Kabul, muore militare italiano

Non si può essere insensibili alla morte. Questi ragazzi non stanno lì come truppe di occupazione ma stanno sminando il paese dalle milioni di mine antiuomo seminate in 20 anni di guerra. Sono presenti con il loro affetto pronti ad aiutare i locali, a costruire scuole, a costruire ospedali, riparare strade, ponti. Sono i ragazzi del genio non combattenti sangunarii.

Come i loro commilitoni in Iraq esportano il modus vivendi degli Italiani, la tolleranza ed il rispetto per tutti.

ROMA (Reuters) – Sarebbe stato un colpo d’arma da fuoco esploso accidentalmente da un commilitone a uccidere, stamattina, un militare italiano in servizio a Kabul. Lo ha riferito un portavoce del nostro contingente nella capitale afghana. http://it.news.yahoo.com/051011/58/3fk20.html

13 Comments

  1. utente anonimo

    non ho proprio niente da dire.

    ………

    mau

  2. bourbaki

    cordoglio e silenzio.

  3. nimesse

    risultato del grande grado di preparazione dei militari italiani.

  4. Bisqui

    Nimesse, se facessi l’erpetologo prima o poi beccheresti un morso velenoso, non per questo la gente andrebbe in giro a dire che non hai professionalità.

    Un errore lo fanno tutti, peccato che con le armi questo sia spesso fatale.

    Avrei preferito sentirti dire, povero ragazzo se stava a casa non sarebbe successo ma si sà l’odio nei confronti dei nostri soldati fa essere cinici!

  5. MindPrison

    Io non ho odio per i nostri soldati. Magari per chi ha deciso di inviarli, chiunque esso sia, di destra di sinistra, di sotto e di sopra.

  6. utente anonimo

    purchè siano sfruttabili politicamente…

    di la verità mind!

    un mau sarcastico

  7. nimesse

    sfruttabili?

    no no.

    è tutta una questione di false retoriche svelate dalla cruda realtà.

    il fascismo crollò in realtà perchè non avevamo neanche le divise per i militari. però ci convinsero che eravamo rapidi e invincibili. w la verità.

  8. MindPrison

    Mau tu c’hai la fissa dello “sfruttamento politico”… guarda che non siamo mica a Porta a porta, questi sono discussioni semplici tra persone. Anche perchè non avrei neanche qualcuno da sostenere… Prodi? Rutelli??? Mastella????? (se una cosa buona ha fatto il governo berluska, è stata quella di levarci dalle palle mastella…grazie silvio!). Ti prego… W me! Votatemi come assessore a Roncofritto. Così Mau potrà dire che ho “sfruttato politicamente” le cluster bomb e i caduti italiani x “conquistare il potere”!

    Roba da matti…

    nimesse, inutile dire…

  9. musicisti

    post perfetto Bisquì.

    pace a te e ai nostri soldati.

  10. utente anonimo

    E’ con profondo dolore che ho postato la notizia.

    Da ex militare non posso fare altro che rendere onore a tutti i ragazzi che volontariamente, anche se con una uniforme, partono per perseguire un ideale.

    Ragazzi, posso dirvi che avendo vissuto dall’interno la realtà delle forze armate , la preparazione di questi ragazzi è la migliore possibile. L’addestramento è ad altissimi livelli e l’impegno messo dai nostri ragazzi è il massimo.

    Un incidente non può oscurare anni di oscuro lavoro, vi sembrerò cinico ma le perdite sono calcolate su base statistica.

    I fattori sono tanti, a cominciare dalla stanchezza psicologica, quello che si prova con tutti e 5 sensi in una zona operativa metterebbe a terra chiunque. Senza un adeguato adattamente sarebbe impossibile sopravvivere psicologicamente.

    Le armi sono giocattoli infernali e un minimo errore costa caro. Operazioni che si fanno milioni di volte, in partocolari condizioni, da normali diventano pericolose.

    Anzi, in un primo momento credevo che si trattasse di suicidio e non mi sarei meravigliato.

    Facile per noi parlare da qui, tra le coperte di mammina o tra le braccia della morosa, ma lì la realtà è ben diversa, il peggiore degli incubi non dà minimamente l’idea.

    Provate a immaginare ore e ore a sminare, ogni intervento col cuore in gola, il sudore che ti cola sugli occhi e la paura che ti attanaglia lo stomaco. Toccare la morte con le mani minuto dopo minuto. E questo solo per impedire che altri perdano la vita a causa della follia dei governi.

    Non guardate i soldati con occhi biechi, guardateli con gli occhi di chi apprezza il lavoro che fanno a rischio della loro vita.

    Così è e così sarà per i nostri ragazzi ovunque siano chiamati e ovunque andranno.

    Onore ai caduti!

  11. Bisqui

    Scusate qui sopra sono io.

  12. hawkmoon269

    certo che ’sta storia del “colpa di chi li ha mandati”:

    ma davvero pensate che questi UOMINI siano dei fantocci senza pensiero?

    che non possano decidere per loro? ufficiali e soldati ciechi che sanno solo dire sì?

    beh sveglia! questi sterili “luoghi comuni” hanno fatto il loro tempo….

    ottimo post Bisquì… un saluto

  13. Bisqui

    Grazie hawkmoon269, sei il benvenuto

Comments are closed.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: