arte-sacrilega

Arte contemporanea

arte sacrilega
arte sacrilega

Una madonna coperta da un preservativo è la pubblicità apparsa su America Magazine la rivista dei gesuiti americani.
Se Sant’Ignazio di Loyola fosse ancora vivo, dopo le scuse ai fedeli, alla Santa Sede e alla Vergine stessa, al posto della redazione della rivista ci sarebbe un cratere fumante.
Fonte: Catholic World News

Articolo ripreso da : Kattoliko Pensiero

22 comments

  1. Bisqui says:

    Minchia, sei rapidissimo!

    No, quello no. Però la cosa dovrebbe far riflettere, se davvero è necessario il rispetto per tutte le religioni, qualcuno dovrebbe cominciare a pensare che cè qualcosa nei comportamenti Libertari o liberisti o laici, che non funziona.

  2. Ciao Bisquì, semplicemente vergognoso questo gesto di blasfemia! Però i nostri comunistoni lasciano correre per la nostra religione e fanno lacrimuccia per le vignette antiislamiche. Ciao Nessie

  3. squitto says:

    … e cosa fare, allora, per il sacerdote ucciso in Turchia? Quella non è mica blasfemia, è sangue vero. Quello mica conta…

    Il governo Turco si è affrettato a dire che l’omicidio non è collegato alla vicenda delle vignette, e noi facciamo pure finta di crederci… collegato o no, cambia qualcosa? E’ stato ucciso un uomo, un italiano (prima che un rappresentante della fede cattolica, ma che comunque è stato ucciso per questo) in un paese ambiguo che ha chiesto di entrare in Europa…

    perché non andiamo a protestare bruciando le bandiere turche davanti alle loro ambasciate? valgono più una dozzina di vignette di tante teste mozzate?

  4. ephrem says:

    Come può rispondere la democrazia al medioevo e all’imbarbarimento causato dall’indottrinamento fondamentalista delle masse islamiche? Difendendo i suoi valori, in primis la libertà di parola e conseguentemente anche di satira. Non ricordo chi ha detto: “La libertà senza il diritto di offesa è una farsa” ora posso capire che questo principio possa suonare forte, ma è lì il punto FONDAMENTALE del problema, oggi cediamo all’Islam fondamentalista, domani saremo costretti a cedere a chiunque chieda le medesime pretese, nel nome dello stesso principio. Sarà la morte della libertà di parola. Fa specie che un Vauro, prenda la distanza da questi fatti, addossando, come era prevedivile la responsabilità di tutto questo agli Stati Uniti. Ha avuto il coraggio di dire che la satira e gioia e divertimento, ricordiamo benissimo la sua (a mio avviso ignobile) vignetta su Quattrocchi, non ci siamo certo immaginati di mettere a fuoco la sede del Manifesto…

  5. Wellington says:

    Senza contare che, come ho scritto nel mio post, fino a un centinaio di anni fa (ma anche meno) chiunque avesse incendiato una ambasciata europea si sarebbe ritrovato una bella dichiarazione di guerra sul groppone (cara Siria), altro che scuse per un paio di vignette.

  6. utente anonimo says:

    mah, hai ragione, ma comunque a uno possono girare le scatole?

    poi sono convinto di una cosa:

    che se acchiappassimo un po’ di sensabretelle e gli facessimo il trattamento cinese (che è un metodo che gli farebbe dire che sono delle falene venute da plutone..) poi tutto il sensabrellame ci amerebbe alla follia dato che ,come i caproni, adorano il potere esercitato…

    un mau massacratore

  7. nemrut says:

    Mi chiedo che razza di mondo stiamo lasciando ai nostri figli..qui stanno dando tutti i numeri.

    Stiamo tornando ai secoli biu, le crociate le guerre di religione. Pazzesco.

    L’ho scritto ovunque e lo scrivo anche qui, non approvo le scuse dei governi per 12 vecchie vignette, pubblicate da un libero giornale e non dal consiglio dei ministri, scuse insensate è un pericoloso precedente.

