Black Radioactive Humor

ovvero alcune considerazioni umoristiche su una orribil, e meritatissima, morte.

topolino fantasia

topolino nel cartone fantasia

La orribil morte in questione è quella di Hardeshir Hassanpour, scienziato nucleare iraniano, trapassato per avvelenamento da radiazioni il 15 gennaio 2007. Il suddetto personaggio era l’uomo di punta del programma atomico iraniano, che il Cammelliere pazzo , presidente democraticamente eletto dell’Iran, afferma dedito ad scopi pacifici, mentre tutto il mondo , compresi i fratellini musulmani delle nazioni confinanti, credono diretto alla produzione di armi nucleari.
Sembra che il defunto fosse stato contaminato da una perdita radioattiva dell’impianto che stava esaminando. Con la sua dipartita, si immagina che il programma nucleare iraniano subisca una battuta d’arresto.
Questi sono i fatti. Da ora in poi si entra nell’umoristico.
La notizia del trapasso ha avuto rilevanza mondiale dopo che una radio in lingua parsi finanziata dagli Stati Uniti (che non sembra siano i maggiori amici dell’attuale regime iraniano…) ne ha parlato.
Si sono scatenate illazioni e affermazioni sui quotidiani nazionali  (http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=999920&sez=110&id=19317 )
e internazionali , sul presunto coinvolgimento del MOSSAD (servizio segreto israeliano) nella cruenta dipartita del tipo…
Due cose :
Primo, è interessante vedere come i mangia ebrei sinistrorsi abbiano subito abboccato all’amo , dando la colpa ai maledetti giudei (basta cliccare su google : scienziato iraniano e vedrete tante e varie bestialità…).
Pensare automaticamente che il MOSSAD abbia una tale capacità , mi sembra eccessivamente simile al mito della CIA che ci controlla dallo spazio mediante le onde gamma…(questa fola è una delle manie paranoidi tipiche dei pazzi di nazionalità americana…) Alla fine ,per certa gente, è sempre colpa degli ebrei…(ma però loro non SONO antisemiti , nooo).
Secondo, quando nel 1978 si fu il “venerdì nero” iraniano , i soldati dello scià tirarono sulla folla che protestava a Teheran, facendo decine di morti. Circolò allora la favoletta che erano stati dei soldati israeliani a sparacchiare. Da questo si può arguire che gli iraniani (come tutti i musulmani e i mangia ebrei) tendano a credere a tutte le balle, purché contro gli israeliani.
Nonostante , ciò fonti ufficiali iraniane hanno messo a tacere queste illazioni con un comunicato ufficiale : http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/news_collection/awnplus_mondo/2007-02-05_10538331.html: (ovviamente, ammettere che uno degli uomini più protetti del paese potrebbe essere stato segato da un’operazione nemica sarebbe peggio che perdere una battaglia …)
Fonti non ufficiali parlano di un incidente , non dovuto a sabotaggio, che avrebbe avvelenato un intero gruppo di scienziati…
Questo mi porta a parlare del cattivo rapporto che hanno tutti gli islamici con qualsiasi cosa che non abbia 4 zampe e qualche gobba…
Il mio impiego mi costringe spesso a lavorare per i paesi musulmani, e a volte c’è proprio da sganasciarsi…
un paio di esempi emblematici:
Impianto di dissalazione per una grande città musulmana.
Tutto pronto , tutto a posto, progettato e costruito da italiani.
L’unica cosa che i beduini dovevano fare, era posizionare la presa a mare dell’acqua da dissalare. Venne fuori che la presa era stata situata a 10 metri dallo sfogo della cloaca maxima (traduco : 10 metri di distanza dallo sbocco della fogna principale della città… non c’è niente di meglio per avere acqua pulita…)
Impianto di produzione dell’energia nel deserto.
Un cantierista (persona specializzata a lavorare sui cantieri di costruzione) viene interpellato da due tecnici totalmente arabi e immensamente terrorizzati.:
“Alle 24.15 la produzione di energia si dimezza! Sarà il diavolo!” (il che???)
Cioè alle 24.15, sugli strumenti in sala controllo veniva registrata una diminuzione del 50% dell’energia elettrica prodotta (nonostante che tutti i sistemi funzionassero a pieno regime…).
Il nostro cantierista, con piglio da Sherlock e non credendo al diavolo ecologista/ladro di corrente, cominciò a esaminare i cavi di collegamento della strumentazione della sala controllo. Scoprì che dei cavi di potenza erano stati cretinamente mischiati ai cavi strumentali (cosa che è VIETATA TASSATIVAMENTE da tutti i regolamenti costruttivi).
Quando alle 24.15 una particolare dinamo si accendeva , faceva passare corrente in questi cavi di potenza. La presenza dell’alta tensione pasticciava i dati trasmessi dagli strumenti….
Ecco smontato l’arcano. Elementare Mohamed!

