Allarme su diffusione radicalismo islamico nelle carceri europee

Dietro le sbarre cresce il proselitismo islamico. A evidenziarlo è lo studio ‘La radicalizzazione del terrorismo islamico. Elementi per uno studio del fenomeno di proselitismo in carcere‘, condotto dal magistrato Francesco Cascini, direttore dell’Ufficio per l’attività ispettiva e di controllo presso il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e dai vice commissari che hanno partecipato al 2° corso di formazione dell’Issp (Istituto superiore di studi penitenziari). Dalla ricerca, spiega rivista ‘Le Due Citta”, mensile ufficiale del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, ‘‘emerge una situazione allarmante -descritta dall’Europool e da altri osservatori europei- nel Regno Unito dove la radicalizzazione avviene grazie all’influenza di altri detenuti o i colloqui con familiari e visitatori autorizzati per l’assistenza religiosa”.… Continua a leggere

Duemila turchi nelle fila di al quaeda

Bulent Yildirim – fondatore della ong IHH Tra gli uomini della rete terroristica islamica al-Qaeda destinati a compiere attentati in Europa ci sono almeno 2.000 turchi che si stanno addestrando in campi paramilitari in Pakistan al confine con l’Afghanistan. La notizia e’ rimbalzata oggi sulle prime pagine dei quotidiani di Ankara all’indomani della rivelazione che degli otto terroristi uccisi in Pakistan da un drone (aereo senza pilota) Usa. Cinque erano tedeschi di origine turca che facevano parte di un gruppo chiamato ‘Jihad Islami’. Nel definire ”scioccanti” tali rivelazioni, la stampa turca – che le attribuisce a non meglio precisati ”specialisti occidentali” – scrive inoltre che il contingente di militanti islamici turchi presente in Pakistan (tra i quali anche un ex pilota di caccia F-16 di cui non si dice il nome) e’ guidato da un turco e ricorda che da tempo al Qaida trasmette via internet propaganda in lingua turca per arruolare ribelli provenienti dal paese della Mezzaluna.… Continua a leggere

Sessantuno uomini di al quaeda in Italia

l’islam conquisterà Roma Sessantuno nomi che, nelle innumerevoli traslitterazioni dall’arabo si moltiplicano in una gamma quasi ingovernabile di alias e rimandano all’origine dei membri della galassia di al-Qaeda in Italia: tunisini, per la gran parte, ma anche algerini, marocchini, egiziani, libici, iracheni, somali. Una conferma di come il Nordafrica, tradizionale bacino di immigrazione regolare e irregolare verso l’Italia, abbia costituito in questi anni il serbatoio principale per impiantare il jihadismo in Italia. E di come, nel caso dell’attentatore libico Mohamed Game, condannato a 14 anni per l’attentato alla caserma Santa Barbara di Milano, sia anche luogo d’origine dei cosiddetti ‘homegrown terrorists’.… Continua a leggere

La Turchia torna al passato

Teste di Armeni Il Genocidio Armeno : Tra il 1915 e il 1916 un milione e mezzo di armeni furono eliminati o lasciati morire di fame e stenti. Scrissi tanto tempo fa, questo articolo : La Turchia di Atatürk verso lo scontro tra laicità  e islamismo. Tutti sappiamo che la nazione Anatolica, a fronte del suo laicismo (conquistato e difeso dai militari) voleva entrare in Europa.  Purtroppo le cose non sono andate come speravamo. Il laicismo è stato sconfitto e la Turchia è caduta nelle mani degli islamisti. Gli ultimi avvenimenti, con gli accordi con l’Iran, l’avvicinamento alla Siria, allontanano la possibilità di un qualsiasi ingresso in Europa … almeno dal mio punto di vista.… Continua a leggere

Guerra tra Arabi : Sunniti contro Al-Qaeda

“L’esercito americano tratta troppo bene i terroristi di al-Qaeda che vengono catturati”. È questa l’accusa incredibile lanciata dallo sceicco Hamid al-Hayas, presidente del Consiglio di Salvezza di al-Anbar, l’alleanza delle tribù della provincia sunnita irachena sorta alcuni mesi fa per cacciare i terroristi di al-Qaeda dai loro territori con il sostegno del governo di Bagdad. Intervistato dal giornale arabo al-Sharq al-Awsat, il capo tribù iracheno accusa gli americani di trattare bene i detenuti di al-Qaeda che vengono catturati e chiede che questi terroristi siano sottoposti alle dure regole del codice tribale. Dalla città di Amiriya, nel mezzo della provincia di al Anbar, un movimento popolare – non per questo meno efficace o letale – di resistenza sta contendendo ai guerriglieri binladenisti il controllo del territorio.… Continua a leggere

Anche i talebani perdono

di Daniele Raineri da “Il Foglio” del 25 maggio Come sta andando la grande offensiva di primavera dei talebani in Afghanistan? Male, per loro. I primi sedici attacchi suicidi del 2007 hanno avuto soltanto una vittima, l’attentatore. Il diciassettesimo è riuscito a uccidere anche un poliziotto afghano. Il numero diciotto è stato arrestato, al numero diciannove hanno sparato. In totale diciannove volontari sacrificati per uccidere un agente della nuova polizia afghana, un potere offensivo piuttosto debole. Nella maggioranza dei casi gli attentatori hanno assaltato a piedi o in auto convogli di militari stranieri, ma non sono riusciti ad arrecare alcun danno.… Continua a leggere