    Dovremmo difendere con orgoglio la nostra democrazia non piegarci ai diktat di masse manipolate dal terrorismo islamico, la nuova frontiera, dopo i kamikaze ora lanciano direttamente le folle inferocite.

    Senza scatenare guerre forse era il caso di tenere la schiena un po’ più dritta.

  8. Wellington says:

    Nemrut, non vorrei che tu avessi pensato che io inciti a dichiarare guerra alla Siria. Non ci penso nemmeno. Io di fatto la penso esattamente come te, ed è ciò che ho scritto sul mio blog da quando è iniziata questa storia.

  9. Otimaster69 says:

    Bisqui quello che non funziona siamo noi, abbiamo perso di vista i valori su cui si fonda la nostra civiltà e se vengono offesi nemmeno ce ne accorgiamo.

  10. utente anonimo says:

    Ovvisamente, i nostri pacifondai, pronti a protestare quando la nostra chiesa a dir loro interfesrisce nelle questioni, adesso stanno zitti. Adesso che stanno succedendo rivolta sanguinose a causa di una religione diversa da quella cattolica, non parlano non protestano non manifestano.

    Ciao mitico

    StarSailor

  11. Bisqui says:

    Ragazzi,

    il discorso è complicato assai. Limitarsi a guardare solo l’aspetto della religione è limitativo. Come singoli abbiamo delle grosse responsabilità nei confronti di noi stessi e della nostra civiltà. L’intervento di Oti è illuminante da questo punto di vista. In oltre come “vecchio” continente abbiamo anche la responsabilità di non aver saputo aiutare le popolazioni che sono diventate nazioni dopo la 2° guerra mondiale. Ancora stiamo sbagliando, curando ognuno il proprio orticello, guardate Francia, Germania e compagnia cantando. Adesso che ci sarebbe la possibilità di essere per una volta uniti in qualcosa di costruttivo ogni governo se bne và per conto suo. Ci sarebbe da scrivere per giuornate intere, prendersela con tutta la popolazione musulmana mi sembra veramente eccessivo, l’ignoranza del largo strato di popolazione li rende facili prede di pochi edotti (laureati in Europa) che aspirano al potere assoluto. Lì non c’è un vero governo democratico, sono tutte dittature che si susseguono una all’altra e queste sono le conseguenze. Credo che 2 siano le soluzioni nell’immediato :

    a) far capire che non si scherza.

    b) individuare i corrotti e sottoporli al pubblico.

    Se così fosse stato fatto per Arafat, adesso non ci sarebbe un Hamas ma un governo più sincero e più democratico, nessuno ama la guerra ad oltranza.

  12. CronenBORG says:

    Ciao e grazie per il link e il commento! Bel post. Stavo scrivendo una roba lunghissima, quando… il tuo template ha REFRESHATO!! eheheh… Puff! tutto perduto :-((.

    Volevo solo citare alcuni casi di censura “velata” della chiesa cattolica, come nel caso del film “L’ultima tentazione di Cristo”, oggi caduto (appunto) nel dimenticatoio… Per dire che al massimo la chiesa cattolica ha usato questi mezzi di potere in passato per “vendicarsi” nei confronti dei blasfemi, ma quello che si sta strumentalizzando nei paesi musulmani in questi giorni, da parte dei poteri costituiti è veramente troppo!

    Sembra di sentire alcune voci come quelle della fallaci o di scrittori di fantascienza come Luca Masali che riecheggiano come profezie…

    Speriamo di non dover combattere la terza guerra mondiale per colpa delle religioni…

    Ciaooooo

  13. METAFISICO says:

    QUesto schifo non ho voluto metterlo sul mio blog, c’è il rischio di fargli pubblicità.

    Del resto se “l’orinatoio di DUschamp” è stata proclamata l’opera più importante del novecento…

    I cattolici dovrebbero indignarsi anzichè rifugiarsi nel donabbondismo.

    Questa non è arte ma merda che solo i coprofagi possono apprezzare.

  14. Bisqui says:

    Metafisico,

    non credere che a me piaccia, pensavo solo che se per delle vignette hanno “organizzato” ’sto casino, immagina cosa sarebbe successo se avessero fatto una porcheria del genere

Comments are closed.