La trappola dell’Eurocorps

Eurocorps

Eurocorps

Dopo il nuovo Trattato intergovernativo sul Patto di bilancio, l’Ue dovrà “aprire il capitolo della politica di sicurezza e di difesa” ha dichiarato oggi il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, che in un’intervista alla Stampa ha definito “un punto di partenza” la creazione a dicembre di un centro di pianificazione a Bruxelles, sia pure limitato alle operazioni militari per il Corno d’Africa.
“L’Europa ha bisogno di una politica di sicurezza e di difesa comune, in chiave di complementarietà con la Nato” Questo con l’obiettivo di “arrivare ad essere, per gli Stati Uniti, partner paritari anche nella sicurezza” .
Inevitabile che il governo tecnico italiano, voluto come quello greco da Bruxelles per limitare la sovranità nazionale punti a rendere tutti i Paesi della Ue integrati sul piano monetario, fiscale e della sicurezza ma il problema va visto sotto diverse angolazioni.
Innanzitutto di difesa europea si parla e si blatera da decenni con risultati ridicoli poiché tutte le c risi nell’area europea, dai Balcani alla Libia, sono stati gestiti e risolti dalla Nato, non dalla Ue.
Inoltre essere partner paritari per gli Stati Uniti, come vorrebbe Terzi, sarà impossibile finché Washington spenderà da sola oltre il triplo d i quanto spendono tutti i Paesi europei messi insieme. Resta poi da chiedersi se ci convenga restare partner così stretti degli Stati Uniti i cui interessi globali potrebbero non coincidere sempre con quelli degli europei.
Del resto è inevitabile che l’Europa non abbia una politica di difesa comune dal momento che ogni singolo Paese persegue obiettivi strategici e dispone i propri stanziamenti per le forze armate in base ad esigenze nazionali. Tanto per restare nella stretta attualità la Germania (insieme a molti altri membri di Ue e Nato) non ha partecipato alla guerra libica mentre Gran Bretagna e Francia giocano un ruolo da primedonne in ambito militare e hanno chiaramente affermato di voler sviluppare e ammodernare i propri arsenali in modo coordinato escludendo però gli altri stati membri Italia inclusa.
Più o meno lo stesso ruolo che giocano Francia e Germania sul versante economico-finanziario dove con arroganza impartiscono ordini e lezioni (spesso ingiustificate) agli altri Paesi.
Cinque anni or sono or sono a un convegno tenutosi a Bologna, dove esponenti di importanti think-tank nazionali celebravano i vantaggi dell’inevitabile integrazione europea, un brillante manager di un’azienda elettronica che lavorava negli Emirati arabi uniti ricordò con efficace pragmatismo che le aziende tedesche, britanniche e francesi non erano partners ma concorrenti che cercavano di aggiudicarsi i contratti a scapito delle nostre aziende.
Le sonore bastonate prese dall’Italia nel 2011, anno nel quale Paesi che ci ostiniamo a voler definire “partners” e “alleati” ci hanno costretto a combattere contro i nostri interessi in Libia per poi “commissariarcie farci guidare da un governo che rende conto a potenze e interessi stranieri, dovrebbero indurci alla massima cautela prima di affidare all’Europa la difesa e la sicurezza nazionale. Sia perché l’Europa non esiste sul piano militare, settore nel quale non ha mai mostrato nulla di significativo escluse forse alcune sinergie e consorzi industriali, sia perché con gli attuali equilibri l’integrazione militare europea significa per l’Italia sottostare ai diktat militari e industriali di altri Paesi la cui leadership punta a relegarci in un ruolo subalterno e a toglierci di mezzo come concorrenti e rivali.
Basti pensare che quando nel marzo scorso, quando i jet francesi aprirono unilateralmente le ostilità sulla Libia, a Parigi non ebbero neppure il buon gusto di avvisarci che i loro Mirage e Rafale sorvolavano lo spazio aereo italiano.

1 Comment

  1. Nessie

    Ottimo articolo che sottoscrivo. Noto però che anche tu (come la sottoscritta) sei pervenuto a conclusioni impensabili fino a qualche anno fa. Cinicamente e un po’ semplicisticamente oserei riassumerle: “dai nemici mi guardo io, dagli amici mi guardi Iddio”. Terzi Sant’Agata non muove nulla che non voglia l’Washington Consensus. Quindi quest’Eurocorps è un’altra trovata per renderci ancora più vassalli di quanto non siamo già. Eurogendfor, Fiscal Compact, MES ed Eurocorps sono tanti mattoni di uno stesso gulag.

Comments are closed.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: