43_mp5-stringere-la-cinghia

Nuovi poveri, cresce l’allarme in Europa

43_mp5-stringere-la-cinghiaL’organizzazione di beneficenza internazionale Oxfam che di solito è specializzata nella fornitura di assistenza ai paesi più poveri del terzo mondo, ha richiamato l’attenzione sull’Europa. L’Oxfam esorta a non moltiplicare all’interno dell’Ue il numero dei cosiddetti “nuovi poveri”.

È la conclusione generale di una nuova relazione secondo cui entro il 2025 in seno all’Ue ci potranno essere 25 milioni di persone sull’orlo della povertà.

Nei paesi alle prese con una crisi, facenti parte della zona Euro, nonché in alcuni altri paesi dell’Europa unita, sono in espansione gli umori di malcontento e di irritazione per le politiche di austerità.

Il problema principale si riduce alla soluzione del seguente dilemma: uno slancio economico mediante un più forte restringimento della cinghia o, al contrario, attraverso il graduale abbandono di questa linea mediante l’elevamento del tenore di vita della popolazione e, quindi, mediante l’aumento della domanda interna come stimolo di ravvivamento dei settori produttivi dell’economia. A giudicare dai fatti, per il momento è ancora molto presto dire chi uscirà vincitore dalle polemiche in merito.

Intanto, l’Oxfam con sede nella britannica Oxford, ha una sua visione del problema. La conclusione principale dello studio che ha fatto è che se le attuali politiche in questo campo saranno portate avanti, entro il 2025 in seno all’Europa unita ci saranno fino a 25 milioni di persone sull’orlo della povertà. Paesi come Grecia, Irlanda, Italia, Spagna, Portogallo e Gran Bretagna – ossia i paesi in cui sta avvenendo il taglio più aggressivo dei bilanci nazionali, rischiano di integrare già in un prossimo futuro la fila degli Stati che presentano la peggiore situazione economica.

Dice Ulrich Thielemann, direttore del Centro dell’Etica Economica, schierato su una posizione radicale in questo senso:

Il salvataggio delle Banche è sempre stato il salvataggio dei ricchi. Nell’arco di 20 anni abbiamo seguito la linea neoliberale che consisteva nel coltivare in ogni modo il comparto imprenditoriale. Ma questo capitale non genera posti di lavori ma comporta un ulteriore aumento della concorrenza cui gli imprenditori impegnati nel settore produttivo non sono in grado di reggere.

Ivan Rodionov, professore della Scuola Superiore di Economia della Russia, per il momento non vede un’alternativa alla linea dell’austerità economica:

Chi oggi vorrà risparmiare, che non vorrà aumentare le sue spese, i pagamenti sociali, in sostanza, ne ricaverà un vantaggio!,- dice il professore. – È chiaro che una simile pratica non può durare a lungo, non è una tendenza per molti anni, è una manovra tattica. Ma, secondo me, l’austerità economica è una via giusta!

Chi ha ragione e chi ha torto nelle polemiche sull’austerità economica e sulla crescita? Il primo ministro greco Antonis Samaras sullo sfondo delle massicce azioni di protesta si propone di dimostrare nella sede dell’Ue che la linea diretta a portare avanti la politica di rigore economico non ha prospettive.