Manovre economiche sudore e sangue

Renato Brunetta

Renato Brunetta

L’andamento delle aste e i tassi di rendimento dei titoli pubblici dimostrano che la politica «sangue, sudore e lacrime» dei tecnici non è servita a nulla.
Lo dice Renato Brunetta, coordinatore dei dipartimenti del PdL.
«Il Tesoro – premette – oggi ha emesso 3,5 miliardi di CTZ (Certificati del Tesoro Zero Coupon: titoli a 24 mesi privi di cedole) con un rendimento lordo del 4,037%: livello più alto da novembre 2011 e 0,68% maggiore rispetto all’ultima emissione di aprile 2012 (rendimento lordo del 3.355%).
Duole ricordare che un anno fa, a maggio 2011, il rendimento della stessa tipologia di titoli fosse pari al 2,851% e che proprio a marzo 2012 si fosse attestato al 2,352%, il minimo anche in confronto a tutto il 2011.
Lo stesso dicasi per i BTP a 10 anni (vita residua 5 anni) indicizzati all’inflazione: l’asta di oggi ha registrato rendimenti lordi del 4,60% contro il 3,88% di aprile (0,72% in più).
A maggio 2011 i BTP a 10 anni indicizzati all’inflazione registravano un rendimento del 2,51%.
Ancora peggio i BTP a 5 anni indicizzati all’inflazione: oggi sono stati assegnati titoli di questa categoria con un rendimento lordo del 4,39%: 1,68% in più rispetto all’ultima asta di febbraio 2012, in cui i titoli erano stati assegnati con un rendimento del 2,71%.
Facendo un confronto annuale, ad aprile 2011 il rendimento lordo era pari all’1,90%».
«Tutte queste tre aste dimostrano come la situazione dei rendimenti dei nostri titoli di Stato di tutte le tipologie siano febbrili, in drammatico rialzo e che a poco sia servita la politica sangue, sudore e lacrime del governo dei tecnici.
Anche perchè il problema non è in Italia, ma, come andiamo dicendo da almeno 6 mesi, il problema è in Europa, cioè nella non credibilità della governance economico/finanziaria dell’Unione Europea.
Di rigore si muore e con il rigore alla fin fine si pagano rendimenti del debito più alti», sottolinea.
«Ultima postilla: nel club dell’euro, in tutte queste difficoltà l’unica a godere è la Germania, considerato che proprio lo scorso mercoledì ha emesso titoli di Stato a 2 anni (gli equivalenti dei nostri CTZ) a un rendimento dello 0,07%. Fino a quando dobbiamo andare avanti così?».

Spread Monti

Spread Monti

 

2 Comments

  1. Marshall

    Bisogna ristrutturare la spesa pubblica alle effettive capacità dello Stato di saper generare entrate plausibili.
    Lapalissiano.
    Altrimenti che ci stanno a fare i tecnici? Sono lì solo per strangolare la gente, senza saper cavare un ragno da un buco?

    1. Bisqui (Post author)

      Marshall,

      Ciao Marshall,
      Siamo sicuri che i tecnici siano economisti? A me sembra che siano più finanzieri e tra l’altro con ideologie marxiste

Comments are closed.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: