Delle condanne pelose e della difficoltà  a fare i conti con il proprio passato…

Questo post di Jeanne ed Emile De la Penne  e tutti i riferimenti che sono in esso vanno assolutamente letti.

Si parla di 40 anni della storia d’Italia.

Scrive Zanzara sul suo blog: «Liberazione 1. Titolo in prima. “Usa. 999 giustiziati in 30 anni. Oggi tocca al numero mille”. Cari Comunisti Rifondati e pure strabici, nella Cina Comunista sono 10.000 all’anno i giustiziati, stima per difetto. In 30 anni sarebbero 300mila. E’ evidente che siete rimasti fedeli alla linea di pensiero di quel gran pezzo di democratico del non compianto Stalin. “Una morte è una tragedia, un milione di morti è statistica”.

Ecco i dati raccolti su Nessuno tocchi Caino:
Almeno 5.523 esecuzioni sono state effettuate in 25 paesi nel 2004.

Cina: almeno 5.000 (circa 10.000, secondo Chen Zhonglin, deputato al Congresso Nazionale del Popolo)
Iran: almeno 197
Vietnam: almeno 82
Corea del Nord: numero imprecisato, ma dell’ordine di parecchie decine
Stati Uniti: 59
Uzbekistan: almeno 50
Arabia Saudita: almeno 38
Pakistan: almeno 29 (di cui 8 effettuate su ordine di una giuria tribale)
Bangladesh: almeno 13
Kuwait: almeno 9
Egitto: almeno 6
Singapore: almeno 6
Yemen: almeno 6
Bielorussia: almeno 5
Tagikistan: almeno 4
Indonesia: 3
Libano: 3
Taiwan*: 3
Giappone: 2
Afghanistan: 1
Giordania: 1
India: 1

Non esistono dati ufficiali ma un numero imprecisato di esecuzioni sarebbero avvenute nel 2004, secondo Amnesty International, anche in Siria (almeno 2), Sudan (almeno 2) e Somalia (almeno 1).

Si puo’ notare come la cifra di 30.000 sia largamente sottostimata poiché solo nel 2004 le esecuzioni in cina sono state tra le 5000 e 10000, il che porterebbe le esecuzioni in questi ultimi 30 anni tra 150.000 e 300.000, ma lo sdegno of course é per il millesimo condannato americano. Ribadisco dalle democrazie ci si attende sempre l’eccellenza, dalle dittature non ci si attende nulla, per cui nella testa dei più le potenziali 300.000 esecuzioni non hanno nessun valore. Dopo tutto non fanno che crescere il numero di vittime del comunismo, poiché in Cina si puo’ essere condannati alla pena capitale anche per evasione fiscale…

13 Commenti

  1. ephrem

    Grazie :))

  2. ChiodoSpuntato

    Replico la risposta già data ad Eprhem:

    Mi dispiace che quando si parla di politica gran parte della gente (a quanto pare voi in primis) ragioni ancora in termini biliosi di fascisti e comunisti, anche se oramai sono categorie del passato.

    Tanto per dare un’idea di quanto si sbagli questo post, proprio stamane in occasione della millesima esecuzione di un cittadino americano ho postato un breve resoconto di quella barbarie che è la pena di morte.

    Se andrete a dare un’occhiata, vedrete che la palma del peggior carnefice la assegno proprio alla cina, e che non vi è nessun commento di natura polemica verso gli USA, nonostante personalmente io lo consideri un abominio bipartisan.

    Mi dispiace che anche la morte diventi un mezzuccio per attaccare i “rossi” o i “neri”. Forse un poco più di rispetto per le vite altrui sarebbe indicato.

    Ciao

    Giulio

  3. grendel00

    Mi dispiace che quando si parla di politica gran parte degli stronzi usino l’equazione USA = fascisti.

    Fascisti, nazisti, comunisti sono degni solo della spazzatura della storia.

    Guarda caso sono tutti i nemici contro cui gli USA e i paesi liberali si sono battuti.

    Guarda caso sono tutti gli amici nei confronti dei quali i pacifisti – da Marcel Deat ai giorni nostri – hanno calato le brache.

  4. Bisqui

    Si Ephrem,

    prego, solo che ho dimenticato di mettere il tuo nome. Lo faccio subito, sai con moglie e figli è facile distrarsi, anche adesso ho uno scass…uallere che mi parla nelle orecchie menttre scrivo

  5. camelotdestraideale

    ben detto…

  6. glueandme

    Secondo me Cina e USA sono sullo stesso piano riguardo alla pena di morte, dato che tutte e due la praticano. A prescindere dalle motivazioni che hanno portato alla condanna.

