Zafferano contro Oppio

Qualcuno ha già chiamata ”l’offensiva dello zafferano” l’iniziativa del contingente italiano in Afghanistan che all’inizio di luglio vedrà i militari del Provincial Reconstructon Team (Prt) distribuire agli agricoltori di sette distretti della provincia di Herat 60 tonnellate di bulbi di zafferano, proposti come alternativa alla coltivazione dell’oppio. Piantagioni di Oppio Il progetto, costato 330 mila euro stanziati dal ministero della Difesa, e tende fornire ottime prospettive di guadagno agli agricoltori afghani. ”Un ettaro coltivato a grano frutta 1.200 dollari, uno a oppio 4.500 e uno a zafferano fino a 12.000” spiega il colonnello Emmanuele Aresu, comandante del Prt di Herat.“Per vedere i primi risultati i contadini devono però aspettare tre anni e dunque stiamo lavorando anche per dare loro un sostegno in questo periodo”.… Continua a leggere

Sposare un musulmano

bambine spose Ti ha chiesto in sposa e tu ti sei già innamorata del suo bronzeo aspetto mediorientale. E’ intelligente, ricco, istruito e di buone maniere: che potrebbe volere di più una donna?…Questo scapolo tanto desiderabile è anche un musulmano! “Non ci saranno problemi”, ti dice, “tu puoi conservare la tua religione ed io conserverò la mia”. Tuttavia per quanto sia vero che l’Islam consente ad un musulmano di sposare una donna cristiana, è poi tanto realistico credere che non ci sarebbero problemi in questo tipo di matrimoni? Per rispondere a questa domanda, una donna dovrebbe prima di tutto analizzare cosa significherebbe essere la moglie di un musulmano.… Continua a leggere

Il massacro e la distruzione di Damour

Bambini critiani massacrati a Damour Damour era una cittadina accanto all’autostrada Beirut-Sidon, circa 20 kilometri a sud di Beirut, nell’area pedemontana del massiccio libanese. Sull’altro lato dell’autostrada, al di là di una striscia pianeggiante di terra, c’era il mediterraneo. Era una città di 25.000 abitanti con 5 chiese, tre cappelle, sette scuole tra pubbliche e private ed un ospedale, ove, a spese del comune, venivano curati, assieme ai cristiani, anche i mussulmani dei paesini circostanti. Il 9 di gennaio 1976, tre giorni dopo la Befana, il parroco di Damour, Don Mansour Labaky, stava praticando il rito maronita della benedizione delle case con l’acqua santa.… Continua a leggere

Afganistan, stranezze e misteri del rafforzamento italiano

di Gianandrea Gaiani (NdB, ma perchè i politici non si preoccupano delle strategie lasciando i militari di fare in pace il loro mestiere?) 2 agosto Il rafforzamento del dispositivo militare italiano schierato in Afghanistan è stato confermato dal ministro della Difesa, Ignazio La Russa, prima durante la visita a Herat per “verificare sul campo le condizioni effettive di sicurezza e la possibilità di incrementarle” e poi in Parlamento il 28 luglio.Tra le misure annunciate alcune risultano chiare e importanti, altre suscitano perplessità e altre ancora sembrano del tutto fuori luogo. Vediamole una ad una. A-129 Mangusta L’invio di una quarta coppia di elicotteri da combattimento (ma La Russa non esclude l’invio di altri A-129 in futuro) consentirà di dare respiro alle 6 macchine schierate a Herat, Farah e Qal-i-Now impiegate senza sosta negli ultimi due mesi per appoggiare l’offensiva su Bala Murghab e respingere gli attacchi talebani a Farah.… Continua a leggere

Mercenari Italiani nel mondo

Sminatore italiano Più di una volta abbiamo sentito parlare di “mercenari” in Iraq, o in Afganistan. Bene, questi uomini stanno li per un lauto stipendio e per difendere gli interessi delle multinazionali. I nostri media, giornali e televisioni hanno sempre riportato con grande enfasi l’invio di questi “fantomatici mercenari”. E’ arrivato il momento di smascherarli : Qui e qui trovate le informazioni necessarie per la loro messa in accusa. Ovviamente sono polemico ma è bene sapere che l’organizzazione linkata è una ONG riconosciuta e finanziata dall’ONU. Purtroppo tra le loro fila non ci sono delle simone o dei gino strada o altre persone dichiaratamente schierate a sinistra e si sa quanto valore abbia questa appartenenza come effetto amplificatore.… Continua a leggere

Resistenti? Mercenari!

Ecco la risposta ai sostenitori della resistenza irakena. Resistenti Irakeni che combattono contro l’invasore? No! Mercenari al soldo del terrorismo internazionale come ho già avuto modo di scrivere qui. Terroristi sostenuti dai rossi nostrani, altro che Jihad. Spero che adesso sia chiaro a tutti che il terrorismo rosso e quello Islamico siano la stessa cosa! Ecco la verità. Seven French ‘died for al-Qaeda’ in Iraq At least seven people from France have been killed in Iraq and elsewhere fighting for al-Qaeda, the French interior minister has told a newspaper. "At least seven people from France have died… fighting for al-Qaeda’s cause, some in suicide attacks," Nicolas Sarkozy told Le Parisien.… Continua a leggere