images2

Le donne bianche in relazioni miste sono meno intelligenti, meno istruite e più brutte

images2Negli Stati Uniti, le indagini longitudinali nazionali (NLS) sono una famiglia di indagini dedicate al monitoraggio del mercato del lavoro e della situazione sociale.
Le indagini sono svolte del Dipartimento del Lavoro, Bureau of Labor Statistics.
Quando si confrontano i dati relativi a madri bianche con figli bianchi vs  madri bianche con figli mulatti, l’indagine i dati NLS danno due profili profondamente distinti.
Due profili che sostengono con forza gli stereotipi comuni sulle donne bianche che si ‘avventurano’ in una relazione mista. Ancora peggiori i dati di queste donne che arrivano a generare figli mulatti.
Le femmine bianche con bambini mulatti sono significativamente meno istruite delle loro controparti. Performano in modo significativamente peggiore, nel test ASVAB (che è un test attitudinale).
Hanno in media, un indice di massa corporea superiore [sono grasse].
I loro punteggi nei test sulla personalità, dicono che sono, in media, meno intelligenti, più litigiose, più testarde, e meno affidabili. E sono significativamente più propense a “mentire e imbrogliare spesso.”
Nei test, risultano avere proprietà di linguaggio inferiori.
In test ciechi, le donne bianche con partner sessuali neri sono classificate come brutte, o comunque meno attraenti della controparte che ha partner sessuali bianchi.
Non ben curate, e con tratti di personalità meno desiderabili.
Nei test medici, hanno drammaticamente più probabilità di test positivo per clamidia o tricomoniasi, malattie che denotano promiscuità sessuale.  

I dati sono del Governo americano e sono stati raccolti dal sito Race/History/Evolution

Media punteggi ASVAB

Femmine bianche con partner maschio bianco: 61,1 
Femmina bianca con partner nero: 52.2 
Madre bianca con bambini mulatti: 45.9

Confronto dei livelli di istruzione controllato per l’età della madre figlio bianco Vs. figlio mulatto:

Per madri bianche (con figlio bianco vs figlio mulatto), età 20-24 anni: 
Meno di HS: 16,7% vs 21,2% 
BA o superiore: 7,0% vs 3,2%

Per madri bianche (con figlio bianco vs figlio mulatto), età 25-29 anni: 
Meno di HS: 5,7% vs 11,8% 
BA o superiore: 37% contro 16,2%

Per madri bianche (con figlio bianco vs figlio mulatto) di età compresa tra 30-34: 
Meno di HS: 2,8% vs 6,8% 
BA o superiore: 54,2% vs 30,5%

HS: Scuola Superiore BA: Laurea

Come si vede, mediamente, le donne bianche che ‘figliano’ con neri, hanno il doppio delle probabilità di essere senza diploma e la metà delle probabilità circa di essere laureate.
E’ un’indagine interessante. Primo, perché essendo numeri ufficiali sono inconfutabili.
Secondo, per quello che conferma in chi, come noi, ha ben chiara la situazione : le donne bianche che si avventurano in queste relazioni sono mediamente poco intelligenti, poco istruite ed esteticamente ai margini. Quasi sempre, queste tre ‘qualità’ convivono.

E’ interessante anche la differenza – in peggio – tra “bianche con partner nero”, e “bianche con partner nero e figlio mulatto”: probabilmente perché alcune tra le prime, quello più intelligenti, si accorgono in tempo dell’errore. Le altre, vanno fino in fondo.

Il che non è sorprendente.

800px-AverageIQ-Map-World
Quoziente intellettivo per regioni. http://en.wikipedia.org/wiki/The_Global_Bell_Curve

Gli africani hanno notoriamente un QI più basso dei bianchi, e anche gli afroamericani – che non sono africani puri – hanno un QI di circa 20 punti inferiore a quello dei loro connazionali bianchi.
E’ ovvio che, una donna bianca dal QI basso – ci sono ovviamente variazioni e individui marginali in tutte le popolazioni – possa trovare un suo “pari”, nelle loro fila.
Sarebbe interessante fare un’indagine sul livello intellettivo dei partner bianchi delle donne bianche che poi entrano in una relazione con un africano.
Quasi sicuramente, scopriremmo trattarsi di bianchi dal QI basso.
Non c’è una statistica per gli uomini che intraprendono relazioni miste, ma i dati non dovrebbero divergere da questi.