  7. ephrem

    @ glueandme: a prescindere dal fatto che sono contro la pena di morte, ma vorresti dire che la Cina che condanna a morte gli evasori fiscali la mettiamo sullo stesso livello degli Stati Uniti? E allora seguendo il tuo ragionamento chiediamoci perché ogni condanna a morte americana genera un tam tam mediatico, mentre su quelle cinesi c’é praticamente il silenzio, certo non é per la mancanza di tempo e di spazio sui media, visto il numero di esecuzioni che indurrebbe a parlarne un giorno si e l’altro pure…

  8. Spikeilvampiro

    Diciamo che con la morte non si scherza. E che uccidere non è mai bello. E se ve lo dico io da “vampiro”, credeteci….

    A proposito di Usa e Cina: loro sono forti economicamente, militarmente, ideologicamente… forse dovremmo preoccuparci più di noi, pur senza perdere di vista il “bene comune a livello planetario”!

  9. ChiodoSpuntato

    Ephrem, cinicamente parlando la pena di morte è una sanzione penale come un’altra, ed una volta introdotta non ha senso dire “per questo crimine è giusto, per questo no”. L’ordinamento stabilisce per quali delitti è prevista, punto.

    Se si vuole dare un giudizio di merito lo si deve dare in assoluto, non si può dire quella pena è meno sbagliata di quell’altra.

    La pena di morte o è giusta o no. Poi, come viene applicata, è un altro discorso. Il giappone ad esempio ha un sistema di esecuzione che in confronto la Cina è il bengodi.

    Eppure il Giappone è il maggior partner orientale degli USA, ed al contrario della Cina, Bush non ha mai detto che deve cominciare a rispettare i diritti umani!

    Quindi, come vedi le questioni di principio sul dettaglio seguono il classico sistema del “due pesi due misure”… vale per noi come per gli USA.

  10. Lisistrata

    Abbiamo un feeling, quando ci fu l’altra esecuzione feci un post riportando gli stessi tuoi dati, ma anche lì i nemici dell’intelletto reagirono proprio come ora.

    Che ci vuoi fare? Non è più la religione l’oppio dei popoli, è il comunismo ad essere diventato l’eroina dei dementi.

  11. utente anonimo

    Hehehe…in effetti da anche a me fastidio che Raitre (the comun-twist) abbia qualche settimana fa parlato di pena di morte dicendo che gli americani arrivavano alla loro millesima vittima e dicendo che la cina è a quota 5000 (cifre + probabili)…

    La differenza è proprio che l’america a 1000 c’è arrivata dal 72 a oggi…la cina invece ha 5000 all’anno (quindi (2005-1972)*5000= caspitaroni).

    (stranamente l’unico che s’è salvato è report che ha messo in evidenza tale aspetto).

    Comunque credo che l’america (anche se i gradi di giudizio nel caso di pena di morte siano 5, cioè puoi arivare anche a 40 anni di rinvii per accertamento processuale dei fatti) possa anche farne a meno visto l’esiguo numero di condannati rispetto all’alto numero dei carcerati.

    Infine: Mondo can…emmm…Cina.

    10000 secondo il ministro prima detto. Altri parlano di 5000 (altri non ne parlano…censura partitica).

    Ma sono solo 5000? la cifra dei morti casuali in cella è di 5000 persone per i trattamenti che i secondini usano con i partecipanti al sistema proletario che si preoccupa del popolo (5000+5000=10000).

    I morti nelle miniere di carbone invece sono intorno alle 5000 vittime (come tutte le cifre che riguardano la Cina…all’anno).

    Poi abbiamo i casi di suicidio in seguito alle persecuzioni religiose (la cifra non la so ma anche questa è bella alta).

    Infine fenomeno degli ultimi anni: il governo comunista ha rilanciato le attività produttive, ma purtroppo si è creato uno sfasamento fra campagna e capitare (un po’ come in medioriente dove c’è il multimiliardario e il morto di fame) tale per cui le persone delle campagne iniziano a rivoltarsi. Si parla di repressioni nel sangue (come se l’aviaria lì non avesse fatto vittime…cifre ovvimanete nascoste) con la polizia-esercito….ma tanto sono 1.3 miliardi…ci sono ampi margini di sostituzione entro l’anno della risorsa carne e qualche migliaio in meno non si nota nemmeno.

    Saluti Johny Winter

    PS: se volete ci sono in rete i video delle torture verso i seguaci del Falun Gong.

    Vi procuro il link?

  12. Bisqui

    Ciao Johnny,

    si, grazie è una bella cortesia così proseguiamo il post.

  13. utente anonimo

    Asia news (noto sito pro chiesa) ha una sezione apposita:

    http://www.asianews.it/cat.php?l=it&cat=1

    Clearharmony si preoccupa delle persecuzioni al falun gong con articoli:

    http://it.clearharmony.net/

    e video (persecuzione falun gong e f. Dafa):

    http://www.ymtv.net/

    Infine un sito sui Laogai (istituti di correzione cinese, non carceri, soltanto lavaggio del cervello e sfruttamento del lavoro)

    http://www.christusrex.org/www1/sdc/laogai.html

    Saluti Johnny winter

i commenti sono chiusi

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: