L’Europa è in caduta libera

L’Europa è in caduta libera. Nessuno può più metterlo in dubbio. In effetti, l’Europa è simultaneamente vittima di diversi problemi cruciali ognuno dei quali potrebbe potenzialmente diventare catastrofico. Esaminiamoli individualmente. I 28 membri dell’Unione Europea non hanno, nel loro insieme, una giustificazione logica. Il problema più evidente per l’UE è che non ha assolutamente alcun senso a partire dall’economia. Inizialmente, nei primi anni 1950, c’era un piccolo gruppo di nazioni non troppo dissimili che decisero di integrare le proprie economie. Erano i cosiddetti Sei Interni che hanno fondato la Comunità europea (CE): Belgio, Francia, Germania occidentale, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi.… Continua a leggere

The Coudenhove-Kalergi plan – The genocide of the Peoples of Europe

Mass immigration is a phenomenon, the causes of which are still cleverly concealed by the system, and the multicultural propaganda is trying to falsely portray it as inevitable. With this article we intend to prove once and for all, that this is not a spontaneous phenomenon. What they want to present as an inevitable outcome of modern life, is actually a plan conceived around a table and prepared for decades, to completely destroy the face of the continent. The Pan-Europe    Few people know that one of the main initiators of the process of European integration, was also the man who designed the genocide plan of the Peoples of Europe.… Continua a leggere

Il piano Kalergi: il genocidio dei popoli europei

L’immigrazione di massa è un fenomeno le cui cause sono tutt’oggi abilmente celate dal Sistema e che la propaganda  multietnica si sforza falsamente di rappresentare come inevitabile. Con questo articolo intendiamo dimostrare una volta per tutte che non si tratta di un fenomeno spontaneo. Ciò che si vorrebbe far apparire come un frutto ineluttabile della storia è in realtà un piano studiato a tavolino e preparato da decenni per distruggere completamente il volto del Vecchio continente. LA PANEUROPA Pochi sanno che uno dei principali ideatori del processo d’integrazione europea fu anche colui che pianificò il genocidio programmato dei popoli europei. Si tratta di un oscuro personaggio di cui la massa ignora l’esistenza, ma che i potenti considerano come il padre fondatore dell’Unione Europea.… Continua a leggere

Le contraddizioni della difesa

fondamentalisti islamici Libici Le recenti iniziative nel settore della Difesa, dalla riforma dello strumento militare elaborata dal ministro Giampaolo Di Paola agli indirizzi emersi dall’ultima riunione del Consiglio Supremo di Difesa, non hanno risolto le contraddizioni di fondo dell’Italia nelle questioni di carattere strategico e militare.Il 28 novembre scorso il Consiglio Supremo di Difesa ha “convenuto sull’esigenza che le forze armate italiane restino comunque pronte a fornire nuovi contributi a interventi militari della Comunità Internazionale, qualora se ne evidenziasse la necessità”.Dove, quando e perché si debba essere pronti a intervenire in armi non viene specificato e il fatto che questi aspetti non certo secondari vengano lasciati alle decisioni della “comunità internazionale” sembra confermare l’ormai definitiva rinuncia italiana alla sovranità nazionale anche negli interventi militari.Paradossale che il massimo organismo militare italiano non subordini tali interventi alla salvaguardia degli interessi nazionali, che dovrebbero rappresentare l’unico motivo valido e giustificabile (specie in tempi di crisi economica e finanziaria) per mandare le truppe in guerra, pardon, nelle “missioni di pace”.Certo dopo aver partecipato al conflitto libico e aver consentito, con la cessione delle basi aeree, ai nostri “alleati” di rovesciare il regime di Gheddafi ogni riferimento alla guerra per la salvaguardia degli interessi nazionali rischia di apparire fuori luogo poiché non si era mai visto nella storia un Paese fare la guerra al suo primo fornitore di petrolio e terzo di gas.Oggi la riforma dello strumento militare dovrebbe consentire all’Italia di mantenere la capacità operativa necessaria a fare ciò che ci chiederanno Usa, Nato, Onu e Ue ma forse anche Lega Araba, Qatar e sauditi considerato l’impegno che anche l’Italia (insieme ad Europa e Occidente) sta mettendo nel regalare Nord Africa e Medio Oriente all’estremismo islamico in cambio di qualche investimento a casa nostra dei fondi sovrani delle monarchie del Golfo.Di fatto aspiriamo a un ruolo da paggi o da gregari che però potremmo avere molte difficoltà a ricoprire a giudicare dalla distribuzione delle risorse finanziarie prevista dal bilancio della Difesa dei prossini tre anni che vede ancora una volta penalizzati i fondi per l’esercizio, cioè per la gestione delle infrastrutture, la manutenzione, il rifornimento di mezzi ed equipaggiamenti e l’addestramento.… Continua a leggere

Per la Grecia un’altra manovra economica

I tre della goldman sachs Draghi Monti Papademos I principali leader politici greci, membri della larga coalizione che sostiene il governo di unità nazionale di Lucas Papademos, hanno raggiunto ieri un accordo su una nuova serie di tagli e misure di austerità necessari a ottenere un nuovo prestito internazionale, allo scopo di evitare il fallimento del paese. Il prestito sarà garantito dalla cosiddetta troijka – Unione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale – e dopo il vertice di ieri sera dell’eurogruppo è ormai chiaro che prima di autorizzare il prestito il pacchetto di norme dovrà essere approvato dal parlamento greco.… Continua a leggere

La trappola dell’Eurocorps

Eurocorps Dopo il nuovo Trattato intergovernativo sul Patto di bilancio, l’Ue dovrà “aprire il capitolo della politica di sicurezza e di difesa” ha dichiarato oggi il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, che in un’intervista alla Stampa ha definito “un punto di partenza” la creazione a dicembre di un centro di pianificazione a Bruxelles, sia pure limitato alle operazioni militari per il Corno d’Africa. “L’Europa ha bisogno di una politica di sicurezza e di difesa comune, in chiave di complementarietà con la Nato” Questo con l’obiettivo di “arrivare ad essere, per gli Stati Uniti, partner paritari anche nella sicurezza” . Inevitabile che il governo tecnico italiano, voluto come quello greco da Bruxelles per limitare la sovranità nazionale punti a rendere tutti i Paesi della Ue integrati sul piano monetario, fiscale e della sicurezza ma il problema va visto sotto diverse angolazioni.… Continua a leggere