La mia esperienza personale mi induce a pensare a un tragico ,oddio non esageriamo, comico incidente nel quale il fresco cadavere ha assaggiato la sorte che voleva far subire ad altri.
Semplicemente un guasto o un problema dovuto al modo di lavorare tipico dei musulmani:
“Il pezzo non entra? dagli un paio di martellate e inshallah!” (preciso che questa non è un’opinione solo mia , ma è diffusa nell’ambiente di chi lavora per gli islamici).
E’ ovvio che questo modo di operare ,applicato con cose che fanno bum, o peggio velenose o radioattive, non porta a risultati eccessivamente soddisfacenti.
Bisogna allora pensare che gli sforzi americani ed israeliani per evitare che l’Iran abbia una capacità nucleare, non seguono una logica politico/militare ma semplicemente un afflato umanitario (!). Pensate a immaginare degli impianti così pericolosi in mano a certi persone… c’è proprio il rischio di una chernobil sabbiosa!

Alle anime belle per cui sembra inumano ridere di una morte opportunamente dolorosa , voglio dire che la mia pietà la voglio spendere per chi se la merita, e NON per un novello dottor mengele.

Se fossero effettivamente stati i ragazzacci del MOSSAD a fare il lavoretto, tanto di cappello!
Riuscire in un operazione del genere è da GRANDISSIMI professionisti.

19 Comments

  1. Bisquì

    Fratellino,
    bellissimo post. Sei un grande!

  2. gregorj

    Hai capito il caposkaw? Lavora nella dissalazione…

    l’aneddoto è caruccio, e credo contenga persino elementi di verità. Peccato che si percepisca anche un pochino di razzismo. Ma fa nulla.

  3. gregorj

    Dicevo: un errore come quello che tu descrivi mi sembra tipicamente “italiano”, cioé derivato da pressapochismo nel lavoro e superficialità. Infatti mi sono sempre chiesto cosa succederebbe se in italia si mettessero le centrali nucleari (io sono favorevole all’energia dall’atomo): secondo me ci troveremmo in tutta una serie di situazioni come quelle descritte dai Simpson, quando Homer lavora alla centrale.

    Vedi? In questo caso è scattato in me lo stereotipo dell’”italiano incapace”, così come tu, a spiegazione dei fatti, porti quello del musulmano “dàgli un paio di martellate e inshallah”. Questo è una spiegazione frutto di stereotipi, e in questo – soltanto in questo – un pochino razzista.

    Tutto qui. 🙂

  4. caposkaw

    oddio…
    in italia si chiama faciloneria. ed è un atteggiamento del 20%.
    nei paesi musulmani si chiama filosofia della rassegnazione, ed è del 90%.
    chi sta peggio?
    noi o loro?

  5. Bisquì

    Gregorj,

    …Peccato che si percepisca anche un pochino di razzismo…

    la percezione è soltanto tua. La percezione è soggettiva, non oggettiva. Noi percepiamo quello per il quale siamo più portati a percepire.
    Per esempio io percepisco da parte tua del razzismo nei confronti degli italiani e degli occidentali in genere.
    Adesso dimmi oggettivamente : la cultura media degli italiani è paragonabile a quella di paesi dove l’analfabetismo è diffuso nel 60% della popolazione?

    Adesso per inciso, in Italia le centrali nucleari sarebbero ne più ne meno come quelle costruite all’estero dagli Italiani. Funzionerebbero come quelle gestite da tecnici Italiani, per esempio quelle slovene e non salterebbero per aria come quelle gestite da comunisti.

  6. squitto

    Mau!! Ho le lacrime agli occhi e i crampi alla pancia!!!! :-DDDD

  7. Edmund

    Razzista…. no, direi la fiera del luogo comune.
    Vedo che lavori nel settore impiantistico, benvenuto. Io fra pochi giorni fanno 39 anni…. di lavoro (14 febbraio 1968).

    Pur non condividendone nessuno, di luoghi comuni ne faccio collezione:

    Arabi: ovviamente…. stupidi. Ma col petrolio.
    Iraniani e Israeliani: paranoici. (Voi italiani siete tutti ladri).
    Inglesi: Stronzi, razzisti e scorretti.
    Francesi: Stronzi razzisti ma corretti.
    Belgi: Pedofili
    Tedeschi: Nazisti indecisi (Ci amano, ci odiano ci disprezzano, ci ammirano…..)
    Svizzeri: Precisi (A mettertelo nel c.).
    Irlandesi: Allegri, simpatici, ubriaconi, ladri.
    Svezia Norvegia e Danimarca: Alcolizzati, razzisti e depressi.
    Russi: Alcolizzati, Corrotti ma amiconi (Periodo URSS). Alcolizzati, corrotti e un po’ razzisti (Adesso).
    Polacchi, Romeni, Bulgari: Stupidi, le donne tutte p….e
    Greci: Tutti pederasti.
    Spagnoli: sono come noi ma più furbi.
    Portoghesi: Sono come noi ma meno furbi.
    Americani: Corrotti (!!!), intelligenti, sboroni, simpatici.
    Canadesi: Ce l’hanno piccolo.
    Giapponesi: Sono giapponesi, pensano che chi non è giapponese sia una merda, però non te lo dicono.
    Cubani e sudamericani in genere: Si balla, si canta e si scopa.
    Africani in genere: Con l’anello al naso.
    Sudafricani (Bianchi): Nazisti ma estremamente corretti.
    Cinesi: Corrotti, gentili, ridono sempre, e alla fine ti fregano, (sempre).
    ……
    …..
    ….
    Mi scuso con gli omessi.
    Dimenticavo, come si dice da queste parti (Calderolia).
    Terroni: Tutti da bruciare.
    Ciao
    Edmund

