L'intifada contro Ichino. Ora il presidente della commissione Lavoro si dimetta

Non è l’ultimo proclama di Nadia Desdemona Lioce, la fondatrice delle nuove Brigate Rosse, dalla sua cella di cinque volte ergastolana. Neppure un nuovo “delirante” messaggio anarchico-insurrezionalista. Tutt’altro. Ma leggiamo queste righe, pubblicate sul Corriere della Sera del 4 luglio: “Ho letto l’articolo di Pietro Ichino sul Corriere del 3 luglio. Sono rimasto da un lato esterrefatto, dall’altro ho invidiato l’autore di un simile capolavoro, per l’eloquenza e la retorica che ha saputo mettere al servizio di un attacco feroce e mirato alla Cgil e al mondo del lavoro; ho ammirato la malizia con cui ha voluto processare una parte del sindacato e importanti settori della maggioranza di governo. Davvero un capolavoro di cattiva informazione, sferrato con la sottigliezza e il cinismo di chi sa sputare sentenze con la facilità di chi non prova rimorsi”. E così via. Firmato Gianni Pagliarini. Continua a leggere qui

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: