boldrini2

Cittadinanza : per Boldrini Rossi non è italiano, Balotelli si

… secondo la Boldrini lo “ius soli” per concedere la cittadinanza italiana ad extracomunitari, stranieri e clandestini vale di più dello “ius sanguinis” che consente ai figli di italiani emigrati di conservare quella italiana, nonostante lo ius sangunis non impedisca ai figli di stranieri nati qui di divenire italiani nei modi e nei tempi previsti dalla legislazione vigente

Nel meraviglioso mondo alla rovescia dell’ayatollah Boldrini, Giuseppe Rossi nato a New York da genitori italiani non è italiano, lo è Mario Barwuah nato casualmente a Palermo – e lì mai più tornato – da due ghanesi.
E’ interessante, Balotelli è quindi ‘palermitano’ per il solo fatto di essere nato lì? Perché seguendo la logica dello Ius Soli, se è vero che è italiano, dovrebbe prima essere un tipico rappresentante della città nella quale è nato.

Smontare la ‘logica’ presunta dei fautori dello Ius Soli, è cosa più semplice del mondo, e se vivessimo in una società mediamente razionale chi parlasse di Ius Soli verrebbe sbeffeggiato dai media al soldo di quel padrone che vuole tante braccia da sfruttare e anonimi individui che lo votino.

ROSSIB

E’ sempre importante dare impatto visivo alle cose. Se è vero che Balotelli è italiano e Rossi no, come logica da Ius Soli imporrebbe, significa che, all’estremo, un’Italia abitata da 60 milioni di ‘balotelli’ sarebbe comunque considerata Italia.
E’ realistico?
Può qualcuno sano di mente asserire una stupidaggine simile?
No, e allora, se una penisola abitata da 60 milioni di ex-ghanesi non può essere considerata ‘Italia ‘ ma qualcosa che potrebbe essere definito ‘Ghana’, per consequenzialità di ragionamento, visto che la qualità non può essere influenzata dal numero, i Balotelli – e qualunque africano cinese o lappone – non possono essere definiti italiani. Nemmeno Santa Kyenge. E’ un ragionamento tautologico.

La Boldrini non si è bevuta il cervello, semplicemente non lo usa.