    PS.
    “l pezzo non entra? dagli un paio di martellate” pratica molto diffusa anche qui nelle prealpi.

    Le leggi di Murphy di Calderolia
    Non mischiare i cavi, rispettare le normative:
    1)”In tucc ball” (Sono tutte bugie).
    2)”Avem semper fa inscì” (Abbiamo sempre fatto così).

    PS. (2)
    Bisquì, il tuo antispam è un casino:
    Sorry, Forbidden.
    You don’t have permission to access this URL on this server
    Non si riesce a capire se un post è passato o no.
    Allenta le maglie…..

  8. Bisquì

    Ciao Edmund! 🙂
    L’anti spam è fornito da un servizio esterno al blog, risiede su un server che raccoglie le indicazioni da tutti i blog collegati. Io ho impostato la “severity” su “normal”. Purtroppo, è Splinder che è in black list. Fino a quando i gestori non si mettono in testa di fare un pò di pulizia sarà sempre un casino. Purtroppo, ogni volta devo ripescarvi dal secchio 🙂 per poter avere i vostri commenti pubblicati.

    Un consiglio, iscrivetevi al blog. Nella toolbar trovate il link. Spero che una volta loggati non abbiate più questo problema.

  9. Edmund

    Fatto, adesso ho anche l’icona.
    🙂
    Cancella il messaggio doppio.
    Ciao
    Uno di questi giorni ti scrivo, la pressione del lavoro sta diminuendo.

  10. Fabio

    Ospitalieri???
    Mica farai parte dei Cavalieri ospitalieri di San Giovanni????
    Fabio

  11. caposkaw

    Il luogo comune è un pregiudizio.
    e come tutti i pregiudizi è sbagliato.
    ma se si rivelasse una triste verità?

  12. Bisquì

    Fabio,
    anche se fosse è un delitto? Perchè ti meravigli tanto? I Cavalieri di S.Giovanni appartengono ad un’associazione mafiosa?

    A me risulta che fanno solo del bene.

  13. Wellington

    “Da questo si può arguire che gli iraniani (come tutti i musulmani e i mangia ebrei) tendano a credere a tutte le balle, purché contro gli israeliani.”

    Non possono nemmeno farsi sfuggire un palloncino…

    http://kulturame.splinder.com/post/10785926/P. come Pallonari

  14. Jetset

    I sinistri sono stati colpiti da sindrome di Livtinenko. Basta che sentano la parola “radiazione” et voilà, il complotto è servito. Ovviamente sempre un complotto Made in USA.

  15. caposkaw

    mamma mia , wellington!
    sono veramente morto dal ridere!
    mi dimetto anch’io!!!!!

  16. kizoushaidan

    Quando ci ho un maomattano per collega di lavoro prego Allah che sia uno sfaccendato che mi costringe a lavorare per coprirlo e non un frustrato con la donchisciottesca convinzione di essere efficiente che pertanto trasforma il posto di lavoro in una roulette russa con le sue idee del clinz

  17. Fabio

    Almeno posso capire meglio da che punto di vista parli.
    Certo che i cavalieri ospitalieri di san giovanni, noti meglio come cavalieri di malta, non sono proprio quello che definisco “bene”.
    Forse tu fai del bene, questo non posso contestartelo ma se fai parte di quella loggia sarai in un grado molto basso se pensi questo.
    Non per fare polemica, è solo un mio pensiero dopo aver visto quello che combina quella loggia.
    Fabio

  18. Bisquì

    Fabio,
    credo che dovrai ricontrollare le tue fonti, i luoghi comuni come già affermato non sono verità. I cavalieri di Malta non sono una loggia ma un ordine di religiosi laici.
    Il loro compito è perfettamente uguale a quello che svolgevano i loro antenati : curare i malati e costruire ospedali.
    Ti assicuro che è così. Oggi si notano un pò meno ma se frequentassi l’ambiente ospedaliero ti capiterà senzaltro di incontrare una persona con un camice bianco e la croce codata rossa ricamata sul taschino.

    La croce codata è di derivazione Benedettina, i primi veri ospitalieri che adottarono il simbolo della città d’Amalfi perchè è da lì che partirono per la loro missione.

  19. Fabio

    Ti ringrazio per il chiarimento.
    Mi informerò meglio.
    Ciao
    Fabio

Comments are closed.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: