Il comunismo : ipocrisie e contraddizioni

Internet è una fonte inesauribile d’informazioni, basta saper cercare e si trovano le risposte alle più disparate domande. Nella mia ricerca sulle tracce del dilagare del comunismo nel mondo mi sono imbattuto in una serie di libri di testo scritti per indottrinare riscrivendo la storia di un popolo martorizzato come quello Palestinese. Tutti noi conosciamo la storia, chi in un modo chi nell’altro. Noi Europei liberali, figli dei figli della 2° guerra mondiale sappiamo che gli Ebrei, perseguitati in tutta Europa, furono costretti ad emigrare dalle nazioni dove videro i natali, in un posto del medio oriente chiamato Palestina.

Grossolanamente questo è quello che tutti noi conosciamo, ma quello che non sappiamo è che gli Ebrei non lasciarono mai Isdraele, molti di loro restarono e molti li raggiunsero nel lontano 1800. Ecco la storia della più lunga guerra moderna comincia da allora. Se nessuno si fosse messo ad agitare le acque, molto probabilmente quei due popoli che avevano convissuto dalla notte dei tempi, avrebbero continuato a farlo in eterno. Ma questo qualcuno, esportatore dell’ideale dell’uguaglianza e della libertà dei popoli si mise a sobillare le masse, così come già fatto in precedenza e così come continuò a fare e continua a fare in ogni angolo della terra.

Leggete su queste pagine LEZIONE MARXISTA DELLA FORMAZIONE DI STATI E DELLE LOTTE SOCIALI IN MEDIO ORIENTE e con senso critico vi accorgerete che la storia del comunismo così come conosciuta dagli uomini liberi è pura contraddizione, ipocrisia, omissione, negazione, mistificazione, plagio di masse ignoranti …

La lezione è scritta in Italiano ed è stata stampata nel 1983, tanto per confermare che i comunisti in Italia ci sono, eccome se ci sono…

2 commenti su “Il comunismo : ipocrisie e contraddizioni

  1. Ciao Redivivo!

    ti sei letto tutta la pappa Bolchevica? Che stomaco che hai, ho paura che tu sia l’unico che è arrivato fino in fondo.

I commenti sono chiusi.