Signora Dacia

la ringrazio dell’attenzione mostratami, ammiro la sua abilità nel distorcere i fatti prendendo un pezzettino di dichiarazioni fatte da me. Quello che lei ha pubblicato sul suo post è parte di un discorso più ampio iniziato in un’altro blog. Mi domando come mai lei non abbia pubblicato anche il giochino di parole del mio amico sudafricano che chiaramente ho descritto di pelle scura. Così come mi meraviglio che lei non abbia linkato il discorso fatto con un’amico di sinistra, al quale ha partecipato anche lei dove dichiaro che il sangue e i morti sono tutti uguali. Credo che lei non abbia capito bene o abbia volutamente omesso che per me le persone sono persone. Ho avversione per chi uccide i bambini e se permette provo una forte avversione per chi li usa.

Chiunque è libero di fare quello che meglio crede, se mi perdona però da militare sono abituato a guardare negli occhi l’avversario e considero chi non lo fa non degno di attenzione. Mi dispiace che lei abbia postato sullo stesso blog dove ho difeso tutti i deboli e abbia dimenticato di considerarlo o renderlo pubblico come le cose di casa mia.

Una volta per tutte sappia che da uomo di pace io ho il dovere di prendere le parti dei deboli e da civile sono libero di esprimere disprezzo per chi disprezza la vita altrui.

Non nutro rancore nei confronti dei mussulmani non ne ho motivo e non neanche potrei visto che alcuni sono amici che regolarmente frequento, in Tunisia ero ospite di uno di loro e quello che ho riportato era una goliardata decisa tra amici. Se non fosse stato così mia moglie non si sarebbe prestata. Solo una persona disonesta come lei poteva pescare nel torbido riportando cose non vere

Mi lasci la libertà di avere seri dubbi su come viene interpretato l’Islam da alcuni che dovrebbero conoscerlo molto meglio di me e dato il suo comportamento anche da lei.
Se è vero che l’Islam è una religione di pace, proprio lei non ne ha ha rispetto istillando col suo comportamento odio tra persone e popoli.

Tra l’altro ha coinvolto in questa storia Odixeus che era una persona che ascoltava e non c’entra assolutamente nulla in questa storia facendogli prendere responsabilità che non ha.

10 comments

  1. utente anonimo says:

    Lascia perdere la dacia valent, Bisqui.

    E’ solo invidiosa di tua moglie, che pare sia molto bella.

    La valent è un lottatore di sumo con stazza da 120 chili che darebbe chissà cosa per avere un fisico da modella.

    Ti sei mai chiesto come mai, malgrado la sua smania di protagonismo, non ci siano in giro foto sue?

    Livio Togni (il domatore, anche lui di rifondazione comunista) ha cercato di addestrarla, ma nella gabbia lei ha mangiato le tigri.

    Capito che donna è? E’ perfida, vorace (in tutti i sensi) e sfoga i suoi complessi d’inferiorità su tutti quelli che ritiene essere migliori di lei.

    Se vuoi ferirla ignorala, è una cosa che non sopporta.

    Fausto B.

  2. Lisistrata says:

    cavoli; ero io lisistrata, ogni tanto capita che non fa il login, volevo chiederti se ti dispiace che uso quella tua bella frase sul coraggio che va ad aprire, vorrei metterla nel mio profilo in attesa di qualcosa di più “incisivo”. Grazie. Ciao

  3. Bisqui says:

    Si lisi quella frase è storica. La pronunciò un cavaliere medievale dell’ordine degli ospitalieri che ospitava (ovviamente) e curava la povera gente in Palestina (diqualsiasi credo religioso).

    Questo è il motivo per la quale l’ho scelta, mi ha fatto sentire ME!

  4. grendel00 says:

    Deh! Ti ho aggiunto anch’io. Se te la cavi con l’inglese ti consiglio un libro:

    Great Siege: Malta 1565 di Ernle Bradford, la cronaca dell’assedio del 1565.

  5. Bisqui says:

    Non sapevo che avessero scritto un libro.

    Grendel mi sorprendi sempre di più, sei un pozzo di conoscenza!

    Lo ordino immediatamente e poi me lo metto sotto il cuscino. (tutti a casa leggono in inglese, ma lo dovessero toglire!)

  6. Bisqui says:

    No non credo, troppo onore.

    Certo mi sarebbe piaciuto, almeno avevo la considerazione dall’unica persona di sinistra che rispetto.

    Ma il fausto non si scomoda con me.

    Forse mio padre gli ha fatto una telefonatina!

    E lui è venuto a controllare come sta il rampollo del suo amico!

Comments are closed.