP potà© operare in uno stato virtualmente indipendente (chiamato infatti da Israele Terra di Fatah). L’OLP inizia ad usare il territorio libanese per lanciare attacchi di artiglieria contro Israele e come base per le infiltrazioni di guerriglieri. A queste azioni corrispondono attacchi di ritorsione israeliani in Libano. Nel settembre 1972 il gruppo “Settembre Nero” (che si ritiene, peraltro senza alcuna prova certa, aver avuto la copertura di Al Fatah) rapisce ed uccide undici atleti israeliani durante i Giochi Olimpici di Monaco di Baviera. La condanna internazionale per l’attacco porta Arafat a dissociarsi pubblicamente da tali atti.

Lo Yom Kippur

Dopo una relativa quiete di tre anni nell’ottobre del 1973, nel giorno del kippur (una ricorrenza sacra per gli ebrei, dedicata all’espiazione) l’Egitto e la Siria investono con un’offensiva a sorpresa i fronti di Suez e del Golan. Nei primi tre giorni di guerra le forze israeliane si trovano in difficoltà . Il rapporto numerico gioca a favore degli arabi nella misura di 1 a 12 poichà©, non essendo stato previsto l’attacco, le riserve non sono ancora state mobilitate. Ma appena la forza d’urto dell’esercito viene ricostituita, la reazione si scatena con una serie di azioni tattiche che costringono gli arabi in posizione di stallo. L’intervento del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite intima il cessate il fuoco e chiede l’applicazione della Risoluzione 242 con la perentoria richiesta di negoziati fra le parti. C’è una schiarita. Gli accordi con l’Egitto, l’avversario più temibile e potente, vengono perfezionati tra il 1974 e il 1975 e sfoceranno nel trattato di pace israelo-egiziana firmato a Washington fra il primo ministro israeliano Menahem BEGIN e il presidente egiziano Anwar SADAT il 26 marzo del 1979. Con gli altri stati arabi solo accordi formali: una situazione ancora nebulosa per la quale si può parlare, sostanzialmente, di non belligeranza.

Resta operante l’Organizzazione per la liberazione della Palestina che a un certo punto si installa nel, Libano meridionale stabilendo basi militari nel territorio adiacente alla regione settentrionale di Israele, la Galilea.

Nel 1974, Arafat ordina all’OLP di sospendere qualsiasi azione militare al di fuori di Israele, della West Bank (la riva ovest del Giordano, o Cisgiordania) e della striscia di Gaza. Nello stesso anno il leader palestinese piene il primo rappresentante di un’organizzazione non governativa a parlare ad una sessione generale delle Nazioni Unite.
Intanto continuavano a ripetersi, da alcune parti, le accuse verso Arafat di una dissociazione solo di facciata dal terrorismo. Sta di fatto che il movimento Al Fatah continuò a lanciare attacchi contro obiettivi israeliani.
Gli anni Settanta furono caratterizzati in Medio Oriente dalla comparsa di numerosi gruppi palestinesi estremisti pronti a compiere attacchi sia in Israele che altrove. Israele dichiarò che dietro tutti questi gruppi vi era Arafat il quale però smentì sempre tali ipotesi.
In Libano, intanto, la situazione degenera in una vera e propria guerra civile tra la componente cristiano maronita e quella musulmana appoggiata dell’OLP.
I cristiano maroniti accusano Arafat e l’OLP di essere responsabili della morte di decine di migliaia di membri del loro popolo. Israele si allea con i cristiano maroniti mettendo in atto due azioni di invasione del Libano: la prima (nel 1978), chiamata Operazione Litani porterà una stretta striscia di terra (detta fascia di sicurezza) ad essere conquistata ed annessa con l’aiuto del IDF e dell’esercito sud-libanese (ELB); la seconda (nel 1982), detta Pace in Galilea, vedrà Israele occupare la maggior parte del sud del Libano per ritirarsi poi, tre anni dopo, nella fascia di sicurezza.

I Palestinesi attaccano Damour, 1976

La strage di Damour è la più feroce e ignobile fra le molte commesse dai palestino-comunisti.
Questo villaggio si trova a 25 km a sud dalla capitale, a metà strada tra Beirut e la principale città del sud, Sidone. I suoi abitanti, fra cui si potevano contare numerosi progressisti, erano fieri di coesistere con i vicini musulmani (drusi, sciiti e sanniti). Ma ciò non bastò a placare la rabbia omicida dei palestinesi, che attaccarono il villaggio il 13 gennaio 1976, assediandolo con più di 10.000 uomini, armati dalle perse organizzazioni palestinesi, in particolar modo dalla Saika, pro-siriana, e appoggiati da musulmani e progressisti (comunisti camuffati).
Il 16 ed il 18 settembre 1982 i cristiano-libanesi per ritorsione alle stragi nei villaggi cristiani operati dalle truppe siriano-palestinesi dell’OLP attaccano e massacrano la popolazione di Sabra e Chatila.
Le truppe Israeliane che controllano il territorio non intervengono per mettere fine ai massacri. Il resto è storia conosciuta ma se volete do seguito al post scrivendo sulle cause della mancata costituzione dello stato di Palestina.