Delle condanne pelose e della difficoltà  a fare i conti con il proprio passato…

Questo post di Jeanne ed Emile De la Penne  e tutti i riferimenti che sono in esso vanno assolutamente letti.Si parla di 40 anni della storia d’Italia. Scrive Zanzara sul suo blog: «Liberazione 1. Titolo in prima. “Usa. 999 giustiziati in 30 anni. Oggi tocca al numero mille”. Cari Comunisti Rifondati e pure strabici, nella Cina Comunista sono 10.000 all’anno i giustiziati, stima per difetto. In 30 anni sarebbero 300mila. E’ evidente che siete rimasti fedeli alla linea di pensiero di quel gran pezzo di democratico del non compianto Stalin. “Una morte è una tragedia, un milione di morti è statistica”.… Continua a leggere

Nassirya e gli Italiani

Dal precedente post prendo lo spunto per questo articolo. L’interazione tra forze militari e civili durante i conflitti, risale alle origini stesse della storia. Anche se le battaglie sono sempre state combattute fuori dai centri urbani (tranne rare eccezioni), la problematica delle relazioni con i civili sono state sempre presenti, se non altro per gestire gli sfollati. Nella nostra società civile, il problema assume connotati più marcati vista la complessità delle infrastrutture e dell’organizzazione della stessa. Basti pensare che le truppe d’invasione USA durante la II guerra mondiale avevano il problema di reperire sindaci, prefetti, avvocati etc., per ripristinare il normale svolgimento della vita nelle città conquistate.… Continua a leggere

Falluja e l’uso delle armi di distruzione di massa

Lancio con artiglieria di fumogeni al fosforo Dei dilettanti della guerra hanno messo in onda su RAINEWS un documento sconcertante, montato con filmati e foto in giro su internet ormai da anni cercando di insinuare l’uso di armi di distruzione di massa da parte delle forze alleate in Iraq. Gli USA hanno e usano il fosforo come nebbiogeno, incendiario e marcatore Le penultime immagini che si vedono nel filmato della RAI sono in effetti fosforo bianco, il modo in cui viene lanciato è una cortina fumogena. Il punto è che il fosforo non è espressamente vietato da nessuna convenzione, solo ne è limitato l’uso (in una convenzione che gli USA non hanno firmato).… Continua a leggere

Militari e dintorni 3 : Due grandi battaglie condizionate dallo stesso errore tattico

(attenzione post lungo) IL METAURO ( 207 A.C.) Ovvero IL TRASIMENO VENDICATO E’ interessante porre a confronto lo svolgimento preliminare di queste due battaglie non tanto per gli effetti che esse ebbero sul corso della seconda guerra punica, effetti che furono molto diversi fra loro, quanto perchè ad uno schieramento avvolgente, predisposto, di stto respiro al Trasimeno, fu opposta una doppia manovra di disimpegno nel tempo e nello spazio prima e di congiungimento di forze poi, al Metauro. Se esaminato da un punto di vista strettamente militare il Trasimeno fu una battaglia imposta ai cartaginesi da immediata necessità  di evitare un pericolo incombente, preparata da Annibale rapidamente più come tentativo e forse senza eccessive illusioni di riuscita, condotta magistralmente non appena si verificarono le condizioni sperate ma senza quell’ impegno temerario e geniale di manovra programmata che invece caratterizzò l’operato di Caio Claudio Nerone per il Metauro.… Continua a leggere

Libertà  di espressione

Vista la misera affluenza di bloggers ai miei post : Ballando con i lupi (situazione politica in palestina) e XINJIANG: IL FRONTE CINESE DELLA GUERRA AL TERRORISMO (islamico) e all’allarme lanciato da Celentano che denunciava la caduta dell’Italia nella particolare classifica della libertà  di stampa al 70° posto, ho pensato che il problema era nella mancanza di libertà  espressione. Allora sono andato sul sito universalmente conosciuto dei giornalisti senza frontiere http://www.rsf.org/rubrique.php3?id_rubrique=554 ed ho scoperto che : Su 167 paesi al mondo l’Italia si piazza al 42° posto col punteggio di 8,67 e non al 70° come pubblicamente detto in televisione dal conduttore ; la Francia al 30° con 6,25 ; la Gran Bretagna 24° con 5,17.… Continua a leggere

Iraq e Italiani

4 razzi da 107 millimetri di modello cinese sono stati lanciati contro la base italiana di Camp Mittica, situata all’interno dell’area militare alleata di Tallil a sud di Nassiryah. I razzi hanno mancato il bersaglio esplodendo fuori dalla base italiana senza provocare né danni né vittime. Il giorno prima le pattuglie alleate che perlustrano in continuazione l’area circostante Tallil avevano rinvenuto tre rampe di lancio con altrettanti razzi da 107 millimetri puntati in direzione delle installazioni militari. Benchà© la situazione della sicurezza nel Dhiqar possa definirsi tranquilla non mancano sporadiche azioni a fuoco contro pattuglie italiane o tentativi di colpire la base del contingente “Antica Babilonia” con razzi che vengono piazzati in aree isolate per essere lanciati con meccanismi a tempo.… Continua a leggere